• Agosto 16, 2022

Il CDC tocca il fondo

di Alex Berenson

Ieri i Centers for Disease Control, l’agenzia americana per la salute pubblica non del tutto politicizzata, hanno pubblicato un nuovo studio che pretende di dimostrare che la vaccinazione protegge dall’infezione da Covid meglio dell’immunità naturale. Naturalmente, è seguita un’ondata di notizie sui benefici della vaccinazione a mRNA.

Per fare ciò, il CDC ha utilizzato alcune analisi statistiche “magiche” per trasformare alcuni dati grezzi che in realtà mostravano quasi quattro volte più persone completamente vaccinate ricoverate in ospedale con Covid rispetto a quelle con immunità naturale – e QUINDICI VOLTE di più durante l’estate.

Non è uno scherzo.

Inoltre, lo studio è in contrasto con un documento molto più ampio da parte dei ricercatori israeliani in agosto.

Bene, lo studio israeliano ha attinto a un set di dati significativo in modo significativo per raggiungere conclusioni significative. Ha contato le infezioni (e i ricoveri) in un ampio gruppo di persone precedentemente infette contro un gruppo altrettanto ampio ed equilibrato di persone vaccinate, quindi ha apportato aggiustamenti moderati per fattori di rischio chiaramente definiti.

Ha scoperto che le persone vaccinate avevano 13 volte più probabilità di essere infettate – e 7 volte più probabilità di essere ricoverate in ospedale – rispetto alle persone non vaccinate con immunità naturale.

(FONTE: https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.08.24.21262415v1.full-text)

Al contrario, lo studio del CDC è insignificante che non sarebbe mai stato pubblicato se l’agenzia non affrontasse enormi pressioni politiche per convincere le persone a farsi vaccinare.

Diamo un’occhiata.

Lo studio aveva un design bizzarro.

I ricercatori dell’agenzia hanno esaminato 200.000 persone che erano state ricoverate in ospedale con malattie “Covid-like” da gennaio ad agosto in nove stati. Fin da subito, questa scelta pone lo studio in maniera problematica; per la maggior parte del tempo, le persone che avevano ricevuto i vaccini Covid erano convinte (perché il CDC lo ribadiva) di essere a rischio MOLTO basso di contrarre il covid e certamente sintomatico Covid. Quindi sono stati meno propensi ad andare in ospedale o essere testati per Covid .

Quindi i ricercatori hanno deciso di confrontare due gruppi: persone che avevano contratto il covid almeno 90 giorni prima e erano state sottoposte a tampone al momento del ricovero e persone che erano state completamente vaccinate almeno 90 giorni (ma non più di 180 giorni) prima e avevano fatto il tampone al momento del ricovero.

Anche questa scelta è bizzarra. Questo intervallo temporale è progettato per mostrare i vaccini il più efficaci possibile, testandoli nel breve periodo in cui i vaccini a mRNA sono alla massima efficacia.

Ma ancora più importante, questo criterio ha escluso la STRAGRANDE maggioranza delle persone ricoverate in ospedale con malattie simili a Covid o testate per Covid.

Solo circa 1.000 persone su 200.000 ricoverate in ospedale per malattie simili al Covid negli otto mesi precedenti avevano avuto un’infezione Covid documentata. (Dato che almeno il 20% degli americani, e probabilmente più del 40%, aveva contratto il Covid entro la primavera del 2021, questa è una percentuale sorprendentemente piccola – e certamente non suggerisce che il long Covid sia una minaccia.)

Solo 89 di quelle 1.020 persone con immunità naturale sono risultate positive. Al contrario, 324 delle 6.328 persone vaccinate che hanno soddisfatto i criteri dello studio sono risultate positive.

324 non è più di 89?

Certo che lo è. E il CDC non aveva – o non ha pubblicato – cifre su quante persone fossero effettivamente nei due gruppi – quelli con immunità naturale e quelli infetti. Invece ha confrontato la PERCENTUALE DI TEST POSITIVI nei due gruppi.

Ma perché la percentuale di test positivi dovrebbe essere importante, quando non sappiamo quante persone fossero effettivamente a rischio?

Ottima domanda.

Ma, sorprendentemente, la manipolazione statistica è poi peggiorata ulteriormente.

Il gruppo di immunità naturale ha avuto un tasso di test positivi dell’8,7%. Il gruppo completamente vaccinato ha avuto un tasso di test positivi del 5,1%. Quindi il gruppo di immunità naturale ha mostrato circa 1,7 volte più probabilità di risultare positivo. (1.7 * 5.1 = circa 8.7.)

Con un numero così esiguo di persone nel gruppo dell’immunità naturale, quel “rapporto di tasso” grezzo potrebbe non essere riuscito a raggiungere la significatività statistica.

Invece, il CDC ha fornito solo un rapporto di rischio che aveva aggiustato con una varietà di fattori, tra cui “caratteristiche della struttura [e] caratteristiche sociodemografiche”.

E infine, i ricercatori del CDC hanno ottenuto un numero che potevano pubblicare: le persone ricoverate in ospedale che erano state precedentemente infettate avevano cinque volte più probabilità di avere un test Covid positivo rispetto alle persone che erano completamente vaccinate. Non importa che ci fossero in realtà quattro volte più persone nel secondo gruppo.

Scienza!

A proposito, sepolti in fondo al rapporto ci sono alcuni dati reali. E sono brutti.

Il CDC ha diviso i ricoveri in pre e post Delta – da gennaio a giugno e da giugno ad agosto.

È interessante notare che il numero di persone ricoverate in ospedale con immunità naturale in realtà è diminuito bruscamente durante l’estate, quando la variante Delta è decollata. Circa 14 persone al mese sono state ricoverate in ospedale in inverno e in primavera, rispetto alle sei al mese da giugno ad agosto. (Ricordate, questo è un grande campione, con ospedali in nove stati.)

Ma il numero di persone vaccinate ricoverate in ospedale è salito alle stelle – da circa tre al mese durante la primavera a più di 100 al mese durante il periodo Delta. Queste persone vaccinate erano ancora a meno di 180 giorni dalla loro seconda dose, quindi avrebbero dovuto essere nel periodo di massima immunità o quasi – suggerendo che Delta, e non l’effetto tempo, ha svolto un ruolo importante nella perdita di protezione offerta dal vaccino.

Questa è una scoperta che vale la pena perseguire.

fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Morto a 62 anni il Prof. Luigi Reitani, docente universitario ed ex assessore comunale di Udine. Era ricoverato per Covid. Vaccinato con due dosi la scorsa primavera

Read Next

Il consulente della FDA spiega perché si è astenuto dal voto sul vaccino COVID-19 di Pfizer per i bambini piccoli