• Agosto 7, 2022

La prova lampante del fallimento? Haiti! Attuale tasso di vaccinazione 1,4% e uno dei tassi di mortalità Covid PIÙ BASSI AL MONDO

I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno mostrato che solo 837 persone sono morte ad Haiti dall’inizio della pandemia, con un tasso di vaccinazione dell’1,4% su 11,6 milioni di abitanti.

“Ad Haiti , dal  3 gennaio 2020 al 7 luglio 2022 , ci sono stati  31.703 casi confermati  di COVID-19 con  837 decessi , segnalati all’OMS. Al  24 giugno 2022 sono state somministrate in totale  342.724 dosi di vaccino “, secondo i dati dell’OMS.

Al 24 giugno, solo l’1,4% della popolazione era completamente vaccinata. Haiti aveva una popolazione di 11.681.526 persone giovedì 7 luglio 2022, secondo i dati di Worldometers .

A differenza dei paesi che hanno vaccinato la maggior parte della loro popolazione, Haiti è sopravvissuta agli impatti del Covid-19.

Vogliamo dare uno sguardo ai paesi maggiormente vaccinati?

Israele – 72% vaccinati
Israele non ha un alto tasso di vaccinazione completa (66%), ma il paese ha abbracciato con entusiasmo tutti i booster proposti: quattro. Nonostante tutto, quest’anno Israele ha registrato il più alto tasso di mortalità per COVID-19 mai registrato.

Italia – 84,27% vaccinati

L’ Italia si piazza tra i primi paesi più vaccinati al mondo, con l’84,27% di vaccinati e il 67,22% di vaccinazioni complete. L’adesione alla quarta dose è stata minima 2,24%. In compenso la mortalità è la più alta in UE e a livello globale superata solo dagli Stati Uniti.

Finlandia, Danimarca, Islanda, Norvegia – 84%, 83%, 81% 79% vaccinati
Tutti i paesi scandinavi, ad eccezione della Svezia, sono stati recentemente devastati dal COVID-19. Finlandia, Danimarca, Islanda e Norvegia hanno documentato i loro tassi di mortalità più alti, hanno battuto i loro record più volte nelle ultime settimane.

Ciò che è preoccupante è quanto durano le ondate. L’anno scorso, l’ondata in Danimarca è durata da metà novembre a metà marzo. Quest’anno è partita all’inizio di novembre e sembra non mollare. L’impronta di quest’anno è piuttosto problematica in tutti e quattro i paesi.

Canada: vaccinato all’86%

Il Canada non ha battuto il suo record di mortalità, ma l’ultima ondata è iniziata un mese prima e finora ha lasciato un numero di vittime simile a quello dell’anno scorso. In altre parole, i vaccini non hanno fatto assolutamente nulla…

Giappone – L’82% di vaccinati

Il Giappone ha recentemente registrato il suo peggior tasso di mortalità quest’anno, raddoppiando il suo record di tutti i tempi. Anche le mascherine e l’isolamento non hanno aiutato.

Australia – L’87% di vaccinati

Il COVID-19 sta attraversando l’Australia come un incendio. Il paese ha recentemente registrato un record di morti quattro volte maggiore che in qualsiasi altro momento durante la pandemia e l’incendio è ancora in corso. Forse un tasso di vaccinazione del 100% aiuterà, o vaccinazioni di richiamo obbligatorie ogni volta che qualcuno vuole uscire?

Nuova Zelanda – 84% vaccinato
I numeri della Nuova Zelanda fanno girare la testa. Che bel paese; che governo. Di recente hanno stra-battuto il loro record di mortalità di tutti i tempi. 

Corea del Sud – 88% vaccinato
Un tempo un faro luminoso su come affrontare il COVID-19, oggi la Corea del Sud è ai piedi di un picco di morte mostruoso. Ha raggiunto questo obiettivo con l’86,95% della popolazione completamente vaccinata.

Hong Kong – 89%
Il grafico parla da sé. O i vaccini non hanno funzionato, o il lockdown ha solo posticipato l’inevitabile.

Malta – 92%
Un altro paese che ha battuto il record di tutti i tempi. Malta ha persino imposto nuovi blocchi a gennaio mentre la popolazione era vaccinata per oltre il 90%.

Singapore – 92%
Singapore è uno dei paesi più vaccinati del pianeta e ha recentemente superato il record di morti per COVID-19 di tutti i tempi… due volte.

SOURCE

eVenti Avversi

Read Previous

Morte improvvisa per Emanuele Vaccarini 44 anni, il gladiatore di “Avanti un altro”

Read Next

Ancora morti improvvise di medici. Malore in spiaggia, muore direttore clinica Cagliari