• Giugno 25, 2024

Il “sangue V.” è sicuro? No. Lo dimostra un nuovo STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Di Igor Chudov

Un Nuovo studio è stato appena pubblicato da Castruita et al. e non ha niente di rassicurante.

Lo studio era destinato all’approfondimento di alcuni problemi legati all’epatite,ma gli scienziati hanno trovato ben altro. Così hanno deciso di analizzare i campioni di sangue dei loro pazienti V. per C-19 con vaccini a m-R_NA per verificarne la presenza.

Il loro approccio è stato completo:

  • Hanno esaminato persone V. e non V.per avere un gruppo di controllo.
  • Hanno distinto tra m-RN_A del V. e R_NA virale della Sars-Cov-2.
  • Sono stati attenti a evitare che i contaminanti apparissero come letture positive per l’m-RN_A del V..
  • Hanno distinto, nelle loro analisi, tra i codici genetici degli m-RN_A di M.derna e Pf.zer. Questi due V. codificano le stesse proteine spike, ma contengono nucleotidi diversi (questa è chiamata ottimizzazione dei codoni).

Ecco cosa hanno trovato:

Abbiamo sorprendentemente trovato frammenti di m-RN_A del V.C19 fino a 28 giorni dopo la V. nel sangue di pazienti affetti da HCV cronico V. con prodotti a m-RN_A di Pf.zer-Bi.NTech e M.derna

…”Dei 108 campioni di pazienti, 10 campioni (9,3%) presentavano sequenze parziali o complete della sequenza di m-RN_A del V.(Fig. 1), identificate da uno a 28 giorni dopo la V. L’identità tra le sequenze nucleotidiche di m-RN_A rilevate nel plasma e l’m-RN_A specifico del V. somministrato era del 100%. I 10 campioni avevano una mediana di 5,5 milioni di coppie di letture grezze disponibili (vedi Tabella S1). L’ampiezza e la profondità della copertura delle sequenze di m-RN_A del V. variavano dalla completezza e >20 000, rispettivamente, a brevi frammenti con una profondità di copertura di 100 (Fig. 1). Nessuno dei controlli negativi o HCV-positivi presentava letture corrispondenti a SARS-CoV-2“.

Hanno identificato campioni di sangue contenenti m-RN_A del V. fino a 28 giorni dopo la somministrazione delle dosi.

Non si sa come i 108 campioni siano stati distanziati temporalmente. Pertanto, non sappiamo con certezza se un numero molto inferiore di pazienti presenti m-RN_A nel sangue al 28° giorno rispetto, ad esempio, al 14° giorno. Diversi campioni (confrontare il campione del giorno 14 di un paziente con il campione Pf.zer del giorno 15 di un altro paziente) contengono quantità di m-RN_A estremamente incoerenti. Probabilmente se venissero analizzati più campioni, gli autori troverebbero quantità di m-RN_A molto diverse, anche per gli stessi giorni di campionamento post-V., in persone diverse.

Il sangue dei soggetti V. è privo del V. COVID?

La domanda è retorica e lo studio di cui sopra ha dimostrato che la risposta è NO.

L’m-RN_A del V. Covid è presente nel sangue di alcuni soggetti V. per almeno 28 giorni (questo è il massimo che gli autori dello studio hanno verificato).

Questo sangue è sicuro?

Non è una domanda a cui si può rispondere basandosi solo sullo studio sopra citato. Tuttavia, c’è stata una triste storia di un bambino che ha sviluppato un coagulo di sangue ed è morto dopo aver ricevuto una trasfusione di sangue V.

Secondo i risultati dello studio, il 9,3% dei campioni di sangue da soggetti V. potrebbe essere contaminato dall’m-RN_A del V. Covid.

È possibile che il “piccolo Alex” sia stato uno degli sfortunati destinatari di sangue con una grande quantità di m-RN_A del V. Covid.

Buone notizie per i soggetti V.

Sappiamo che il “V. non rimane nel sito di iniezione” e questo studio lo dimostra, ma lo studio mostra anche che in 98 campioni su 108 NON è stato rilevato m-RN_A vacci.nale. Ciò significa che, anche se dovremmo essere arrabbiati per essere stati ingannati, la maggior parte delle persone che hanno ricevuto il V. Covid non presenta il sangue contaminato dal V. Solo una minoranza (consistente) lo ha.

Le preoccupazioni degli individui costretti ad accettare trasfusioni di sangue V. con Covid non sono infondate, come sappiamo. Lo studio mostra che il 9,3% dei campioni di sangue contiene nanoparticelle di m-RN_A provenienti dai V. Covid. Tuttavia, con il passare del tempo dopo l’ultima dose, è probabile che la contaminazione diminuisca in quantità e frequenza.

Il problema è che è impossibile sapere che tipo di sangue stiamo ricevendo!

Rifiutare una trasfusione di sangue necessaria è molto rischioso. Dopotutto, le trasfusioni vengono effettuate quando il ricevente rischia di morire. Tutto ciò spiega la forte domanda di sangue non V.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

IMPORTANTE SENTENZA della Corte Costituzionale n.25 depositata oggi 20 febbraio sull’obbligo v. Il modulo del consenso informato non può essere richiesto! IL TESTO INTEGRALE

Read Next

Ennesimo enorme SCANDALO: le segnalazioni di danni da V. vengono ancora nascoste e cancellate dal database V.AERS

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock