• Giugno 25, 2022

Padre canadese di 34 anni muore davanti alle sue figlie dopo il vaccino COVID-19

Il signor Brandon Watt e sua moglie, Chantelle, sono stati insieme per 12 anni, sposati per 10, secondo diversi post di Facebook.

La signora Watt, come probabilmente il 90% del mondo all’epoca, credeva che i lockdown avrebbero salvato la situazione, che le “due settimane per appiattire la curva” servissero.

Ma la “pandemia” ha iniziato a influenzare direttamente la sua vita un paio di mesi dopo. La signora Watt è una fotografa indipendente. Ha iniziato a diventare criticare le restrizioni del “distanziamento sociale” che hanno danneggiato i suoi profitti. La sua petizione change.org per i fotografi di zona ha raccolto quasi 15.000 firme.

La tragica morte di Brandon

Brandon Watt suo marito, è morto il 4 novembre all’età di 34 anni. Non è chiaro quando esattamente abbia ricevuto i vaccini o quali abbia ricevuto. Ma gli indizi di contesto indicano l’estate del 2021, come periodo probabile di somministrazione.

Quella notte era con le sue due bambine ed improvvisamente è crollato, proprio di fronte a loro, secondo un post di Facebook del 5 novembre di Chantelle. “Mi sono sdraiata qui a letto chiedendomi come avrei dovuto dire alle nostre bellissime figlie questa mattina che non potevano vedere papà e che papà non sta sarebbe tornato a casa”, ha scritto.

La signora Watt ha pubblicato anche su Instagram quel giorno.

Il suo post mea culpa su Facebook del 12 febbraio è ammirevole e lodevole. Ha ribadito ancora una volta lo shock e il trauma che le bambine continuano a sopportare, dopo aver visto il loro papà morire proprio di fronte a loro. L’autopsia ha rilevato che il signor Watt è morto di “miocardite linfoistiocitica”. È una patologia così rara che l’unica letteratura medica disponibile, consiste in casi di studio individuali, con la maggior parte di essi dal 2021.

Uno di questi casi riguarda una donna uruguaiana di 62 anni che è deceduta cinque giorni dopo l’iniezione di vaccino Johnson & Johnson. Lo studio ha rilevato “una potenziale relazione tra il vaccino a vettore virale COVID-19 e la miocardite linfoistiocitica della paziente con conseguente grave cardiomiopatia biventricolare e morte. La sua autopsia ha mostrato che i suoi polmoni erano pieni di liquido, il suo cuore aveva “liquido color paglia” e c’erano “numerosi siti di microangiopatia trombotica” (coaguli di sangue microscopici).

La signora Watt ha descritto l’autopsia di Brandon come segue:

“Il suo cuore era ampiamente danneggiato. C’era così tanto tessuto cicatriziale, che letteralmente non poteva fare un altro battito. Non ho avuto alcuna possibilità di rianimarlo. Il rapporto ufficiale afferma che tutto il suo cuore è stato danneggiato – non un ventricolo o un’area – dall’alto verso il basso danneggiato. Completamente attaccato, per più mesi. Questa patologia può essere causata da un virus, ma Brandon non aveva il Covid. Ciò che lo ha ucciso è stato probabilmente il vaccino a mRNA”.

Continua, riconoscendo la verità e cercando di venire a patti con essa.

“Fino al 5 novembre ero una pecora. Lo ammetto pienamente. Brandon e io credevamo fortemente nel vaccino e condannavamo i manifestanti, i teorici della cospirazione e tutti i post “anti-vaxx” sui social media. Dal 5 novembre in poi, i miei occhi si sono aperti.

Lo devo a Brandon. Per far sapere ciò che credo lo abbia ucciso. Cosa lo ha ucciso. Cosa ha lasciato le sue figlie senza il loro papà”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Mentre l’Europa molla la stretta in Italia nessuna abolizione del green pass ad aprile e possibile proroga obbligo over 50

Read Next

TAR LAZIO. Continuano i provvedimenti a favore dei sospesi ma due sezioni continuano a rigettare le istanze