• Gennaio 27, 2023

La Cina segnala un rilassamento della politica Zero-Covid dopo le proteste

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il massimo funzionario Covid cinese ha segnalato un possibile allentamento del rigoroso approccio di tolleranza zero del paese al virus, dopo le proteste a livello nazionale che chiedevano la fine dei blocchi e una maggiore libertà politica.

La rabbia per la politica cinese zero-Covid – che prevede blocchi di massa, test costanti e quarantene anche per le persone non infette – ha scatenato proteste nelle principali città tra cui Pechino, Shanghai e Guangzhou.

Inizialmente le autorità hanno chiesto una “repressione” delle manifestazioni, ma successivamente hanno iniziato a suggerire che potrebbe essere in atto un allentamento della linea dura.

Parlando mercoledì alla National Health Commission, il vice premier Sun Chunlan ha affermato che la variante Omicron si sta indebolendo e che i tassi di vaccinazione stanno migliorando, secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua.

Sun – una figura centrale dietro la risposta alla pandemia di Pechino – ha affermato che questa “nuova situazione” richiede “nuovi compiti”.

Non ha fatto menzione della politica zero-Covid nelle sue ultime osservazioni, suggerendo che quell’ approccio che ha sconvolto l’economia e la vita quotidiana finora, potrebbe presto essere allentato.

I commenti sono arrivati ​​quando l’hub manifatturiero meridionale di Guangzhou, il luogo dei drammatici scontri di martedì notte tra polizia e manifestanti, ha fatto sapere di aver parzialmente revocato un blocco di settimane, nonostante i casi record di virus.

I funzionari mercoledì hanno allentato le restrizioni a vari livelli in tutti gli 11 distretti della città, incluso Haizhu, dove si sono svolte le recenti proteste.

Con l’eccezione di una serie di quartieri designati “ad alto rischio”, ha affermato la commissione sanitaria di Guangzhou, “il resto sarà gestito come aree a basso rischio”.

La città centrale di Chongqing ha inoltre comunicato mercoledì che i contatti stretti di casi di Covid che soddisfacevano determinate condizioni sarebbero stati autorizzati a stare in quarantena a casa, una deroga alle regole che richiedevano che fossero inviati alle strutture di isolamento centrali.

Le osservazioni di Sun – così come l’allentamento delle regole da parte delle autorità locali – “potrebbero segnalare che la Cina sta iniziando a considerare la fine della sua rigorosa politica zero-Covid”, hanno affermato gli analisti.

“Riteniamo che le autorità cinesi stiano passando a una posizione di ‘convivenza con il Covid’, come si evince dalle nuove regole che consentono alle persone di fare ‘l’isolamento domestico’ invece di essere trasportate in strutture di quarantena”, hanno affermato in una nota gli analisti di ANZ Research.

Mentre la Cina raggiunge il terzo anniversario della pandemia rilevata per la prima volta nella città centrale di Wuhan, il suo approccio intransigente al virus ha alimentato disordini che non si vedevano dalle proteste a favore della democrazia del 1989.

Un incendio mortale la scorsa settimana a Urumqi, la capitale della regione nord-occidentale dello Xinjiang, è stato il catalizzatore dell’indignazione, con le persone che incolpano i cordoli Covid di aver intrappolato le vittime all’interno dell’edificio in fiamme.

Ma i manifestanti hanno anche chiesto riforme politiche più ampie, addirittura chiedendo le dimissioni del presidente Xi Jinping.

Lo stretto controllo delle informazioni da parte della Cina e i continui limiti ai viaggi hanno reso molto difficile verificare il numero dei manifestanti in tutto il vasto paese.

Tuttavia, i rally diffusi osservati durante il fine settimana sono eccezionalmente rari in Cina.

Le proteste a favore della democrazia del 1989 si sono concluse con uno spargimento di sangue quando i militari sono entrati, soprattutto in piazza Tiananmen a Pechino e nelle aree circostanti.

La morte mercoledì dell’ex leader cinese Jiang Zemin – che è salito al potere subito dopo Tiananmen – ha visto il Partito Comunista al potere sottolineare il suo ruolo in quella repressione.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Elon Musk: Neuralink inizierà la sperimentazione umana sul trapianto di chip cerebrali tra sei mesi

Read Next

La star della musica country Jake Flint muore improvvisamente poche ore dopo il matrimonio

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock