• Agosto 16, 2022

NUOVO STUDIO- Quasi la metà delle persone ricoverate con COVID-19 ha casi lievi o asintomatici

ente il motivo per cui alcune centinaia di pazienti sono stati ricoverati in un paio di ospedali, hanno analizzato i registri elettronici per quasi 50.000 ricoveri ospedalieri COVID negli oltre 100 ospedali VA in tutto il paese. Quindi hanno verificato se ogni paziente necessitava di ossigeno supplementare o aveva un livello di ossigeno nel sangue inferiore al 94%. (Quest’ultimo criterio si basa sulla definizione di “COVID grave” del National Institutes of Health .) Se una di queste condizioni era stata soddisfatta, gli autori hanno classificato quel paziente come affetto da una malattia da moderata a grave; in caso contrario, il caso è stato considerato lieve o asintomatico.

Lo studio ha rilevato che da marzo 2020 fino all’inizio di gennaio 2021, prima che la vaccinazione fosse diffusa e prima che arrivasse la variante Delta, la percentuale di pazienti con malattia lieve o asintomatica era del 36%. Da metà gennaio fino alla fine di giugno 2021, tuttavia, quel numero è salito al 48 percento. In altre parole, lo studio suggerisce che circa la metà di tutti i pazienti ricoverati che si sono presentati sui report dei dati COVID nel 2021 potrebbe essere stata ricoverata per un altro motivo o presentava solo una lieve forma della malattia.

Questo aumento è stato ancora maggiore per i pazienti ospedalieri vaccinati, di cui il 57% aveva una malattia lieve o asintomatica.

Ma i pazienti non vaccinati si sono presentati anche con sintomi meno gravi, in media, rispetto all’inizio della pandemia: lo studio ha rilevato che il 45% dei loro casi era lieve o asintomatico dal 21 gennaio.

Secondo Shira Doron, un medico di malattie infettive e epidemiologo ospedaliero presso il Tufts Medical Center, a Boston, e uno dei coautori dello studio, quest’ultima scoperta può essere spiegata dal fatto che i pazienti non vaccinati nell’era del vaccino tendono ad essere una coorte più giovane che è meno vulnerabile al COVID e possono avere più probabilità di essere già stati infettati in passato.

Tra i limiti dello studio c’è che i pazienti nel sistema VA non sono rappresentativi della popolazione statunitense nel suo insieme, poiché includono poche donne e nessun bambino. (Tuttavia, le nuove scoperte riecheggiano quelle dei due studi sui ricoveri pediatrici.) Inoltre, come molti centri medici, il VA ha una politica per testare ogni degente per COVID, ma questa non è una pratica universale.

Infine, la maggior parte dei dati, anche dei pazienti ricoverati nel 2021, derivano dalla fase della pandemia prima che Delta si diffondesse, ed è possibile che i rapporti siano cambiati negli ultimi mesi. Tuttavia, lo studio è durato fino al 30 giugno, quando l’onda delta stava per infrangersi, e non ha rilevato che la percentuale di pazienti con distress respiratorio da moderato a grave fosse in aumento alla fine del periodo di osservazione.

Daniel Griffin, uno specialista in malattie infettive della Columbia University, sostiene che l’uso di altri parametri per la gravità della malattia, come i ricoveri in terapia intensiva, presenta diversi limiti.

Per prima cosa, ospedali diversi utilizzano criteri diversi per l’ammissione dei pazienti in terapia intensiva.

Una delle importanti implicazioni dello studio, affermano questi esperti, è che l’introduzione di vaccini è fortemente correlata a una quota maggiore di pazienti ospedalieri COVID con malattia lieve o asintomatica. “È ancora vago quanto possa influire il vaccino , quanto possa ridurre l’ ospedalizzazione”, ha riferito Snyder. “Questa è la gemma in questo studio.”

“La gente mi chiede: ‘Perché mi vaccinano se finisco comunque in ospedale?'”, riporta Griffin.

“Ma io rispondo, ‘Finirai per lasciare l’ospedale.'” Ha spiegato che alcuni pazienti COVID sono destinati a ricoveri “veloci”, dove hanno bisogno solo di cure minime e se ne vanno in tempi relativamente brevi; altri possono aver necessità del farmaco antivirale remdesivir per cinque giorni, o di intubazione.

Uno dei valori di questo studio, ha affermato, è che aiuta il pubblico a comprendere questa distinzione e il fatto che non tutti i ricoveri COVID sono uguali.

Ma lo studio dimostra anche che i tassi di ospedalizzazione per COVID, citati da giornalisti e decisori politici, possono essere fuorvianti, se non considerati con attenzione.

Chiaramente molti pazienti in questo momento sono gravemente malati. Sappiamo anche che il sovraffollamento degli ospedali da parte di pazienti COVID con malattie anche lievi può avere implicazioni negative per i pazienti che necessitano di altre cure. Allo stesso tempo, questo studio suggerisce che i conteggi dei ricoveri per COVID non possono essere presi come una semplice misura della prevalenza di malattie gravi o anche moderate, perché potrebbero gonfiare i numeri reali di un fattore due.

Quei pazienti che sono lì con piuttosto che per COVID non appartengono al conteggio”.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Muore in Liguria sessantacinquenne. Aveva contratto la sindrome di Guillain-Barrè dopo AstraZeneca

Read Next

L’ospedale di New York chiude il reparto maternità

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.