• Giugno 25, 2022

La FDA rivela tranquillamente che 21, non 15, persone sono morte durante la sperimentazione Pfizer

I nuovi dati mostrano che ci sono stati più decessi tra coloro che hanno ricevuto il trattamento di Pfizer durante la sperimentazione clinica, rispetto a quelli che hanno ricevuto un placebo.

 La FDA ha rilasciato silenziosamente una dichiarazione in cui afferma che 21 persone sono morte durante la sperimentazione clinica del vaccino COVID-19 di Pfizer, significativamente più di quanto riportato pubblicamente dalla società

L’8 novembre, la Food and Drug Administration (FDA) ha rilasciato una dichiarazione di 30 pagine intitolata “Summary Basis for Regulatory Action” per spiegare la logica alla base dell’approvazione del cosiddetto vaccino Pfizer COVID-19. Il report afferma che 21 persone nel gruppo ricevente del vaccino sono morte tra novembre 2020 e marzo 2021, ma la società farmaceutica aveva comunicato al pubblico a luglio, solo 15 decessi durante quel periodo. 

Pfizer ha dichiarato pubblicamente a luglio, che si sono verificate 15 morti tra i destinatari del vaccino a metà marzo. Ma ha comunicato alla FDA che fossero 21 – alla stessa data di fine del cutoff dei dati, il 13 marzo”.

Ne ha scritto Alex Berenson, ex reporter del New York Times e autore di bestseller, nella sua analisi delle ultime informazioni: 

“La discrepanza potrebbe derivare da qualche strano ritardo nei dati? Forse, ma il registro informativo della FDA contiene anche il numero di casi di Covid che Pfizer ha trovato nei destinatari del vaccino nello studio. Queste cifre sono ESATTAMENTE le stesse che Pfizer ha pubblicato pubblicamente a luglio. Eppure il conteggio delle morti era diverso”, ha aggiunto.  

Pfizer in qualche modo ha contato male – o pubblicamente riportato male, o entrambi – il numero di decessi in uno dei più importanti studi clinici nella storia della medicina“. 

Questo prodotto non ha mostrato problemi di sicurezza secondo la FDA, pur essendoci stati 21 morti nel gruppo di 22.000 che hanno ricevuto il vaccino e solo 17 decessi nel gruppo placebo di 22.000 e questi dati, che erano a disposizione della FDA, mostrano che coloro che hanno ricevuto il trattamento con Pfizer sono deceduti in numero maggiore rispetto a quelli che non lo hanno ricevuto. Tuttavia, le iniezioni sperimentali erano già state approvate per un uso diffuso. 

A causa della discrepanza tra i dati pubblici di Pfizer e i dati inviati alla FDA, la causa della morte post-vaccino è nota solo per 15 dei 21 soggetti deceduti. Dei 15 decessi post-vaccino con causa nota, 6 hanno mostrato eventi cardiaci correlati. Per il gruppo placebo non vaccinato, solo 2 persone sono decedute per eventi cardiaci correlati.  

“Le morti extra [6] erano correlate a problemi cardiaci? È impossibile saperlo”, ha dichiarato Berenson.  

“La FDA non ha riportato ulteriori dettagli sui decessi, dichiarando solo che nessuno ‘è stato considerato correlato alla vaccinazione'”, ha continuato.  

“Ma con decine di migliaia di morti post-vaccino ora segnalate negli Stati Uniti e in Europa – e i tassi di mortalità complessivi non Covid ben al di sopra della norma in molti paesi – un nuovo sguardo a quel profilo di sicurezza è d’obbligo”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Pubblicata nuova circolare ministeriale lunedì 22 novembre. Terza dose a 150 giorni e invito a ricevere nella stessa seduta l’antinfluenzale

Read Next

Decreto cautelare Tribunale di Velletri del 22 novembre. Ordinata l’immediata ricollocazione dell’operatrice sanitaria non vaccinata e sospesa