• Gennaio 27, 2023

Obbligo vaccinale Austria salta l’ultimo ostacolo, è legge.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Con la risoluzione del Bundesrat (59 voti espressi, 47 parlamentari hanno votato sì, 12 hanno votato no), giovedì la vaccinazione obbligatoria ha superato anche l’ultimo ostacolo in parlamento, ora manca solo il – formale – cenno del presidente federale. Tuttavia, non tutto è chiaro: dai vaccini ulteriormente riconosciuti ai sussidi di disoccupazione per chi rifiuta il vaccino.

Da quando cosa si applica?
L’obbligo di vaccinazione ora è stato deciso,
dopo la firma del Presidente federale, attesa nei prossimi giorni, si applicherà. Fino a metà marzo, però, succederà poco: perché solo allora verranno effettuati i controlli e il rifiuto del vaccino sarà punito con sanzioni per il momento fino a 600 euro.

Come sarà controllato?
Secondo il dipartimento sanitario, inizialmente nell’ambito dei consueti controlli di polizia, ad esempio durante i controlli sul traffico. Resta da vedere se si farà un passo avanti per punire i non vaccinati su larga scala registrandoli.

Cosa fare con gli infermieri vaccinati all’estero?
Dal momento che decine di migliaia di infermieri dell’Europa orientale sono immunizzati con vaccini che non sono riconosciuti in questo paese, enormi problemi minacciano l’assistenza 24 ore su 24. Ora finalmente una soluzione sembra vicina: secondo una bozza di regolamento che sta circolando, che secondo il ministero della salute non è stata ancora negoziata, i vaccini come lo Sputnik che sono “approvati all’estero e non riconosciuti” dovrebbero tutelare anche contro una sanzione amministrativa.

Com’è la situazione al lavoro?
È fondamentalmente 3G , quindi non occorre essere vaccinato per il lavoro. Secondo la normativa vigente, però, le aziende possono benissimo prescrivere il 2G, ovvero la vaccinazione obbligatoria di fatto. Non è ancora regolamentato chi possa farlo, afferma l’esperto di diritto del lavoro Walter Pfeil: “Al momento non è chiaro.” E il ministero del Lavoro non ha intenzione di specificarlo in modo più preciso, dicono. “A parte le aree sensibili come ospedali o case di cura, dipende dal caso “, afferma Pfeil.

Molti non sono stati vaccinati, presto senza un compenso – o lavoro?
Le prime aziende, come l’ORF, si sono già spinte avanti e hanno annunciato che non retribuiranno più i non vaccinati se non potranno lavorare da casa. In caso di controversia, questo sarà probabilmente chiarito dal tribunale del lavoro.

Chi rifiuta la vaccinazione otterrà un licenziamento?
Secondo il capo dell’AMS Johannes Kopf, ci sono già stati casi in cui ai rifiutanti la vaccinazione è stata bloccata l’indennità di disoccupazione per almeno alcune settimane, ma solo “poche dozzine”, afferma. “Ovunque sia comprensibilmente richiesta la vaccinazione”, è possibile la cancellazione dei disoccupati, ha spiegato Kopf. 

https://www.krone.at/2619500

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

“Prove dell’immunità naturale negli adulti sani non vaccinati fino a 20 mesi dopo l’infezione confermata da COVID-19”- STUDIO

Read Next

RICORSI ACCOLTI – In malattia non è prevista sospensione. Annullati due provvedimenti a militari non vaccinati

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock