• Aprile 18, 2024

Miocarditi: già il 47% del 2021 nei soli primi 2 mesi del 2022

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Uno degli aspetti più criminali del regime COVID è stata la decisione di fare pressione sugli adolescenti a basso rischio per ottenere un vaccino che si sapeva potesse causare infiammazione cardiaca. La miocardite era una malattia rara discussa principalmente nella letteratura accademica, ma ora è ovunque. Che cosa abbiamo fatto a una generazione di giovani cuori e che cosa si sta facendo per rilevare, diagnosticare e trattare il problema?

Abbiamo più di un anno di segnalazioni di problemi di sicurezza su questo vaccino per miocardite, eppure i vaccini non sono ancora stati ritirati, nemmeno per i maschi più giovani. Eppure le segnalazioni di miocardite e pericardite sono così prevalenti ora che solo nelle prime otto settimane del 2022, siamo già al 47% delle richieste totali di VAERS per il 2021. Ci sono state 24.177 segnalazioni di pericardite / miocardite presentate a VAERS nel 2021. Nel 2022, solo fino al 25 febbraio, ci sono stati 11.289 rapporti, che è quasi la metà del totale dello scorso anno. Ecco la presentazione grafica di Open VAERS:

La segnalazione al VAERS è molto inquietante perché la linea di tendenza della vaccinazione, soprattutto per i più giovani più inclini a questa infiammazione cardiaca, si è ridotta a un rivolo nelle ultime settimane. Allora perché ci sono così tante altre segnalazioni quest’anno? Ci sono probabilmente due possibili spiegazioni. O più persone e medici sono venuti a conoscenza di VAERS e segnalano le miocarditi, o c’è una bomba a orologeria costituita da molte persone che ora si rendono conto di avere problemi cardiaci, mesi dopo. In entrambi i casi, questo significa che le stime iniziali della prevalenza dei casi erano solo la punta dell’iceberg, e probabilmente vedremo giovani cuori danneggiati per gli anni a venire.

Ciò che è così scioccante è che diverse settimane fa, il CDC ha riconosciuto il problema e ha tentato di anticiparlo suggerendo che “un intervallo di 8 settimane può essere ottimale per alcune persone di età pari o superiore a 12 anni, specialmente per i maschi di età compresa tra 12 e 39 anni”. Ma se avessero invece riconosciuto anche solo una frazione di problemi cardiaci da questo vaccino, sarebbe stato completamente ritirato dal mercato! Invece lo stanno ancora raccomandando, nonostante il fatto che il virus rappresenti un basso rischio per questa fascia di età, nonostante il fatto che il vaccino non fermi la trasmissione e che sia ormai obsoleto per l’attuale ceppo del virus!

Se le segnalazioni di miocardite e pericardite continuano a questo ritmo, vedremo oltre 73.000 casi quest’anno. E anche se più persone sono venute a conoscenza di VAERS, è ancora tristemente sottostimato.

Non è accettabile (e non lo è mai stato) che i media e i “fact checker” pagati dal settore farmaceutico respingano automaticamente i VAERS. È il nostro principale strumento di farmaco-sorveglianza ed è stato messo in atto proprio per assolvere a questo compito . Inoltre, i dati confermano ciò che abbiamo letto in tutti gli studi sul vaccino e miocardite : che gli adolescenti e i giovani uomini sono più a rischio di altri gruppi di età e che ci sono maggiori probabilità di sviluppare questa condizione dopo la seconda dose. Ecco la ripartizione per età del rapporto VAERS:

I ricercatori del CDC hanno pubblicato uno studio su JAMA in cui hanno confermato clinicamente la maggior parte delle presentazioni di miocardite su VAERS. Come tale, hanno concluso, “Dato l’alto tasso di verifica delle segnalazioni di miocardite a VAERS dopo la vaccinazione COVID-19 basata su mRNA, la sottosegnalazione è più probabile. Pertanto, i tassi effettivi di miocardite per milione di dosi di vaccino sono probabilmente superiori alle stime”.

Inoltre, ora abbiamo documenti rilasciati tramite FOIA che dimostrano che Pfizer ammette che VAERS è uno strumento di segnalazione del segnale di sicurezza robusto e legittimo. In un documento di marzo 2020 intitolato “WAIVER REQUEST FOR FDA-DESIGNATED SUFFIX FOR BIOLOGICS”, Pfizer risponde a una considerazione della FDA secondo cui i vaccini potevano aver bisogno di un nuovo sistema di monitoraggio degli eventi avversi sostenendo che “Pfizer ritiene che un suffisso aggiuntivo per il vaccino mRNA COVID-19 (nucleoside modificato) sarebbe oneroso e ridondante in quanto il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (HHS) ha metodi esistenti per garantire una dispensazione sicura e una farmacovigilanza ottimale dei vaccini”. Si riferivano ai metodi esistenti come “robusti” e elencavano VAERS come uno degli strumenti.

Quindi se VAERS era un sistema abbastanza buono da supportare l’autorizzazione di Pfizer, allora deve essere ritenuto un sistema valido adesso. Ora sappiamo anche che Pfizer era a conoscenza di oltre 1.200 decessi, eventi avversi nel 23% del gruppo di studio, centinaia di categorie di eventi avversi gravi, sapeva che il vaccino non rimane nel sito di iniezione ed era consapevole del fatto che il 16% delle nanoparticelle lipidiche si depositano nel fegato. Pfizer ha inoltre mentito affermando che i vaccini forniscano “Immunizzazione attiva per prevenire COVID-19 causato da SARS-CoV-2”, come se fosse un vaccino completamente sterilizzante. Hanno poi ammesso, all’inizio del documento appena rilasciato (p. 24) che l’infiammazione aumenta con la seconda e la terza dose.

In altre parole, tutto ciò conferma che non esiste una rete di sicurezza per il pubblico, e il cielo è il limite in termini di portata e gravità degli eventi avversi che vedremo nei prossimi mesi.

Per questo anno accademico, il sistema scolastico pubblico della contea di Orange, in California, ha emesso un nuovo avvertimento per il suo dipartimento di atletica, hanno deciso di imporre uno screening con elettrocardiogramma (ECG) per tutti gli studenti delle scuole superiori iscritti a programmi atletici. Il motivo? “Gli screening ECG aiutano a identificare gli atleti che sono a rischio di arresto cardiaco improvviso, che è la principale causa di morte nell’atletica”. Perché iniziare nel 2021-2022? Cosa è cambiato? E perché non si parla di eventuali correlazioni con le vaccinazioni? Bene, alcune di queste stesse scuole della California stanno ancora richiedendo la prova di vaccinazione!

Sfortunatamente, gli elettrocardiogrammi sono un esame insufficiente per rilevare precocemente la miocardite. Le risonanze magnetiche cardiache sarebbero utili per questo scopo, ma le compagnie di assicurazione non vogliono pagarle.

Nel 1999, il vaccino RotaShield per il rotavirus fu ritirato dal mercato dopo che solo 10.000 bambini lo ricevettero, a causa di un sospetto potenziale rischio di 1/2.500 di intussuscezione, una rara malattia che causa il blocco dell’intestino. All’epoca, il CDC incoraggiò fortemente l’uso di VAERS per sorvegliare l’entità del problema. Ora, con centinaia di disturbi potenzialmente letali, non bloccheranno la distribuzione del vaccino civid nemmeno per la popolazione a più basso rischio di COVID e più alto rischio di miocardite – anche dopo che la pandemia sarà dichiarata finita e persino per un vaccino che non funziona più.

Quanto è prevalente la miocardite? In un pronto soccorso dell’Università di Tel Aviv Medical Center, ci sono stati otto casi di miocardite in una piccola fascia di età dopo aver ricevuto i vaccini , secondo uno studio pubblicato su Circular. Questo a febbraio e marzo 2021, prima che i praticanti fossero in allerta per questo segnale di sicurezza. In un altro studio pubblicato sul Journal of the Pediatric Infectious Diseases Society, otto adolescenti si sono presentati nel corso di 36 giorni al Nicklaus Children’s Hospital di Miami con perimiocardite. Queste erano solo le persone che si sono presentate entro 4 giorni dalla ricezione di una dose del vaccino Pfizer, poco dopo che è stato approvato per questa fascia di età.

Ironia della sorte, più a lungo continuiamo a promuovere e imporre i vaccini, invece di ritirarli dal mercato – nonostante i problemi di sicurezza – più si acclimata il pubblico alla nuova normalità del “sacrificio” e inizia a tollerare un grado ancora maggiore di rischio al fine di “fare la cosa giusta”. Il che alza ulteriormente l’asticella. Siamo come rane in acqua bollente.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Dati VAERS “inaffidabili”, dicono i fact-checker – E questo è un GROSSO problema per CDC e FDA

Read Next

Si accascia al suolo durante una partita a basket. Muore 17 enne a Roma

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock