• Dicembre 6, 2022

FDA e CDC spingono la terza dose per gli adolescenti mentre il numero di decessi segnalati a VAERS dopo i vaccini COVID si avvicina a 20.000

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


da • Children’s Health Defense (childrenshealthdefense.org)

I dati VAERS pubblicati ieri dai Centers for Disease Control and Prevention hanno incluso un totale di 946.463 segnalazioni di eventi avversi di tutte le fasce d’età a seguito di vaccini COVID, tra cui 19.886 decessi e 150.946 danni gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 3 dicembre 2021

I Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato i nuovi dati che mostrano un totale di 946.463 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID che sono state presentate tra il 14 dicembre 2020 e il 3 dicembre 2021 al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse ai vaccini negli Stati Uniti.

I dati includono un totale di 19.886 segnalazioni di decessi – un aumento di 354 rispetto alla settimana precedente – e 150.946 segnalazioni di danni gravi, compresi i decessi, nello stesso periodo di tempo – in aumento di 4.226 rispetto alla settimana precedente.

Escludendo le “segnalazioni estere” a VAERS, 681.962 eventi avversi, tra cui 9.136 morti e 58.503 danneggiati gravi, sono stati segnalati negli Stati Uniti tra il 14 dicembre 2020 e il 3 dicembre 2021.

I rapporti esteri sono rapporti ricevuti dai produttori statunitensi dalle loro filiali estere. Ai sensi delle normative statunitensi della Food and Drug Administration (FDA), se un produttore viene informato di un caso clinico straniero che descrive un evento grave e non appare sull’etichettatura del prodotto, il produttore è tenuto a presentare il rapporto a VAERS.

Dei 9.136 decessi negli Stati Uniti segnalati al 3 dicembre, il 20% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 25% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione e il 61% si è verificato in persone che hanno manifestato un inizio di sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

Negli Stati Uniti, al 3 dicembre erano state somministrate 466 milioni di dosi di vaccino COVID. Ciò include 271 milioni di dosi di Pfizer, 178 milioni di dosi di Moderna e 17 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J & J).

!2/3/21 rilascio dei dati VAERS

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sui danni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata. I rapporti presentati a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che una relazione causale possa essere confermata. Storicamente, VAERS ha dimostrato di riportare solo l’1% degli eventi avversi effettivi al vaccino.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 3 dicembre 2021 per i bambini dai 5 agli 11 anni mostrano:

  • 3.301 eventi avversi,di cui 58 classificati come gravi e 2 decessi segnalati. Un decesso si è verificato in una bambina di 11 anni della Georgia vaccinata il 14 settembre, prima dell’autorizzazione del vaccino COVID di Pfizer nella fascia di età da 5 a 11 anni.

Il secondo decesso (VAERS I.D. 1890705)si è verificato in una bambina di 5 anni che è morta quattro giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose di Pfizer.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 3 dicembre 2021 per i giovani dai 12 ai 17 anni mostrano:

I decessi più recenti riguardano una ragazza di 13 anni del Texas (VAERS I.D. 1913198) morta 31 giorni dopo aver ricevuto il vaccino COVID. Secondo il suo rapporto VAERS, la ragazza ha ricevuto la sua prima dose di Pfizer il 1 ° agosto. Due settimane dopo, si è lamentata di un vago mal di schiena e le è stato diagnosticato un raro cancro dei tessuti molli situato sul cuore nonostante non avesse precedenti. I genitori hanno richiesto che fosse presentato un rapporto VAERS nel caso in cui il suo cancro fosse correlabile al vaccino. Il cancro e le condizioni cardiache sono peggiorate rapidamente e progressivamente ed è deceduta il 1 ° dicembre.

La seconda morte riguarda una ragazza di 17 anni del Minnesota (VAERS I.D. 1912785) che ha avuto un arresto cardiaco ed è deceduta a casa dopo aver ricevuto la sua prima dose di vaccino COVID di Pfizer.

  • 60 segnalazioni di anafilassi tra i 12 ei 17 anni in cui la reazione è risultata pericolosa per la
    vita, ha richiesto un trattamento o ha provocato la morte – con il 96% dei casi attribuiti al vaccino di Pfizer.
  • 567 segnalazioni di miocardite e pericardite (infiammazione cardiaca) con 557 casi attribuiti al vaccino pfizer.
  • 141 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 3 dicembre 2021, per tutte le fasce d’età combinate, mostrano:

FDA e CDC approvano la terza dose Pfizer per i ragazzi di 16 e 17 anni e annunciano che per i bambini più piccoli potrebbe arrivare presto.

Il CDC giovedì ha firmato l’autorizzazione all’uso di emergenza delle dosi di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech per i giovani di 16 e 17 anni.

L’approvazione da parte del direttore del CDC Dr. Rochelle Walensky è arrivata ore dopo che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha autorizzato dosi di richiamo per la stessa fascia di età.

Walensky dichiarato che i dati iniziali suggeriscono che una terza dose aiuterà a rafforzare la protezione contro Omicron e altre varianti, e ha esortato gli adolescenti più grandi a ottenere il richiamo.

La FDA giovedì ha autorizzato le dosi di richiamo per i giovani di 16 e 17 anni almeno sei mesi dopo aver ricevuto la loro seconda dose del vaccino, ha riferito il New York Times.

La FDA ha ampliato l’autorizzazione di Pfizer per coprire la fascia di età più giovane su base di emergenza, poiché la ricerca iniziale ha suggerito che la nuova variante Omicron mina la protezione anticorpale di due dosi del vaccino di Pfizer.

I booster Pfizer saranno disponibili per i giovani di 16 e 17 anni almeno sei mesi dopo aver ricevuto le loro prime due dosi del vaccino COVID di Pfizer. I vaccini Moderna e Johnson & Johnson rimangono autorizzati solo per gli adulti

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Studio pubblicato il 7 dicembre dall’Università del Michigan: “Alti tassi di vaccinazione fanno emergere varianti che bucano il vaccino”

Read Next

CDC considera l’espansione della terza dose ai bambini più piccoli

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock