• Gennaio 27, 2023

 Neurologo vascolare sul caso Hailey Bieber: “coaguli di sangue si verificano in fasce d’età sempre più giovani”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Hailey Baldwin Bieber si sta riprendendo dopo aver sviluppato un coagulo di sangue nel cervello, un problema di salute che si sta verificando in “persone sempre più giovani” afferma il neurologo vascolare Shazam Hussain.

Bieber, 25 anni, ha condiviso giorni fa la sua storia nella quale raccontava che stava facendo colazione con il marito Justin Bieber giovedì mattina quando “ha iniziato ad avere sintomi simili all’ictus ed è stata portata in ospedale”.

Lì, i medici hanno scoperto che aveva “un coagulo di sangue molto piccolo” al cervello, che ha portato a una “piccola mancanza di ossigeno”. Il corpo di Hailey a quanto pare è riuscito è stato in grado di superare questo problema da solo, senza interventi chirurgici ha spiegato, e lei “si è ripresa completamente in poche ore”.

Coaguli di sangue come quello di Hailey Bieber possono formarsi “per diversi motivi”, sia ambientali che genetici, afferma il dottor Shazam Hussain, direttore del Centro cerebrovascolare della Cleveland Clinic.

“È importante conoscere la vostra situazione di salute e tutti i potenziali fattori di rischio che potreste presentare per gli ictus, come l’ipertensione, il colesterolo alto, la difficoltà con gli zuccheri … Quando ci sono persone più giovani che subiscono un ictus, i medici vanno alla ricerca dei fattori che possano aver spinto il loro sangue a coagulare – potrebbe essere ereditario e un problema familiare “.

I coaguli di sangue che si spostano verso il cervello, in genere provengono da un vaso sanguigno bloccato in un punto del corpo come il collo, o direttamente dal cuore, dice il dottor Hussain.

E una volta nel cervello, “l’organo più sensibile alla mancanza di flusso sanguigno”, la mancanza di ossigeno causerà l’arresto della funzione cerebrale e causerà sintomi simili all’ictus.

“Un ictus è una situazione in cui ogni secondo conta”, dice Hussain. “Il cervello è molto, molto sensibile alla mancanza di flusso sanguigno e si perdono circa 2 milioni di cellule cerebrali al minuto. Quindi è davvero importante ricevere subito assistenza medica”.

Nel caso di Bieber, lei è stata in grado di superare il coagulo di sangue da sola, il che è spesso possibile con piccoli coaguli. “Se si tratta di un piccolo coagulo, può semplicemente dissiparsi e andare via da solo non lasciando problemi duraturi”, dice Hussain.

I medici in genere somministrano un farmaco anticoagulante per sciogliere il coagulo se è entro le prime 4,5 ore dopo un ictus, o per coaguli più grandi eseguiranno una trombectomia per entrare e rimuovere il coagulo attraverso i vasi sanguigni.

Con situazioni come quella di Bieber, gli incidenti sono in genere chiamati mini-ictus o attacchi ischemici transitori (TIA): “Ciò significa che c’era un coagulo di sangue, si è dissolto completamente e la persona è completamente tornata alla normalità al cento per cento”, dice Hussain. Se una risonanza magnetica mostra una lesione al cervello, tuttavia, “allora diventa un ictus completo”.

Situazioni come quella di Bieber sono qualcosa a cui tutti dovrebbero prestare attenzione, giovani e meno giovani, dice Hussain.

Pensiamo all’ictus come a qualcosa che accade in età avanzata, ma lo stiamo vedendo nelle persone sempre più giovani“, dice. “Si riferisce, in generale, a persone che hanno stili di vita malsani, forse non mangiano bene o non fanno esercizio fisico regolare, insieme ad altri fattori come la genetica. Quindi è importante che le persone non lo pensino solo come qualcosa che accade alle persone anziane. Se sei giovane e hai questi sintomi, devi andare in ospedale”.

Hussain osserva inoltre che mentre la malattia COVID-19 ha dimostrato di causare coaguli di sangue, “fortunatamente la maggior parte delle persone non si imbatte in questo problema”. Tuttavia, è di nuovo importante conoscere i sintomi degli ictus e ottenere immediatamente assistenza medica se succede qualcosa del genere.

Per chiunque sia preoccupato per il rischio di ictus o coaguli di sangue, è fondamentale sottoporsi a controlli regolari con un medico, assicurarsi di non avere la pressione alta, attenersi a una dieta sana, fare esercizio fisico e tenere sotto controllo il colesterolo, dice Hussain. Raccomanda anche di guardare il sito strokeawareness.com – e smettere di fumare, se qualcuno lo è ancora. “Il fumo è l’altro importante fattore di rischio: non c’è una buona ragione per fumare, quindi vuoi smettere”.


Naturalmente nemmeno un accenno al rischio legato ai vaccini covid, nonostante il continuo verificarsi di queste gravi condizioni di salute in individui sempre più giovani e vaccinati, esattamente come Hailey Bieber.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Crosetto (3 vaccini e 3 volte il Covid) non è il solo. Il vicesindaco bresciano Christian Bertozzi: «Io, contagiato per tre volte in meno di un anno». VAIDS?

Read Next

Improvvisi problemi respiratori per Rafael Nadal: “E’ come avere un ago nel petto”. Due mesi fa aveva detto: “dobbiamo vaccinarci perchè bisogna credere agli esperti che ci dicono di vaccinarci”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock