• Maggio 27, 2024

La vera pandemia è appena iniziata, e sono i decessi e i danni da vaccini COVID nei giovani

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il “New Normal” è un adolescente sano circa 20enne, che collassa con danni mortali a cuore o cervello – mentre il CDC lancia i vaccini sperimentali ai bambini di 5 anni.

Un orribile post instagram di qualche giorno fa, mostra la nostra nuova realtà globale.

È un video girato in una strada affollata da qualche parte in Israele dove una giovane – sembra una ragazza adolescente o forse appena 20enne – è crollata. I suoi occhi sono chiusi, la sua testa è riversa indietro, e sembra completamente insensibile mentre è trasportata dai paramedici attraverso il vivace traffico pedonale. Fuori dalla telecamera, un uomo tra la folla inizia a urlare: “Questa è Pfizer! Questa è Pfizer! Questa è Pfizer!”

Per visualizzare il post: https://www.instagram.com/p/CVpFFc4N-ID/?utm_source=ig_web_copy_link

Benvenuti nella “Nuova Normalità”.

Se pensate che questa sia un’esagerazione, date un’occhiata a un campione di dozzine di storie che hanno fatto notizia di recente:

Ci sono buone probabilità che ognuno di questi giovani sia stato vaccinato.

Basta chiedere al governatore Gavin Newsom se i bambini sono costretti a essere vaccinati per frequentare la scuola in California.

Oppure chiedere a Kyrie Irving quanta pressione viene esercitata sui giovani atleti affinchè siano vaccinati per poter giocare.

È quasi certo che tutti loro abbiano ricevuto almeno una dose di vaccino COVID-19, perché le probabilità di avere un infarto da ragazzino, o un’emorragia cerebrale, sono rarissime.

Aumento della mortalità giovanile e attacchi di cuore

Questi giovani rappresentano tragicamente un fenomeno globale che si sta appena iniziando a mostrare.

Sta emergendo in India, ad esempio, dove l’Hindu Times riporta attacchi di cuore tra i giovani in aumento. L’articolo si riferisce alla celebrità Puneeth Rajkumar, morto cinque giorni fa, per un attacco di cuore all’età di 46 anni. Il suo primo avvertimentoè stato un improvviso dolore al petto in palestra. Nessun media menziona che il “praticante di yoga e forte sostenitore di una vita sana” ha ricevuto la sua prima dose di vaccino COVID ad aprile, ma lo ha twittato.

Sta accadendo in Canada, dove l’agenzia di sanità pubblica segnala 970 casi confermati di miocardite, una condizione cardiaca infiammatoria che può portare a infarto, tra i vaccinati con un’età media di 27 anni – ad un tasso significativamente superiore al normale.

Sta accadendo in Scozia, dove un misterioso aumento degli attacchi di cuore da arterie bloccate ha fatto affermare agli esperti di salute pubblica di essere “sconcertati”.

 I dati dell’Office for National Statistics mostrano che nei giovani, in particolare nella fascia di età compresa tra i 15 e i 19 anni, i decessi stanno crescendo significativamente di recente, con picchi tra il +16% e il +47% al di sopra dei livelli previsti tra maggio e settembre 2021 – e non segnati come COVID-19.

I danni da vaccino intasano i sistemi sanitari

Per coloro che sono preoccupati per i sistemi ospedalieri sopraffatti dall’emergenza COVID, è consigliato di controllare i dati del sistema di segnalazione degli eventi avversi ai vaccini (VAERS) degli Stati Uniti. Nei bambini di età compresa tra sei e 17 anni (per lo più solo tra i 12 ei 17 anni poiché i bambini di cinque anni inizieranno a ricevere i vaccini questa settimana), ci sono state 26.608 segnalazioni di eventi avversi a seguito della vaccinazione COVID fino al 22 ottobre. E non si parla solo di un “braccio dolorante nel sito di iniezione” o “febbri lievi” come suggerirebbe la CNN. Includono 1.689 minori che hanno richiesto il ricovero in ospedale (per 754 episodi di miocardite e pericardite potenzialmente letali). Includono altri 321 giovani che sono stati classificati in condizioni di pericolo di vita (come lo shock anafilattico) e 163 giovani lasciati con disabilità permanenti come paralisi e disturbi neurologici. Includono anche 38 bambini che sono morti dopo aver ricevuto una delle “iniezioni nuove”, affrettate e sperimentali di Big Pharma.

Ricordiamo che il tasso di mortalità per infezione di COVID-19 nei bambini sotto i 18 anni di età è 0,00002 o praticamente zero. Per le persone di età inferiore ai 50 anni, è 0,0005.

In18 mesi, 542 bambini sotto i 18 anni sono morti di COVID-19 negli Stati Uniti (ovvero circa 30 bambini al mese). La maggior parte di loro aveva gravi malattie pregresse.

In sei mesi di vaccinazione ci sono 754 nuovi casi solo di malattie cardiache e più di 200 ragazzi permanentemente disabili o morti. Per non parlare delle migliaia di altri casi. Chi sta facendo i conti?

Morte infantile di influenza nel 2020

Le persone che calcolano il rapporto rischio/beneficio dei vaccini COVID per bambini e giovani adulti sono le stesse che alimentano la paura del COVID nei bambini. In realtà, di solito, ogni anno, più di 100 bambini muoiono di influenza. Come con COVID. Sono per lo più neonati molto prematuri o bambini gravemente malati prima che fossero infettati. Durante la stagione influenzale di sei mesi 2017-2018, ad esempio, 188 bambini sono morti di influenza. Rispetto ai 30 covid al mese, si tratta di 31 bambini al mese morti di influenza nel 2018 che i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) dichiararono essere probabilmente “più vicini ai 600”. Sorprendentemente, il CDC ha ricevuto una segnalazione di un solo decesso per influenza pediatrica durante la stagione influenzale pandemica 2020-21. È come se l’influenza fosse svanita improvvisamente e un “nuovo” virus respiratorio avesse preso il suo posto, incredibilmente sensazionalizzato dai maggiori esperti di salute pubblica e politici ,che ne hanno fatto la loro agenda prioritaria.

Aggiungete i dati sui danni da vaccino per adolescenti più grandi e giovani adulti e il quadro diventa ancora più folle e più spaventoso. Per quei giovani di età compresa tra 18 e 29 anni, i dati VAERS affermano che ci sono stati:

  • 184 morti
  • 1.215 eventi avversi potenzialmente letali
  • 1.892 disabilità permanenti
  • 5.542 ricoveri (e altri 71 con “ricovero prolungato”)
  • 11.647 visite al pronto soccorso
  • 13.556 visite agli studi medici
  • Altri eventi avversi per un totale di 85.415 segnalati.

Per coloro che si oppongono all’uso dei dati VAERS come indicatore, va detto che i rapporti non dimostrano che il vaccino sia stato la causa della malattia segnalata. Ma va anche detto che i dati VAERS hanno chiaramente dimostrato di evidenziare solo uno su 100 effetti collaterali del vaccino che invece non sono segnalati,il che significa che i rapporti VAERS sono solo la punta dell’iceberg.

I danni da vaccino colpiscono i più giovani

Ciò che non viene riportato è che mentre il bilancio delle vittime COVID è stato in gran parte limitato agli anziani, con la stragrande maggioranza dei decessi in quelli di età superiore ai 70 anni, sono i giovani che stanno sopportando il peso dei danni da vaccino. Secondo VigiAccess, il database degli eventi avversi per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 41% degli oltre 2,4 milioni di danni da vaccino segnalati finora, sono tra individui di età inferiore ai 44 anni e solo il sei percento è tra le persone di età superiore ai 75 anni.

VAERS riporta 1.925 casi di miocardite / pericardite, che di solito richiede il ricovero in ospedale e terapia farmacologica per mesi, nella fascia di età da 18 a 29 anni e 754 nel gruppo di età compresa tra 12 e 17 anni.

Il problema è stato riconosciuto relativamente presto perché è davvero raro per i giovani avere miocardite o attacchi di cuore di punto in bianco. Ma questi giovani sono probabilmente solo gocce nell’oceano rispetto ai numeri reali. L’attuale numero totale di eventi avversi di miocardite / pericardite in seguito a vaccini COVID su VAERS è 9.813 (7.256 per Pfizer, 2.368 per Moderna e 189 per il vaccino di Johnson & Johnson – quindi non si comprende perché la FDA stia solo rivedendo il vaccino di Moderna per rischio di miocardite).

Deve essere preso in considerazione nel quadro generale anche il fatto che questi “casi” sono giovani reali,in carne ed ossa, le cui vite sono state completamente distrutte e che molto probabilmente non saranno recuperate così rapidamente come se avessero contratto il coronavirus e poi ne fossero guariti.

“Sto lottando con la mia nuova normalità”

Cienna Knowles ne è un esempio. La 19enne ha postato dal suo letto d’ospedale in Australia di aver ricevuto il vaccino mRNA Pfizer il 21 ottobre, perché le era stato detto che se non si fosse vaccinata, non avrebbe potuto svolgere nessun lavoro, non avrebbe più potuto competere con i suoi cavalli, non sarebbe potuta più andare da nessuna parte.

“Sei egoista se non lo fai, fallo e basta” è il messaggio che Knowles e milioni di adolescenti in tutto il mondo ricevono quotidianamente dai media di proprietà delle farmaceutiche.

Ma ora alla ragazza che stava cercando di fare la “cosa giusta” e non aveva mai trascorso un giorno in ospedale in vita sua, è stata diagnosticata una trombosi polmonare, nello stomaco e nelle gambe. Le sue prospettive future nella carriera equestre professionale sono scomparse per ora.

Knowles ha dichiarato di soffrire di altri sintomi che non vuole condividere pubblicamente. “Sto lottando per venire a patti con ciò che mi è stato tolto … la mia nuova normalità.”

Il giocatore di basket di Varsity Everest Romney, 17 anni, ha ricevuto la sua prima dose Pfizer il 21 aprile per poter continuare a giocare. I suoi mal di testa sono iniziati il giorno successivo e i medici hanno ripetutamente negato i suoi problemi fino a nove giorni dopo, quando sua madre ha insistito per un controllo medico, grazie al quale sono stati riscontrati trombi nel cervello e nella vena giugulare.

Daniel Shep e la sua ragazza hanno avuto entrambi problemi cardiaci dopo aver ricevuto i vaccini COVID a settembre. Shep ha sviluppato un forte dolore toracico tre settimane dopo la seconda dose ed è finito in ospedale con pericardite grave. Gli è stato ordinato riposo assoluto per 6-12 mesi e gli è stato consegnato un sacchetto di farmaci da assumere quotidianamente. Alla sua ragazza è stata diagnosticata una miocardite. Dopo aver avvertito i suoi amici, Shep ha scoperto che anche al cugino era stata diagnosticata una pericardite. Quante sono le probabilità?

Ascoltare queste storie e leggere le migliaia di rapporti VAERS di giovani è straziante e dovrebbe essere un esercizio obbligatorio per i giornalisti dei media mainstream,dovrebbero includerli nei loro aggiornamenti quotidiani COVID, per non parlare degli “esperti” di salute pubblica che stanno promuovendo questa pandemia di danni da vaccino nei giovani. Dovrebbero essere visti da ogni politico e dirigente scolastico che spinge per l’utilizzo di farmaci sperimentali sui bambini per l’accesso alle scuole; da ogni Baby Boomer che rimprovera i ragazzi e i bambini di diffondere infezioni da cui il loro vaccino non li proteggerà e che possono loro stessi trasmettere; da ogni genitore desideroso di immolare i propri figli sull’altare di Big Pharma, per riportare le loro vite alla normalità.

Cosa succederà?

Recentemente, un fratello e una sorella di quattro e cinque anni sono stati accidentalmente vaccinati con un vaccino Pfizer COVID in una farmacia Walgreen in Indiana. Ognuno ha ricevuto una dose per adulti di vaccino COVID invece che vaccino antinfluenzale. Lukas, un bambino di quattro anni, ha iniziato a sentirsi male prima ancora di tornare a casa. Lui e sua sorella Sophia hanno sviluppato rispettivamente cuore d’atleta e pressione sanguigna elevata, tra gli altri sintomi, e ora sono sotto la cura di un cardiologo pediatrico. Dose da adulti o no, questo incidente non promette bene per il sistema immunitario e la salute di una generazione in procinto di essere sacrificata per un esperimento dell’industria farmaceutica su larga scala.

Con la campagna vaccinale per i bambini di cinque anni pronta per iniziare, è difficile non immaginare un futuro boom di segnalazioni VAERS, casi di studio e continue notizie di eventi avversi di bambini piccoli – di cinque, sei e sette anni – che improvvisamente hanno attacchi di cuore nei parchi giochi e cadono al suolo vittime di emorragie cerebrali e trombosi.

Chissà se il pubblico che è imprigionato dalla falsa narrativa COVID e dalla sua “soluzione” farmaceutica inizierà a rendersi conto che la vita con i vaccini COVID non sarà mai più normale.

fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Un politico dell’Ontario chiede alla polizia di indagare sul picco di decessi giovanili successivi al vaccino COVID

Read Next

Ricoverato per covid Enrico Pirondini, vaccinato, ex direttore de “La Provincia” di Cremona. Scrive: “Com’è stato possibile?”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO