• Marzo 2, 2024

L’OMS conclude la 76a assemblea mentre infuria il dibattito sul “Trattato Pandemico”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Mentre l’OMS conclude la sua 76esima assemblea, il Trattato sulle pandemie continua a essere un argomento fortemente contestato, con i sostenitori che affermano che ci salverà da future pandemie e i critici che avvertono che metterà fine alla sovranità nazionale.

“Credo che riusciremo a trovare un accordo se tutti si renderanno conto che la nostra finestra prima della prossima pandemia, la prossima minaccia per la salute, probabilmente non è lontana”.

Queste sono state le parole del Segretario alla Salute e ai Servizi Umani degli Stati Uniti Xavier Becerra mentre parlava ai giornalisti a Ginevra, in Svizzera, la scorsa settimana, in occasione del 76° incontro dell’Assemblea Mondiale della Sanità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. La dichiarazione ricorda che i leader mondiali e i burocrati della sanità che hanno fallito a livello mondiale durante il panico della COVD19, continuano a promuovere teorie non scientifiche e politiche fallimentari.

Becerra era tra i capi di Stato e i rappresentanti riuniti a Ginevra dal 21 al 30 maggio per discutere una vasta gamma di questioni di salute pubblica. Sebbene il cosiddetto “trattato sulle pandemie” e il Regolamento sanitario internazionale (IHR) non fossero ufficialmente all’ordine del giorno dell’assemblea, l’argomento era evidentemente nei piani dei vari responsabili politici riuniti a Ginevra.

Il prossimo ciclo di negoziati sul trattato si svolgerà a metà giugno, con l’obiettivo di elaborare un accordo giuridicamente vincolante che dovrà essere adottato dai 194 Paesi membri dell’OMS entro maggio 2024.

L’AFP riporta che il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha invitato i Paesi membri dell’OMS a “negoziare un accordo forte“, definendolo un’ “opportunità generazionale” che deve essere colta.

“Siamo la generazione che ha vissuto la pandemia di Covid-19, quindi dobbiamo essere la generazione che impara le lezioni che ci ha insegnato e apporta i cambiamenti per mantenere le generazioni future più sicure”.

Nel frattempo, Luis Villarroel dell’ONG Innovarte ha dichiarato ai giornalisti che l’ultima bozza del trattato è “molto debole” e ha chiesto un meccanismo più forte per far rispettare il trattato. “Le misure volontarie non sono sufficienti“, ha dichiarato Villarroel.

Erosione della sovranità nazionale o solo un’altra cospirazione?

I critici dell’accordo indicano dichiarazioni come quella di Villarroel come un esempio degli sforzi per limitare o erodere la sovranità nazionale a favore della concessione all’OMS o alle Nazioni Unite del potere decisionale dei Paesi membri.

A marzo, il Direttore generale dell’OMS Ghebreyesus ha risposto alle affermazioni, definendole “semplicemente false” e “fake news”. “Nessun Paese cederà alcuna sovranità all’OMS”, aveva dichiarato.

Nonostante le rassicurazioni dell’OMS, continuano a diffondersi i timori che organizzazioni globaliste possano scavalcare la sovranità nazionale.

Il 17 maggio, la “Sovereignty Coalition”  ha tenuto una conferenza stampa per denunciare i pericoli che, secondo la loro visione, il trattato sulla pandemia rappresenta per i singoli Stati nazionali.

La coalizione è composta da membri repubblicani della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, tra cui Ralph Norman della Carolina del Sud e Lauren Boebert del Colorado. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche rappresentanti del Center for Security Policy, di Women’s Rights Without Frontiers, di ACT for America e dei Tea Party Patriots.

Non si tratta di salute pubblica. L’OMS ha detto chiaramente che censurerà chiunque non sia d’accordo con il loro programma di controllo di ogni aspetto della vita delle persone”, ha dichiarato il rappresentante Boebert alla conferenza . “Vogliono il controllo totale sulle vaccinazioni, sulla digitalizzazione delle cartelle cliniche e sui vostri viaggi”.

In una dichiarazione che annuncia la conferenza stampa, la Sovereignty Coalition definisce l’OMS “un’agenzia sovranazionale delle Nazioni Unite che è effettivamente controllata dal Partito Comunista Cinese (PCC)”.

Secondo la coalizione, l’influenza del PCC è evidente perché il dottor Tedros Ghebreyesus “promuove l’interesse del PCC a realizzare un’America post-costituzionale e una “governance globale” dominata dal Partito”.

La coalizione osserva che “Durante il panico COV19 l’OMS ha mentito sulla natura e sulle origini della pandemia, nonché sulle risposte efficaci. L’OMS ha anche appoggiato le chiusure, le mascherine, gli obblighi e i “meccanismi di applicazione digitale” promossi dal governo cinese.

La coalizione ha ribadito che il trattato sulle pandemie conferirà al Dr. Tedros e all’OMS “l’autorità di dettare unilateralmente ciò che costituisce un’emergenza sanitaria pandemica reale o potenziale” e di decidere come le nazioni debbano rispondere a una presunta pandemia. Il gruppo di legislatori conservatori ha anche chiesto al governo degli Stati Uniti di porre fine all’adesione all’OMS e di cessare i finanziamenti a quest’ultima.

I politici americani non sono gli unici a farsi sentire sempre di più sull’argomento di un trattato sulle pandemie guidato dall’OMS. Andrew Bridgen, membro del Parlamento britannico, ha avvertito che il trattato dell’OMS sulle pandemie e gli emendamenti al RSI rappresentano “un’enorme presa di potere” da parte di “burocrati non eletti e non responsabili”.

In un discorso tenuto durante un dibattito il 17 aprile, Bridgen ha sostenuto la richiesta di un voto pubblico sulle proposte dell’OMS. “Dovremmo fare un referendum, perché la sovranità appartiene al popolo. Non possiamo darla via”, ha dichiarato. Bridgen ha anche osservato che i dipendenti dell’OMS godono dell’immunità diplomatica e non possono essere perseguiti per potenziali reati.

Le dichiarazioni di Bridgen e il dibattito in parlamento sono arrivati in risposta alle oltre 156.000 firme della petizione che chiedeva al governo del Regno Unito di “impegnarsi a non firmare alcun trattato internazionale sulla prevenzione e la preparazione alle pandemie stabilito dall’OMS, a meno che non venga approvato attraverso un referendum pubblico“.

Francis Boyle, J.D., Ph.D., professore di diritto internazionale presso l’Università dell’Illinois ed esperto di ar-mi bio-logiche che ha redatto la legge anti-terrorismo sulle ar_mi bio_logiche del 1989, è un altro critico del trattato OMS sulle pandemie. Boyle ha dichiarato a Children’s Health Defense di vedere gli strumenti dell’OMS come “un tentativo di impadronirsi degli Stati Uniti d’America usando l’OMS come copertura per questo scopo”.

Boyle attribuisce la colpa di questo tentativo di colpo di stato ai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, a Bill Gates, al Partito Comunista Cinese, a Big Pharma e “all’industria della gue_rra biol_ogica”. “Attraverso la Fondazione Gates, Bill Gates è il primo finanziatore non statale dell’OMS, mentre gli Stati Uniti e la Cina sono le prime due fonti di finanziamento statale“.

Boyle ritiene inoltre che queste organizzazioni utilizzino l’OMS come “organizzazione di facciata per raggiungere i propri obiettivi“.

Il fatto che le preoccupazioni relative all’erosione della sovranità nazionale siano o meno ascoltate dal pubblico in generale sembra dipendere dal fatto che si ritenga che gli Stati nazionali debbano essere l’arbitro finale della politica nazionale. Se si è propensi a credere che le organizzazioni transnazionali siano più adatte ad affrontare le emergenze di salute pubblica, allora l’OMS può sembrare un candidato perfetto per questo ruolo.

Tuttavia, gli ultimi 3 anni in cui i governi internazionali hanno terrorizzato i propri cittadini sulla base di una pandemia che non è mai esistita dovrebbero porre un interrogativo a chiunque possieda ancora un pensiero critico: queste persone che fingono di lottare per il bene della società stanno agendo in buona fede?

Leggi l’articolo completo su the last american vagabond

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Amazon pagherà 5,8 milioni di dollari per aver spiato i clienti attraverso videocamere

Read Next

Esclusiva: il governo ha usato un’unità segreta e AI per mettere a tacere il dissenso durante il lockdown

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO