• Giugno 14, 2024

La pandemia può creare una “tempesta perfetta” per un’ondata di superbatteri?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il coronavirus sta alimentando la resistenza agli antibiotici perché ai pazienti con virus vengono prescritti i farmaci inutilmente, hanno avvertito gli esperti.

Uno studio su 48.902 pazienti ricoverati negli ospedali del NHS con Covid-19 durante la prima ondata ha rilevato che all’85% sono stati prescritti antibiotici.

Tuttavia, la ricerca ha rilevato che la stragrande maggioranza di essi non aveva effettivo bisogno dell’utilizzo di antibiotici poiché le infezioni batteriche secondarie sono molto rare nei pazienti Covid.

Ciò significa che la pandemia potrebbe creare una “tempesta perfetta” per un’ondata di superbatteri perché l’uso eccessivo di antibiotici consente lo sviluppo di batteri resistenti ai farmaci.

Degli 8.649 pazienti Covid-19 nel Regno Unito sottoposti a test microbiologici per infezioni come sepsi o polmonite, solo a 1.107 sono state diagnosticate malattie batteriche.

Al contrario, altri virus come l’influenza spesso causano ai pazienti infezioni batteriche come la polmonite batterica. Circa un paziente su quattro con influenza grave ha co-infezioni batteriche.

La ricerca, pubblicata su The Lancet, suggerisce che i medici devono ridurre l’uso di antibiotici nei pazienti con Covid-19.

L’autore dello studio, il professor Calum Semple, ha aggiunto: “Il Covid è una malattia virale. Non è raro che le malattie virali siano complicate da infezioni batteriche, ma non lo stiamo riscontrando molto.

“Stiamo vedendo antibiotici usati più di quanto vorremmo, e stiamo utilizzando gli antibiotici più preziosi che vorremmo riservare per le infezioni batteriche più gravi.

Ci sono alcuni virus che sono abbastanza comuni e hanno bisogno di un batterio per causare molti danni. Ci sono alcuni virus che sono molto pericolosi di per sé.

Dobbiamo renderci conto che il coronavirus è un virus che da solo è capace di farti ammalare gravemente e ucciderti. Non è necessario avere un’infezione batterica secondaria a bordo”.

La resistenza agli antibiotici è una condizione che si sviluppa nei batteri quando gli stessi sono stati esposti a farmaci così tante volte che i farmaci non funzionano più contro di loro.

Se alle persone vengono somministrati antibiotici quando non ne hanno bisogno, o non li prendono correttamente, i batteri possono imparare a convivere con il farmaco.

Nel corso del tempo questo insegna ai batteri come sopravvivere all’azione degli antibiotici, il che significa che non funzionano altrettanto bene e le infezioni diventano più gravi e più difficili da trattare in futuro.

Sta già accadendo in particolare con la gonorrea, un’infezione a trasmissione sessuale.

Per i ceppi resistenti i medici devono usare farmaci sempre più forti che normalmente non sceglierebbero, semplicemente perché i farmaci originali non funzionano. Il processo può continuare fino a quando i medici non arrivano ai farmaci di “ultima difesa”, dopo di che potrebbero esaurire i trattamenti”.

L’autrice principale, la dott.ssa Antonia Ho, dell’Università di Glasgow, ha dichiarato: “Il nostro studio dimostra che la co-infezione è davvero rara, quindi l’impostazione predefinita è quella di non prescrivere antibiotici a meno che non si disponga di buone prove.

“La stragrande maggioranza dei pazienti non ha infezioni batteriche. Se hai un sospetto prendi le emocolture e le inviii a un laboratorio. Si tratta di usare gli antibiotici in modo più intelligente”.

“Poiché la resistenza antimicrobica rimane una delle maggiori sfide per la salute pubblica del nostro tempo, le misure per combatterla sono essenziali per contribuire a garantire che questi farmaci salvavita rimangano un trattamento efficace per l’infezione negli anni a venire”.

La ricerca ha rilevato che durante la prima ondata del virus, a più di un terzo dei pazienti Covid-19 sono stati prescritti antibiotici prima di essere ricoverati in ospedale nel Regno Unito. E una volta in ospedale, circa l’85% ha ricevuto antibiotici.

L’uso eccessivo di antibiotici sta alimentando una crisi di superbatteri, in quanto causa la mutazione dei batteri causati e la resistenza ai farmaci.

Ai medici di base è stato ripetutamente ordinato di ridurre il numero di prescrizioni che esevano poiché molti antibiotici sono inutili contro germi sempre più resistenti.

Gli antibiotici sono efficaci solo se usati per trattare le infezioni batteriche, al contrario dei virus tra cui Covid-19.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Pubblicata circolare Ministero della Salute: terza dose per tutti gli over 60, i fragili e per gli operatori sanitari – Circolare n.45886 dell’8 ottobre 2021

Read Next

Molnupiravir: servono studi indipendenti

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO