• Agosto 16, 2022

Lo studio su pazienti completamente vaccinati con cancro che hanno avuto COVID-19 rivoluzionario mostra un tasso di mortalità del 13%

Il primo studio a valutare le caratteristiche cliniche e gli esiti dei pazienti completamente vaccinati con cancro che hanno avuto infezioni da COVID-19 rivoluzionarie indica che sono rimasti ad alto rischio di ospedalizzazione e morte.

Lo studio, pubblicato il 24 dicembre su Annals of Oncology, ha dimostrato che i pazienti completamente vaccinati che hanno sperimentato infezioni rivoluzionarie avevano un tasso di ospedalizzazione del 65%, un tasso di terapia intensiva o ventilazione meccanica del 19% e un tasso di mortalità del 13%. Lo studio è stato condotto dal COVID-19 and Cancer Consortium (CCC19), un gruppo di 129 centri di ricerca che ha monitorato l’impatto di COVID-19 sui pazienti con cancro dall’inizio della pandemia.

“I pazienti con cancro che sviluppano COVID-19 rivoluzionario anche dopo la vaccinazione completa possono ancora sperimentare esiti gravi, inclusa la morte”, ha affermato Toni Choueiri, MD, direttore del Lank Center for Genitourinary Care presso il Dana-Farber Cancer Institute e autore senior del rapporto. “Ecco perché un approccio multistrato che includa il mascheramento e il distanziamento sociale, insieme alla vaccinazione più il richiamo contro COVID-19, rimane un approccio essenziale per il prossimo futuro”.

I pazienti sono stati considerati completamente vaccinati dopo aver ricevuto due dosi del vaccino BioNTech, Pfizer o Moderna, vaccino NIAD o una dose del vaccino J & J, con l’ultima dose di vaccino abbastanza a lungo prima della svolta COVID-19, per considerarli completamente vaccinati. I dati sono stati raccolti tra il 1 ° novembre 2020 e il 31 maggio 2021, prima che i vaccini di richiamo fossero raccomandati per i pazienti con cancro dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

“Poiché le misure di immunità non vengono raccolte di routine nelle cure cliniche, non sappiamo se si trattasse di pazienti che hanno montato risposte immunitarie efficaci dopo la vaccinazione; molti dati emergenti hanno suggerito che i pazienti con cancro, in particolare i tumori del sangue, non montano adeguate risposte anticorpali protettive. È importante notare che molti degli stessi fattori che abbiamo identificato prima della disponibilità della vaccinazione – età, comorbidità, performance status e cancro in progressione – sembrano ancora guidare molti dei cattivi risultati “, ha dichiarato Jeremy Warner, MD, direttore del CCC19 Research Coordinating Center, professore associato presso il Vanderbilt-Ingram Cancer Center e autore senior dello studio.

Il consorzio ha identificato 1.787 pazienti con cancro e COVID-19 per lo studio, la stragrande maggioranza dei quali non vaccinati. Il numero di vaccinati completamente era 54 e il 46% di quelli completamente vaccinati aveva livelli ridotti di linfociti – le cellule T e le cellule B responsabili delle risposte immunologiche ai virus. La linfopenia si verifica comunemente in pazienti con cancro che ricevono anticorpi monoclonali anti-CD20 o trattamenti con cellule T CAR per neoplasie ematologiche, tra cui linfoma e leucemia. Lo studio sembra supportare le precedenti osservazioni secondo cui i pazienti con neoplasie ematologiche sono a maggior rischio di esiti gravi da COVID-19. Tuttavia, il numero di pazienti nello studio è troppo piccolo per trarre conclusioni definitive su specifici tipi di terapie antitumorali che potrebbero essere associate a infezioni rivoluzionarie, hanno osservato i ricercatori. Anche i pazienti in regime di trattamento con corticosteroidi sembravano essere più suscettibili al ricovero in ospedale.

“Risultati simili (alti tassi di mortalità tra gli individui completamente vaccinati) sono stati riportati in altre popolazioni di pazienti immunocompromessi, come i riceventi di trapianto di organi, prima dell’utilizzo di dosi aggiuntive di vaccino. Questi risultati arrivano in un momento di preoccupazioni che i mutanti di fuga immunitaria come il ceppo omicron possano emergere da pazienti cronicamente infetti con sistema immunitario indebolito. Pertanto, gli immunosoppressi e i loro stretti contatti dovrebbero essere gruppi target per interventi terapeutici e preventivi, tra cui la sensibilizzazione a livello di comunità e gli sforzi educativi “, ha affermato Dimitrios Farmakiotis, MD, un clinico di malattie infettive presso la Warren Alpert Medical School della Brown University e autore senior dello studio.

Per saperne di più: Study of fully vaccinated patients with cancer who had breakthrough COVID-19 shows 13 percent mortality rate: Data were collected before booster vaccine recommendation — ScienceDaily

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Donna somministra il vaccino COVID a un adolescente all’interno della sua casa senza permesso

Read Next

Il CDC nasconde il vero numero di casi di miocardite negli adolescenti vaccinati Covid-19