• Dicembre 10, 2022

Morte del web designer Claudio Di Paolo poche ore dopo il vaccino. Sette medici indagati per omicidio colposo

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


E’ stata fissata per il 14 febbraio l’autopsia giudiziaria sul corpo del 54enne web designer di Galatone (Lecce) Claudio di Paolo.

E’ stata, infatti, aperta un’inchiesta della Procura sulla morte del 54enne deceduto in ospedale per arresto cardiaco, dopo i malori accusati a poche ore di distanza dalla somministrazione della prima dose di vaccino.

Come atto dovuto in vista dell’autopsia, il pubblico ministero Donatina Buffelli ha iscritto nel registro degli indagati i nominativi del medico curante, di 4 “camici bianchi” dell’ospedale di Galatina e di 2 colleghi di Gallipoli. Rispondono dell’ipotesi di reato di omicidio colposo e di responsabilità colposa per morte in ambito sanitario.

L’autopsia è stata affidata al medico legale Alberto Tortorella e al cardiologo Giuseppe Antonio De Giorgi dopo il conferimento dell’incarico in Procura. I familiari della vittima, assistiti dagli avvocati Francesco Protopapa e Massimo Aprile, nomineranno il medico legale Luigi Di Gesù.

Gli indagati potranno a loro volta nominare il proprio consulente di parte.

L’inchiesta ha preso il via dalla denuncia dei familiari della vittima.

Secondo la loro ricostruzione dei fatti, a metà gennaio, il 54enne di Galatone, costretto dall’obbligo vaccinale per gli over 50, riceveva la prima dose di vaccino Pfizer presso l’hub vaccinale e poche ore dopo, avvertiva dei forti dolori al petto.

Visto il persistere della situazione, si recava due giorni dopo al pronto soccorso di Gallipoli e dopo essere stato dimesso, tornava a casa. Il 17 gennaio, invece, il medico curante gli prescriveva una visita cardiologica e il giorno successivo, il 54enne si recava presso l’ospedale di Galatina. Dopo l’elettrocardiogramma veniva dimesso, ma rientrava poco dopo in ospedale per il persistere dei dolori. Veniva quindi sottoposto ad una Tac all’addome ed al torace e gli veniva prescritto il ricovero. Il 54enne decideva comunque di rientrare a casa. Il 19 gennaio, in piena notte, chiamava il fratello, chiedendogli di accompagnarlo in ospedale. Veniva quindi nuovamente condotto al nosocomio di Galatina, ma moriva dopo poche ore per arresto cardiaco.

In seguito la famiglia sporgeva denuncia, chiedendo alla Magistratura di verificare un’eventuale correlazione con la somministrazione del vaccino e anche con la condotta dei medici che hanno avuto in cura il paziente.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il governo manterrà in vigore Green pass e Super Green pass nonostante gli allentamenti

Read Next

Facebook contro il BMJ: quando il fact checking va storto… Figuraccia planetaria per il social

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock