• Febbraio 7, 2023

Mentre l’Europa molla la stretta in Italia nessuna abolizione del green pass ad aprile e possibile proroga obbligo over 50

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Come riportato da L’INDIPENDENTE , il Parlamento italiano ha appena bocciato l’abolizione del green pass dal primo aprile.

La Camera dei deputati ha respinto un ordine del giorno che impegnava il governo a rendere automatica l’abolizione della certificazione verde con la fine dello stato di emergenza. A votare contro la proposta, presentata da Fratelli d’Italia, tutti i partiti della maggioranza che appoggia il governo Draghi. Il voto segue la conversione in legge del decreto legge n. 221/2021, recante la proroga dello stato di emergenza nazionale al 31 marzo 2022. Contrario anche il voto degli (ex) alleati della Lega che hanno votato compattamente in ossequio alle politiche sanitarie del governo.

Ma non è tutto, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa auspica e non esclude una proroga dell’ obbligo vaccinale per gli over 50, “Non si può escludere una proroga” dell’obbligo vaccinale per gli over 50, “c’è ancora una platea di italiani che non si è vaccinata, noi contiamo che si restringa ancora”.

L’obbligo, ha spiegato, “è fino al 15 giugno, quindi con questo dobbiamo fare i conti e dobbiamo procedere nel rispetto di questa regola. Valutiamo quali saranno i dati delle prossime settimane e poi alla scadenza il governo farà le dovute valutazioni”.

Tutto ciò alla luce del solito cortocircuito italiano, le sanzioni infatti non sono mai partite.

Come riportato da la Repubblica infatti, il meccanismo delle sanzioni per gli over 50 che non si sono adeguati all’obbligo vaccinale scattato l’1 febbraio non è neanche partito e, vista la farraginosità prevista dalla legge, sembra scontato che le prime multe “una tantum” da 100 euro arriveranno quando l’obbligo sarà già finito, oltre il 15 giugno. E’ atteso ancora il parere del garante della privacy che deve valutare se è legittimo che gli elenchi di non vaccinati possano essere resi noti ad altri soggetti.

In compenso chi andrà al cinema potrà gustare i pop corn comodamente in sala, dal 10 marzo si tornerà a mangiare e a bere nelle sale dei cinema e dei teatri.

Imbarazzante.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

L’Ema ha deciso il “mix-and-match” (mischione) di vaccini sarà l’indicazione ufficiale

Read Next

Padre canadese di 34 anni muore davanti alle sue figlie dopo il vaccino COVID-19

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock