• Dicembre 6, 2022

Il “Covid cronico” domina nei pluri-vaccinati

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


 Dr. Peter F. Mayer

Come si può vedere nel grafico, ci siamo trovati di fronte alla più alta ondata di infezioni negli ultimi cinque-sei mesi. La variante di fuga immunitaria è stata creata dalla pressione della vaccinazione, che è diretta contro solo uno dei 29 antigeni del virus.

Pertanto, quando Omicron è apparsa nel novembre dello scorso anno, le autorità sanitarie nella maggior parte dei paesi altamente vaccinati hanno affrontato un fallimento vaccinale ancora più massiccio, poiché una variante Covid Omicron, che è infettiva come il morbillo, si è diffusa a macchia d’olio mentre eludeva la difesa dagli anticorpi indotti dal vaccino.

Il Covid cronico è una situazione in cui i vaccinati non possono sviluppare l’immunità naturale, non curando rapidamente le infezioni e rimanendo malati e infettivi per lunghi periodi di tempo. A causa di tali infezioni ripetute, l’immunità viene gradualmente danneggiata fino a quando alla fine non sono più in grado di eliminare il virus. Ciò causerebbe l‘infezione cronica delle persone, l’infezione degli altri e la sopraffazione delle proteine tossiche del virus Covid.

Lo studio di Katharina Röltgen et al intitolato “Immune imprinting, breadth of variant recognition, and germinal center response in human SARS-CoV-2 infection and vaccination” punta in questa direzione. I punti salienti includono:

“La goffratura mediante esposizione iniziale all’antigene altera le risposte IgG alle varianti virali[…]

L’antigene spike del vaccino e l’mRNA rimangono nei centri di germinazione dei linfonodi per settimane.

E ancora:

“Troviamo che la precedente vaccinazione con antigeni wuhan-simili a Hu-1, seguita da infezione con varianti alfa o delta, si traduce in risposte anticorpali plasmatiche che sembrano avere un’impronta specifica di Wuhan Hu-1 che si manifesta in risposte relativamente più basse agli epitopi delle varianti del virus rispetto ai pazienti non vaccinati che sono stati infettati da queste varianti del virus”.

“I primi risultati della terza dose di potenziamento con vaccini a mRNA con codifica beta-spike dopo la precedente vaccinazione con mRNA-1273 alla seconda dose sono coerenti con i nostri risultati su un’impronta significativa delle risposte sierologiche da parte del primo antigene (Choi et al., 2021; Chu et al., 2021), suggerendo che l’impronta causata dal vaccino influenza le successive risposte anticorpali innescate sia dalla vaccinazione che dall’infezione. La misura in cui l’amplificazione del vaccino o l’infezione con diverse varianti innesca effettivamente risposte anticorpali a nuovi epitopi, o meglio migliora le risposte agli epitopi di antigeni precedenti, come nel fenomeno del “peccato originale antigenico” descritto per l’infezione e la vaccinazione da virus influenzale (Arevalo et al., 2020; Zhang et al., 2019), sarà un argomento importante delle indagini in corso”.

Il punto è che gli individui vaccinati non producono una risposta immunitaria completa a tutte le varianti con cui sono infettati, ma producono invece anticorpi di Wuhan inutili che ancora non li proteggono dalle infezioni.

Questo è il motivo principale per cui le persone vaccinate si reinfettano così frequentemente.

E se sono con altre persone vaccinate, la possibilità di infezione reciproca è significativamente più alta rispetto alle persone non vaccinate. Ciò è dimostrato da uno studio svedese di Ulrika Marking et al intitolato: “Alto tasso di infezione da BA.1, BA.1.1 e BA.2 nei triplo vaccinati“.

I ricercatori riassumono le loro scoperte come segue:

“Riportiamo un’alta incidenza di infezioni da omicron nonostante la recente vaccinazione di richiamo in individui triplo vaccinati. I titoli anticorpali indotti dal vaccino sembrano svolgere un ruolo limitato nel rischio di infezione da omicron. L’alta carica virale e la secrezione di virus vivi per un periodo fino a nove giorni possono aumentare la trasmissione in una popolazione triplamente vaccinata”.

Per le persone triplo vaccinate, è stato decretato che possono terminare la quarantena il giorno 5, questo nonostante il fatto che siano apparentemente contagiosi per periodi di tempo molto più lunghi. Inoltre, gli infetti rimangono contagiosi nonostante il cedimento dei sintomi. Questo è ben noto, vale a dire dall’HIV.

A proposito, questo spiega anche perché i booster portano a così tanti problemi cardiaci ed embolia polmonare intorno al 10 ° giorno della malattia. L’altra conseguenza, meno visibile di ciò è l’ampio danno al sistema immunitario da parte del Covid.

Il sistema immunitario rafforzato ferma i “sintomi” come la febbre senza effettivamente eliminare completamente il virus. Pertanto, il sistema immunitario fallisce nel suo compito più basilare: l‘eliminazione del virus. I sintomi si fermano, ma il virus rimane attivo nel corpo per un bel po ‘, causando il suo danno senza ostacoli.

Questo spiega anche conseguenze come la sindrome da stanchezza cronica. Come riportato di recente nel video con il Dr. Kurt Mosetter, i mitocondri, le centrali elettriche nelle nostre cellule, sono passati dalla produzione di energia alla generazione di radicali per combattere i virus. Quindi, se i virus impiegano molto tempo per essere eliminati, allora si andrà incontro a stanchezza cronica e Covid cronico.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Gli scienziati scoprono la prima cura al mondo per gli attacchi di cuore che utilizza la stessa tecnologia mRNA dei vaccini Covid. Cosa potrebbe mai andare storto?

Read Next

Preoccupano i tanti malori alla guida che causano altri incidenti. Tragico bilancio

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock