• Gennaio 27, 2023

L’OMS trova un potenziale collegamento tra i vaccini COVID-19 e problemi di udito (finalmente)

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


L’OMS sta ora studiando la perdita dell’udito e il ronzio nelle orecchie (acufeni) come potenziali effetti collaterali dei vaccini COVID-19.

 In una newsletter pubblicata sul suo sito Web, l’OMS ha affermato di essere stata informata di improvvisi problemi di udito, in particolare acufeni (ronzio delle orecchie), che potrebbero essere associati ai vaccini COVID-19.

 

Vaccini Covid-19 e perdita dell’udito e acufene

Una recente attività di rilevamento del segnale presso il Centro di monitoraggio di Uppsala (UMC) ha identificato la perdita dell’udito (compresi i casi improvvisi) e l’acufene a seguito della vaccinazione COVID-19 come segnale preliminare da valutare ulteriormente. Fino al 22 febbraio 2021′, c’erano 164 segnalazioni di casi individuali sulla sicurezza (ICSRS) che riportavano ‘perdite dell’udito’ (MedDRA High Level Term, HLT) e 367 ICSRS che riportavano ‘acufene’ (Preferred Term, PT) con ‘COVID 19 vaccino’ nel database globale dell’OMS di ICSRS, VigiBase. I casi provenivano da 10 paesi, la maggior parte non presentava comorbilità. Il tempo di insorgenza variava tra 0 e 19 giorni con una mediana di 1 giorno. Sulla base di casi ben documentati, non sono state identificate cause alternative per la maggior parte dei pazienti, sebbene alcuni possano aver avuto morbilità contribuenti (ad es. allergie, ipertensione, precedente perdita dell’udito, disturbi autoimmuni). I sintomi più comuni riportati sono stati l’acufene, seguito da mal di testa, vertigini e nausea, e molti pazienti hanno avuto una rapida guarigione, mentre alcuni avevano bisogno di un trattamento con steroidi. È stato suggerito un plausibile meccanismo d’azione che coinvolge il nervo vestibolococleare.

La ricerca rinnovata è stata condotta il 18 novembre 2021 (vedi appendice del 24 novembre 2021)

La consapevolezza di questo possibile collegamento può aiutare gli operatori sanitari e le persone vaccinate a monitorare i sintomi e cercare cure, a seconda dei casi. Poiché in letteratura sono ancora disponibili solo dati limitati che forniscono prove di questo collegamento, è necessario un ulteriore monitoraggio.

Il mese scorso, Gregory Poland, MD, direttore del Vaccine Research Group della Mayo Clinic, ha rivelato come ha sviluppato un acufene grave subito dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino COVID-19.

“Era come se qualcuno all’improvviso mi avesse fischiato nell’orecchio”, ha riferito la Poland a MedPage Today. “È stato inesorabile”.

 “Ciò che è straziante, come medico esperto, sono le e-mail che ricevo da persone che mi raccontano come questo disturbo abbia influenzato la loro vita così gravemente, tanto da confessarmi che hanno pensato di togliersi la vita”, ha rivelato Poland.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Le vaccinazioni non prevengono il Long Covid; probabilmente lo causano. STUDI

Read Next

Ancora sulla vitamina D: “Efficacia e sicurezza dell’integrazione di vitamina D per prevenire COVID-19 negli operatori sanitari in prima linea”. Nuovo STUDIO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock