• Febbraio 25, 2024

I booster inibiscono le difese immunitarie, promuovono l’infezione, malattie autoimmuni, il cancro e la miocardite – Nuovo STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Del  Dr. Peter F. Mayer

Da studi precedenti sappiamo che le preparazioni di vaccino a base di m. R. NA di Mderna e Bio.NTech-Pf.zer suscitano il sottotipo 4 di anticorpi IgG. Questo dipende dal tempo trascorso dall’ultima vaccnazione e dal numero di dosi. Più ce ne sono, più se ne presentano. Questo sottotipo 4 è noto per rallentare il sistema immunitario e causare malattie. Su internet si possono trovare facilmente lunghi elenchi di malattie, tra cui BPCO, malattie autoimmuni, cancro e malattie cardiovascolari.

Gli studi normativi hanno costantemente monitorato solo gli anticorpi, ma hanno omesso di determinare se si tratti dei sottotipi neutralizzanti 1 e 3 o del sottotipo nocivo 4, un’indagine che qualsiasi laboratorio normale può fare.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Vaccines, intitolato “IgG4 Antibodies Induced by Repeated Vaccination May Generate Immune Tolerance to the SARS-CoV-2 Spike Protein” (Anticorpi IgG4 indotti da vaccnazioni ripetute possono generare una tolleranza immunitaria alla proteina Spike della SARS-CoV-2), conferma ora queste scoperte sugli effetti disastrosi dei preparati m.R. NA.

È una dichiarazione di fallimento per l’industria farmaceutica e soprattutto per le autorità di regolamentazione. Si sarebbe trattato di semplici indagini, obbligatorie per l’approvazione di qualsiasi immunoglobulina.

Lo studio confuta una serie di affermazioni fatte dall’industria farmaceutica, dalle autorità regolatorie, dai politici e dai loro esperti. Ad esempio, quella sull’efficacia:

“Poiché l’immunità derivante da questi vaccni decade rapidamente, la loro capacità di prevenire l’ospedalizzazione e la malattia grave nelle persone con malattie concomitanti è stata recentemente messa in discussione, e si stanno accumulando prove del fatto che essi, come molti altri vaccni, non producano un’immunità sterilizzante, con conseguenti frequenti reinfezioni”.

Ma c’è di più nella sintesi dello studio:

“Inoltre, studi recenti hanno rilevato livelli anormalmente elevati di IgG4 in persone che avevano ricevuto due o più iniezioni di vaccni a base di m.R. NA. Anche i vaccni contro l’HIV, la malaria e la pertosse sono stati segnalati per indurre una sintesi di IgG4 superiore alla media. Complessivamente, sono tre i fattori chiave che determinano il passaggio di classe agli anticorpi IgG4: l’eccessiva concentrazione di antigene, la vaccnazione ripetuta e il tipo di vaccno utilizzato. È stato suggerito che un aumento della concentrazione di IgG4 possa avere una funzione protettiva prevenendo un’eccessiva attivazione del sistema immunitario, analogamente a quanto avviene con l’immunoterapia allergene-specifica, che inibisce gli effetti indotti dalle IgE.

Tuttavia, nuove evidenze suggeriscono che il riferito aumento dei livelli di IgG4 osservato dopo ripetute vaccnazioni con vaccini a m. R .NA potrebbe non essere un meccanismo protettivo, ma piuttosto un meccanismo di tolleranza immunitaria alla proteina spike che potrebbe promuovere l’infezione e la replicazione non contrastata del SARS-CoV2 sopprimendo le risposte antivirali naturali. L’aumento della sintesi di IgG4 dovuto alla vaccnazione ripetuta con m. R. NA ad alte concentrazioni di antigene può anche causare malattie autoimmuni e promuovere la crescita del cancro e la miocardite autoimmune in individui suscettibili”.

Recentemente è stato pubblicato lo studio di Kuhbandner e Reitzner , che mostra 100.000 morti in eccesso in Germania nel 2021 e 2022 rispetto agli anni precedenti , oltre a un aumento dei nati morti tra le donne vaccnate. Nel 2020, l’anno della presunta pandemia, non ci sono stati eccessi di mortalità. Ulteriori informazioni sulle malattie autoimmuni sono disponibili qui.

Grazie agli studi dal Giappone di Tanaka et al, sappiamo anche qualcosa su come funzionano le spike. Esse possono alloggiare nelle strutture dell’RNA ribosomiale delle cellule dell’organismo e non solo produrre copie delle spike previste, ma anche promuovere la produzione spontanea di virioni. In interazione con gli anticorpi IgG4, ciò ha conseguenze fatali.

Considerazioni simili si trovano nello studio sulle IgG4:

“Vale la pena notare che ci sono informazioni contrastanti sul livello di protezione fornito da questi vaccni. Sebbene il Center for Disease Control (CDC) degli Stati Uniti abbia dichiarato che il tasso di mortalità durante la pandemia è stato più alto tra i non vaccnati che tra i vaccnati, i dati provenienti dal Regno Unito contraddicono i risultati del CDC. Ad esempio, l’Office for National Statistics (ONS) del Regno Unito ha riferito che da aprile a metà novembre 2021, il tasso di mortalità è stato più alto tra i non vaccnati rispetto ai vaccnati che avevano ricevuto una seconda dose di vaccno. Tuttavia, da fine novembre 2021 a dicembre 2022, la situazione si è invertita: I decessi sono stati più alti tra i soggetti vaccnati che avevano ricevuto una terza dose di vaccno rispetto ai soggetti non vaccnati. Inoltre, un recente lavoro ha esaminato una probabile associazione tra la copertura vaccnale COVID-19 in Europa nel 2021 e l’eccesso di mortalità mensile nel 2022, ovvero la mortalità era più alta rispetto a prima della pandemia. La mortalità complessiva nei primi 9 mesi del 2022 è aumentata maggiormente nei Paesi con una maggiore copertura vaccnale nel 2021. Questo è stato riscontrato in un’analisi di 31 Paesi stimati in base alle dimensioni della popolazione; un aumento di un punto percentuale della copertura vaccnale nel 2021 è stato associato a un aumento dello 0,105% (95% CI, 0,075-0,134) della mortalità mensile nel 2022. Questa associazione è rimasta anche dopo l’aggiustamento per altri fattori”.

Inoltre, naturalmente, ci sono i decessi causati direttamente dalla vaccnazione. Nel caso dei decessi dovuti a Covid, questo e altri studi precedenti stabiliscono la connessione con gli anticorpi IgG4.

Lo studio esamina anche le malattie causate dagli anticorpi IgG4 prodotti dalle ripetute vaccnazioni. Ecco un breve estratto dello studio:

La “malattia sistemica IgG4-correlata” si riferisce a diverse manifestazioni cliniche che in precedenza erano considerate malattie completamente diverse. L’elenco degli organi associati a questa malattia è in continua espansione. Indipendentemente dall’organo colpito, le biopsie dei tessuti mostrano notevoli somiglianze istologiche. Tuttavia, esistono anche lievi differenze tra gli organi. I reperti patologici caratteristici includono un’estesa fibrosi, numerose plasmacellule IgG4-positive e infiltrati linfo-plasmacitoidi sparsi”.

Vengono discusse numerose altre malattie causate o favorite dagli anticorpi IgG4. Il cancro è discusso in modo un po’ più dettagliato. Di seguito ne riportiamo un brevissimo estratto:

“Il ruolo dell’IgG4 nel cancro ….Soprattutto, recenti rapporti dimostrano che alcuni pazienti oncologici trattati con anticorpi monoclonali anti-PD-1 presentano una rapida progressione della malattia (nota anche come malattia iperprogressiva (HPD)) invece della remissione del cancro. È da notare che l’anticorpo PD-1 appartiene alla famiglia delle IgG4. Inoltre, tumori come il melanoma maligno, il colangiocarcinoma extraepatico [96] e il cancro del pancreas sono stati associati a infiltrati di cellule B plasmatiche IgG4-positive”.

E ancora:

“Livelli localmente elevati di IgG4 nel tessuto canceroso hanno ostacolato la risposta anticorpale mediata dal cancro, hanno aiutato il cancro a bloccare la risposta immunitaria locale e hanno indirettamente promosso la progressione del cancro”. Tre diversi modelli di topi immunopotenti hanno supportato questa teoria. È stato riscontrato che la somministrazione locale di IgG4 accelerava drasticamente la crescita dei tumori del colon e della mammella impiantati, nonché dei papillomi cutanei causati da agenti cancerogeni”.

RIASSUNTO:

Le somministrazioni multiple di vaccni a base di m.R. NA aumentano drasticamente il rischio di cancro. Tutto ciò è stato dimostrato dal Dr. Hans-Joachim Kremer, in una serie di articoli tratti dal VAERS Vaccine Adverse Event Database dimostrati per cancro alla prostata , cancro al seno , cancro gastrointestinale , cancro ai polmoni e neoplasie, nonché cancro del sangue .

Gli autori sottolineano che gli anticorpi IgG4 possono essere presenti anche con altri vaccni ed essere dannosi per la salute. Una revisione completa della letteratura ha rivelato che i vaccni a m. R. NA non sono gli unici a scatenare la produzione di anticorpi IgG4. Anche i vaccni contro l’HIV, la malaria e la pertosse scatenano questa reazione. Complessivamente, sono tre i fattori critici che determinano il passaggio di classe agli anticorpi IgG4: l’eccessiva concentrazione di antigene, la vaccnazione ripetuta e il tipo di vaccno utilizzato. TKP ha riportato uno studio su come, ad esempio, i vaccni antinfluenzali producano anticorpi IgG4 nelle donne in gravidanza.

In questo grafico, viene mostrata chiaramente la differenza di reazione tra un anticorpo IgG3 e uno IgG4:

Ecco la spiegazione dell’immagine: “Una risposta umorale efficace innescata dalla vaccnazione consiste nella sintesi di elevate concentrazioni di IgG3. (A). Gli anticorpi IgG3 si legano agli antigeni virali esposti sulle membrane delle cellule infette attraverso la loro regione variabile. Questo anticorpo ha una regione costante (Fc) che viene riconosciuta dal recettore corrispondente sulle cellule T citotossiche e su altre cellule immunitarie. La cellula T citotossica si attiva e rilascia sostanze chimiche che distruggono la cellula infetta. (B). La vaccnazione ripetuta porta a livelli elevati di IgG4 (in rosso). Questo anticorpo inibisce il legame della regione Fc dell’anticorpo IgG3 con il suo recettore, che si trova sulle cellule T citotossiche, e quindi ne blocca l’attivazione, impedendo la distruzione della cellula infetta. In questo senso, il boosting ripetuto causa un passaggio alla produzione di alti livelli di IgG4, che compromette la risposta immunitaria”.

Di nuovo: La modalità d’azione è chiarita e quindi la causalità è dimostrata, si chiama scienza naturale. Quindi causalità e non correlazione.

Nell’articolo sullo studio giapponese, ci sono indicazioni su come si possano eliminare le spike del vaccno, che continuano a produrre spike e virioni nascosti nell’RNA ribosomiale delle cellule.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Uno studio giapponese mostra come il fungo Huaier combatta il cancro ed elimini le spike dal corpo

Read Next

Processo al Prof. Sucharit Bhakdi: chi sta cercando di mettere a tacere la principale voce scientifica che ci mette in guardia sulla tecnologia m R N A?

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO