• Maggio 19, 2022

Farmaci per cardiomiopatie e trombosi, oltre al vaccino covid. Record di incassi per Pfizer

Nei giorni scorsi Pfizer ha pubblicato i dati economici del terzo trimestre 2021.

Da luglio a settembre, i ricavi di Pfizer sono stati di 24,1 miliardi di dollari.

Pfizer ora prevede di incassare fino a 82 miliardi di dollari nell’intero anno, rispetto ai 41,9 miliardi di dollari del 2020, con un ricavo annuale di 36 miliardi di dollari derivanti da 2,3 miliardi di dosi di vaccino covid Comirnaty. 

“Mentre siamo orgogliosi della nostra performance finanziaria del terzo trimestre, siamo ancora più orgogliosi di ciò che questi risultati finanziari rappresentano in termini di impatto positivo che stiamo avendo sulle vite umane in tutto il mondo”, ha affermato Albert Bourla, presidente e CEO di Pfizer.

“Nonostante tutto ciò che siamo stati in grado di realizzare fino ad oggi, rimaniamo concentrati sul nostro futuro, non sul nostro passato. Il nostro obiettivo finale è aiutare a porre fine a questa pandemia il più rapidamente possibile, ma anche applicare le lezioni apprese attraverso il nostro lavoro sul vaccino a tutte le nostre aree terapeutiche. Non vediamo l’ora di fornire aggiornamenti futuri su questi sforzi”, ha affermato Bourla.

Oltre a 13 miliardi di dollari di vendite trimestrali da Comirnaty, importanti incassi sono derivati dal farmaco Eliquis, somministrato per il trattamento della trombosi venosa profonda, per gli ictus, insufficienze cardiache e le fibrillazioni atriali con una crescita del 19% a 1,3 miliardi di dollari.

Un altro farmaco di Pfizer in forte crescita è la terapia il Vyndaqel/Vyndamax, somministrata in caso di cardiomiopatia e insufficienza cardiaca progressiva, con un aumento di ricavo del 42% a 502 milioni di dollari.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Esplodono focolai in Valle d’Aosta. Contagiati dodici anziani vaccinati in una casa di riposo. Cinque ricoverati

Read Next

Il rapper e attore Ice Cube rifiuta il vaccino covid, abbandona il set a Hollywood e rinuncia al suo compenso di 9 milioni di dollari