• Maggio 24, 2024

Le donne vaccinate e incinte a rischio molto più elevato di contrarre il Covid. Nuovo STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Le donne incinte e vaccinate contro il coronavirus hanno quasi il doppio delle probabilità di contrarre il covid-19 rispetto a quelle che non sono incinte, secondo un nuovo studio che offre la prova più ampia fino ad oggi delle probabilità di infezioni tra i pazienti vaccinati con diverse condizioni mediche.

L’analisi, basata sulle cartelle cliniche di quasi 14 milioni di pazienti statunitensi da quando è diventata disponibile l’immunizzazione contro il coronavirus, ha rilevato che le donne incinte vaccinate hanno il maggior rischio di sviluppare il covid tra una dozzina di condizioni mediche, tra cui essere trapiantato di organi e avere il cancro.

I risultati si aggiungono alla ricerca che mostra che le donne incinte o che hanno partorito di recente e sono state infettate, sono particolarmente inclini a ammalarsi gravemente di covid-19. E il covid può aumentare il rischio di complicazioni della gravidanza, come le nascite premature.

I Centers for Disease Control and Prevention hanno esortato le donne a ricevere i vaccini covid prima o durante la gravidanza. A partire da marzo, quasi il 70% delle donne incinte era stato vaccinato prima o durante la gravidanza, secondo i dati federali, anche se persistono disparità tra gruppi razziali ed etnici.

Il nuovo studio rivoluziona ciò che era stato precedentemente compreso, suggerendo che le donne incinte completamente vaccinate, tendono ad avere meno protezione dal virus rispetto a molti altri pazienti con problemi medici significativi.

“Se sei completamente vaccinato, è magnifico“, ha dichiarato un autore principale dello studio, David R. Little, un medico ricercatore presso Epic, una società del Wisconsin che mantiene le cartelle cliniche elettroniche dei pazienti per quasi 1.000 ospedali e oltre 20.000 cliniche in tutto il paese. “Ma se sei completamente vaccinata e rimani incinta, sei a più alto rischio di contrarre il covid”.

Little sostiene che i risultati mostrano che altre precauzioni contro il virus dovrebbero essere prese durante la gravidanza, come indossare mascherine e mantenere distanze di sicurezza.

I dati sollevano anche questioni scientifiche che richiedono ulteriori ricerche sul modo migliore per proteggere le donne incinte e i loro bambini dalle infezioni, secondo gli esperti di salute pubblica e i professionisti.

Georges C. Benjamin, direttore esecutivo dell’American Public Health Association, ha affermato che i risultati di Epic indicano la necessità di capire se è più utile essere vaccinati prima di rimanere incinta o subito dopo, l’intervallo di tempo più utile tra i vaccini e quale dosaggio è il migliore.

Benjamin ha aggiunto, “la gente non dovrebbe farsi prendere dal panico. Non ti stai ammalando a causa del vaccino. Sostiene che probabilmente hai SOLO bisogno di un po ‘più di vaccino. “

L’analisi si è basata sulle cartelle cliniche di 13,8 milioni di pazienti tra gennaio 2021, quando le prime persone negli Stati Uniti sono state completamente vaccinate e hanno avuto abbastanza tempo per sviluppare l’immunità, e alla fine di gennaio di quest’anno. Little e colleghi hanno analizzato il rischio di 12 comorbidità durante quel periodo. Lo studio ha incluso i picchi delle varianti delta e omicron, ma non ha differenziato il tasso di infezioni rivoluzionarie durante quelle ondate o in altri momenti.

I ricercatori hanno misurato il rischio analizzando i record di coppie di pazienti completamente vaccinati provenienti dalla stessa parte del paese. In ogni coppia, un paziente aveva la condizione che veniva misurata e l’altro no. I pazienti non erano abbinati per età e le donne in gravidanza avrebbero potuto essere abbinate nell’analisi con un uomo o una donna.

L’analisi ha rilevato che le 110.000 donne incinte incluse nello studio avevano il 90% in più di probabilità di essere infettate dal coronavirus rispetto allo stesso numero di persone non incinte. Il rischio successivo più alto – l’80% in più – era tra i riceventi di trapianto di organi. Il rischio tra questi due gruppi era più alto rispetto ai pazienti con sistema immunitario compromesso, che avevano il 60% in più di probabilità di infezione da coronavirus.

Il fatto che la gravidanza sembri rappresentare un rischio maggiore rispetto ad avere un sistema immunitario indebolito è sorprendente, perché i funzionari della sanità pubblica hanno avvertito che essere immunocompromessi può rendere i vaccini contro il coronavirus significativamente meno efficaci. I regolatori federali hanno permesso alle persone con problemi di immunità di ottenere un quarto richiamo.

Hughes ha previsto che i funzionari sanitari federali alla fine aggiungeranno la gravidanza all’elenco dei fattori che sono motivo per ulteriori dosi di richiamo. (Capito?)

I risultati non spiegano la ragione dietro i livelli di rischio. Denise Jamieson, specialista in malattie infettive durante la gravidanza, ha definito l’alto rischio di infezione tra le persone in gravidanza vaccinate una “scoperta interessante e intrigante”.

Jamieson, presidente di ginecologia e ostetricia presso la Emory University School of Medicine di Atlanta, ha affermato che la scoperta potrebbe riflettere che tali persone hanno maggiori probabilità di sottoporsi al test, perché ricevono cure prenatali, mettendole in contatto insolitamente frequente con un operatore sanitario.

E Hughes ha osservato che i test sul coronavirus sono diventati di routine quando le pazienti incinte sono ammesse ai centri di travaglio e parto. Di conseguenza, ha detto, è possibile che possano essere rilevati più test positivi tra tali pazienti, anche quando mancano di sintomi, rispetto a persone le cui condizioni mediche non portano a test di routine.

Jamieson ha detto che la scoperta potrebbe anche suggerire che le persone in età fertile tendono ad avere lavori, come l’insegnamento o l’assistenza infermieristica, che li mettono a rischio insolitamente alto di esposizione al virus.

Oppure, ha detto Jamieson, lo studio potrebbe effettivamente rivelare che le persone incinte sono più suscettibili di essere infettate dal coronavirus, anche se vaccinate.

“È sicuramente interessante”, ha detto Jamieson. “Questo studio pone questa domanda ma non le risponde”.

( L’altra domanda che lo studio pone ma lascia senza risposta è sapere che probabilità ci sono per le donne incinte e NON VACCINATE di contrarre il Covid, ma probabilmente la risposta la conosciamo già) NdR

LEGGI LO STUDIO: Which Comorbidities Increase the Risk of a COVID-19 Breakthrough Infection? (epicresearch.org)

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La Fnomceo in lutto, scompare il Direttore generale Enrico De Pascale

Read Next

Morti improvvise nello sport, in Veneto progetto per giovani atleti con Cardiomiopatie…(The New Normal)

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock