• Dicembre 5, 2022

THE LANCET: I vaccini Covid aumentano il rischio di decessi correlati al cuore fino al 50%

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Uno studio preprint (non ancora peer-reviewed) sulla prestigiosa rivista The Lancet ha analizzato i dati di mortalità degli studi sui vaccini e ha fatto la scioccante scoperta che i vaccini a mRNA non hanno avuto “alcun effetto sulla mortalità complessiva”.

Peggio ancora, ha rilevato che il rischio di mortalità non Covid e non incidente è effettivamente aumentato del 17% (rischio relativo 1,17, intervallo di confidenza al 95% (CI) 0,67-2,05). Inoltre, il 50% dei decessi non Covid (27 su 54) sono stati di natura cardiovascolare e il rischio relativo di tale morte era superiore del 45% nei vaccinati (rischio relativo 1,45, IC 0,67-3,13), al 50% in più per Pfizer e al 40% in più per Moderna (con ampi intervalli di confidenza).

Questi sono risultati chiaramente allarmanti. Ma passano stranamente inosservati sul giornale. Ciò è presumibilmente dovuto al fatto che gli autori sono cauti nel criticare i vaccini per evitare di non essere pubblicati, cosa che abbiamo più volte riscontrato di recente.

Mentre i risultati non sono, in questo studio, statisticamente significativi, la dimensione dell’effetto è importante e nel contesto di preoccupazioni più ampie sugli effetti avversi dei vaccini a mRNA sul sistema cardiovascolare, meritano qualche commento se non altro per segnalarli e chiedere studi più ampi.

Il focus del documento è invece sulla sorprendente scoperta che i vaccini vettori di adenovirus (ad esempio AstraZeneca e J & J) sembrino ridurre significativamente la mortalità complessiva. Più sorprendentemente, ci sono zero morti cardiovascolari nel gruppo del vaccino contro cinque nel gruppo placebo. Il rischio relativo di morte non incidente e non Covid è inferiore del 62% nel gruppo vaccinale rispetto al gruppo placebo (rischio relativo 0,38 CI 0,17-0,88). La mortalità complessiva è diminuita del 63%.

Gli autori notano che sembra che i vaccini vettori di adenovirus “forniscano una protezione significativa” contro le malattie cardiovascolari, ipotizzando che il vettore dell’adenovirus, sebbene non in grado di replicarsi, “possa innescare il sistema immunitario in un modo simile a un vaccino ‘vivo'”. Come questo possa proteggere dalle malattie cardiovascolari non è spiegato.

Non è davvero chiaro quanto seriamente gli autori prendano la scoperta che i vaccini vettori di adenovirus possano ridurre la mortalità complessiva di quasi due terzi, o se (fantasiosamente) abbiano escogitato un modo elaborato per farci conoscere i dati devastanti sui vaccini a mRNA, bypassando la censura.

La conclusione principale del documento è che, date le notevoli proprietà curative generali di un tipo di vaccino ma non dell’altro, l’impatto complessivo dei vaccini sulla mortalità dovrebbe essere studiato molto più da vicino.

Mentre vengono lanciati programmi di vaccinazione di massa con vaccini COVID-19, dovrebbero essere raccolti dati sui loro effetti sulla mortalità non COVID-19 … Le future sperimentazioni di nuovi vaccini COVID-19 dovrebbero essere obbligate a riportare i dati sulla mortalità per causa e sesso. Il monitoraggio e la valutazione post-licenza dovrebbero inoltre concentrarsi sulla mortalità complessiva non accidentale.

Ciò che non è esplicitato, ma è forse implicito, è che l’impatto negativo dei vaccini a mRNA sulla mortalità – in particolare le morti cardiovascolari – merita particolare attenzione in questo monitoraggio e valutazione.

Mentre le conclusioni sono forzatamente attenuate, l’introduzione è più esplicitamente robusta sui potenziali problemi con i vaccini. Afferma:

Ora ci sono ampie prove che i vaccini possono avere ampi effetti eterologhi sul sistema immunitario. Questi effetti possono portare a una protezione aggiuntiva o ad una maggiore suscettibilità alle infezioni non correlate o anche ad altre malattie immuno-mediate non infettive. Pertanto, come è stato ormai stabilito in numerosi studi, i vaccini possono avere effetti completamente inaspettati sulla mortalità complessiva, diversi da quelli che potrebbero essere previsti in base alla protezione contro la malattia mirata al vaccino. L’attuale sistema per testare i vaccini non incorpora questa possibilità.

Speriamo che questo articolo arrivi attraverso la revisione paritaria e nella rivista senza essere ulteriormente tagliato, e le sue raccomandazioni per studi sui vaccini adeguati e il monitoraggio delle morti per tutte le cause siano debitamente ascoltate.

LEGGI LO STUDIO: Randomised Clinical Trials of COVID-19 Vaccines: Do Adenovirus-Vector Vaccines Have Beneficial Non-Specific Effects? by Christine Stabell Benn, Frederik Schaltz-Buchholzer, Sebastian Nielsen, Mihai G. Netea, Peter Aaby :: SSRN

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il vicepresidente della FISM scrive al Quotidiano Sanità: “Perché vaccinare i pazienti già affetti da Covid è stato un errore”

Read Next

Professor Andreas Radbruch: ” I richiami troppo frequenti sono controproducenti. Il virus è il miglior vaccino”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock