• Gennaio 27, 2023

L’inchiesta giudiziaria accerta che il 41enne inglese Adam Bounds è morto per emorragia cerebrale a causa del vaccino covid

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Un’altra morte accertata da vaccino covid in Inghilterra, dopo il caso di Michelle Barlow che si è concluso a fine novembre con l’evidenza del nesso causale tra la trombosi e il decesso.

Adam Bounds, 41 anni, è morto all’ospedale di Plymouth il 31 maggio di quest’anno dopo essere stato trasferito dal Royal Devon e dall’Exeter Hospital per un intervento neurochirurgico.

Oggi sono stati resi noti i risultati dell’indagine volta a stabilire le cause della morte.

L’inchiesta, svoltasi presso la Plymouth Coroner’s Court, ha accertato che il 41enne – che viveva in Braemar Avenue a Bristol, dove lavorava, ma originario di Axminster nella contea di Devon – era stato soccorso dal padre in preda ad un forte mal di testa.

Il coroner senior, medico legale, Ian Arrow ha dichiarato che il signor Bounds, un manager della vendita di prodotti finanziari che è stato descritto come “pieno di vita e anima delle feste”, era andato a un barbecue e più tardi quella notte, dopo essere tornato a casa dei suoi genitori ad Axminster, aveva sentito freddo.

Ha continuato a stare male durante la notte. Il padre del signor Bounds, Les Bounds, la mattina dopo lo ha trovato in condizioni non buone.

Adam disse a suo padre che credeva di aver mangiato “qualcosa di strano” al barbecue. All’ora di pranzo aveva cominciato a lamentarsi del mal di testa e aveva preso il paracetamolo. Tuttavia, ha continuato a peggiorare al punto che suo padre ha chiamato un’ambulanza.

L’inchiesta ha appreso che il padre di Adam non era a conoscenza di alcun trauma o colpo alla testa di suo figlio, affermando solo che Adam era tornato in palestra dopo la fine del lockdown e si chiedeva se in qualche modo si fosse sforzato eccessivamente. Suo padre ha chiamato il numero di emergenza 999 e ha chiesto un’ambulanza.

Un rapporto dei paramedici del South Western Ambulance Service ha rivelato che Adam aveva detto loro che soffriva di emicrania e che la soglia del dolore era stata registrata da loro in quella fase come “dieci su dieci”. Hanno scoperto che non poteva stare in piedi correttamente ed era “flaccido” senza forza nelle braccia o nelle gambe.

Adam ha detto ai paramedici di aver vomitato tre volte, due durante la notte e un’altra al mattino. Poiché il suo livello di coscienza è diminuito, è stato deciso di portarlo al pronto soccorso.

All’arrivo al Royal Devon and Exeter Hospital è stato sottoposto a una TAC che ha rivelato un’emorragia acuta del lobo frontale destro che ha causato la compressione del tronco cerebrale. Venne quindi trasferito al Derriford Hospital per la neurochirurgia.

Tuttavia, durante l’operazione, che ha rilevato che il suo cervello era diventato “molto gonfio e molto teso”, il chirurgo ha riscontrato che non c’era alcun miglioramento, nonostante la rimozione del sangue. 

Il neurochirurgo ha quindi deciso di non proseguire con la craniotomia “per l’inutilità dell’operazione poichè il cervello restava molto gonfio e molto teso e l’assenza di risposta alla diminuzione dell’ematoma era associata a una trascurabile possibilità di sopravvivenza e di guarigione”

Una causa di morte è stata indicata nell’emorragia intracerebrale.

Il neuropatologo consulente Dr Adity Shivane ha effettuato un esame post mortem e ha trovato un “enorme sanguinamento intracerebrale”. Nel tentativo di trovare la causa non riuscì a trovare un tumore o un cancro che avrebbe potuto causare un’emorragia così grande. L’esame tossicologico è stato senza esito.

Ha detto che non c’erano prove di un trauma o di una lesione e che si trattava, a conti fatti, di un “sanguinamento spontaneo“. Inoltre, ha detto che non c’erano prove di un attacco di cuore, ma ha notato emorragie nel rene destro e coaguli di sangue nel mesentere, una membrana attaccata alla parete addominale.

Anche il dottor Wayne Thomas, un consulente ematologo del Derriford Hospital, ha fornito prove all’inchiesta e ha rilevato che gli esami del sangue del signor Bounds hanno riscontrato una “marcata riduzione della conta piastrinica” e che una conta piastrinica bassa ha dato una “tendenza al sanguinamento”. 

Ha notato che in qualcuno che stava bene il conteggio basso potrebbe essere correlato al loro sistema immunitario, che quindi attacca le piastrine e le riduce. Ha detto che i pazienti che si presentano con una bassa conta piastrinica causata dal sistema immunitario “soffrono di emorragie spontanee” come quelle all’interno del cervello, che potrebbero portare alla morte.

Il dottor Thomas ha aggiunto che le piastrine derivate dai donatori sono state somministrate al signor Bounds per cercare di correggere il basso numero di piastrine, ma, poichè il sistema immunitario stava già attaccando le piastrine, avrebbe potuto anche attaccare le nuove piastrine donate. 

Il dottor Thomas ha risposto, infine, alla domanda se qualcos’altro avesse potuto “contribuire” all’attivazione del sistema immunitario e ha affermato: “eravamo tutti chiaramente consapevoli della situazione con l’infezione da Covid, siamo successivamente venuti a conoscenza dei cambiamenti associati al vaccino nel nostro sangue del sistema di coagulazione.”

Per il dottor Thomas, gli esami presentati hanno trovato “l’anticorpo associato che causa piastrine basse”. 

E’ stato stabilito, così, che la diagnosi del signor Bounds era “trombocitopenia trombotica indotta da vaccino” ed è stato notato che aveva ricevuto il vaccino AstraZeneca “11 giorni prima”.

Ha aggiunto che l’ospedale non era a conoscenza della diagnosi fino a “dopo l’evento” perché è un test che deve essere fatto a Bristol. Ha detto che le discussioni da allora con esperti in questo campo hanno confermato che il signor Bounds aveva una trombocitopenia trombotica indotta dal vaccino.

Ha detto che la trombosi era associata a coaguli e non necessariamente nel cervello, ma anche nell’addome, come aveva notato il dottor Shivani nel suo report. 

Il fratello del signor Bounds ha reso omaggio ad Adam a nome di tutta la sua famiglia. 

Ha detto: “Adam era un membro molto amato della nostra famiglia e della comunità locale. Lascia suo figlio Owen, il padre Les e il fratello Jamie”.

“Sono sconvolto per l’esito dell’inchiesta, ci mancherà molto, è stato l’anima della famiglia e ha sicuramente sfruttato al meglio i suoi 41 anni”.

Centinaia di messaggi sono arrivati dopo la morte del signor Bounds, il cui funerale si è tenuto presso la chiesa Minster ad Axminster il 18 giugno di quest’anno. 

Centinaia di persone sono rimaste fuori dalla chiesa a causa delle restrizioni di Covid, molte delle quali rappresentavano la comunità calcistica: il signor Bounds era stato un appassionato tifoso di calcio e aveva giocato per Axminster Town e Uplyme. 

La sua bara era coperta da una maglia del Liverpool FC e una maglia dell’Inghilterra.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Uno studio rileva che la tecnologia 5G è un “fattore significativo” per tassi di mortalità e maggiore incidenza di casi Covid-19

Read Next

Neuropatia e pericardite dopo il vaccino Pfizer. La ventenne Valerie Milford ridotta su una sedia a rotelle

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock