• Giugno 14, 2024

In ospedale in poche ore tre decessi, ventidue ricoveri e ictus in aumento. Secondo i medici la causa è il freddo

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Tre persone sono morte per infarto tra lunedì notte e martedì pomeriggio nella città di Kanpur, nella parte centro-occidentale dello Stato dell’Uttar Pradesh, in India. Allo stesso tempo, ventidue persone, tra cui quattro adolescenti, sono state ricoverate in ospedale. Anche il numero di persone che soffrono di ictus cerebrale è aumentato.

Secondo quanto riferisce il sito indiano jagran.com, ventidue persone con infarto e insufficienza cardiaca sono state ricoverate nel centro di cardiologia. Il reparto ambulatoriale ha sottoposto a visita 913 pazienti e 13 persone sono state ricoverate al pronto soccorso dopo aver subito un ictus cerebrale.
Il sito indiano ha riportato: “ventidue pazienti affetti da infarto e scompenso cardiaco sono stati ricoverati nel pronto soccorso dell’Heart Disease Institute. Mahavir Sharan Gupta, 75 anni, residente a Kuthund nel distretto di Jalaun, è morto mentre faceva l’elettrocardiografo (ECG) all’Heart Disease Institute. Aveva sudato e avvertiva dolore al petto dal mattino. I parenti lo hanno portato all’Heart Disease Institute insieme al medico, ma è morto durante l’ECG ancor prima che iniziassero le cure.
Allo stesso modo, Sarojini Devi, 59 anni, residente a Ghatampur e Hariom, 55 anni, della stessa zona, sono morti in ospedale all’inizio degli accertamenti. Anche la 75enne Sitara Devi della zona di Chakeri è svenuta al mattino lamentando un forte mal di testa. I parenti l’hanno prima portata all’ospedale di Kanshiram, da lì, vedendo le sue condizioni, l’hanno portata all’ospedale LLR di Kanpur, ma è morta lungo la strada. I medici dell’ospedale hanno potuto solo dichiarare il decesso”.
Secondo il medico Dr. Neeraj Kumar, il 70% dei pazienti ricoverati martedì è in cura per il dolore toracico dovuto alla “temperatura fredda”.

Il capo della neurologia di Halat, il dottor Alok Verma, ha affermato che il freddo notturno e la normale temperatura diurna sono responsabili dell’ictus cerebrale, come riportato dal sito Live Hindustan.

Il sito americano thegatewaypundit ha, però, mostrato le temperature per l’intero mese nell’Uttar Pradesh, in India, tramite weather25, e le scorse giornate, tra cui martedì, sono state soleggiate, non fredde.

“Con l’inverno, il numero di malati di cuore è aumentato. Martedì, 913 pazienti sono stati visitati negli ambulatori della città. 22 pazienti gravi sono stati ricoverati in emergenza fino a tarda sera. Sono stati resi disponibili anche tutti i medicinali di emergenza”, ha affermato Vinay Krishna, Direttore del Lakshmipat Singhania Institute of Cardiology.
“Chi soffre di pressione sanguigna incontrollata e diabete è vulnerabile all’ictus cerebrale a causa dell’improvvisa esposizione al freddo. Più pazienti di ipertensione e diabete stanno raggiungendo i pronto soccorsi, compresi quelli di ictus cerebrale. Fino a tarda sera, 13 pazienti con ictus cerebrale sono stati ricoverati in emergenza”,
ha affermato Sanjay Kala, Direttore del GSVM Medical College.

FONTE

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Un raro tumore ha portato via in quattro mesi il 31enne vincitore del Superbowl. Un anno fa venne trovato a casa senza vita un suo compagno di squadra

Read Next

Il conduttore radiofonico era “eccitato” per la terza. Nei giorni scorsi ricoverato per sangue nei polmoni

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock