• Maggio 19, 2022

Record di decessi tra i Paesi più vaccinati in Europa. Crolla anche l’ultimo dogma sui vaccini che limitano i decessi

La “favola” dei “migliori” non esiste, oggi più che mai.

“Il Fatto Quotidiano”, oggi lunedì 20 dicembre, intitola “Vaccini, i migliori flop di un anno: l’Italia solo quinta in classifica Ue”.

Il piano vaccinazioni, ancora adesso pubblicato sul sito della presidenza del Consiglio, prevedeva di raggiungere il traguardo dell’immunizzazione di “almeno l’80%” del totale della popolazione entro il mese di settembre.

Invece oggi siamo al 77,75% (un dato che solo se restringiamo la platea agli over 12 sale all’85,31%), percentuale che indica quanti hanno almeno completato il ciclo vaccinale primario. Significa che siamo dopo la Spagna, che l’80% lo ha superato, e dopo il Portogallo, che sfiora l’89%: numeri aggiornati al 16 dicembre.

Invece, al 30 settembre, data in cui avremmo dovuto raggiungere l’immunità di gregge, l’Italia nell’Unione Europea era al quarto posto con il 68,01%, dopo Belgio (72,63%), Irlanda (74,2%), e Spagna (78,44%).

Nelle ultime settimane, sempre con riferimento al ciclo primario, l’Italia è al quinto posto (73,04%), ancora una volta dopo Belgio, Irlanda, Spagna e Portogallo (da tempo quello che corre di più in Ue).

E crolla anche l’ultimo dogma legato ai vaccini che dovrebbero limitare i decessi.

Il Belgio, con un tasso di vaccinazione più alto di quello italiano, ha registrato sabato 18 dicembre il record di 132 decessi con una popolazione pari al 19,41% di quella italiana.

La popolazione belga è infatti pari a 11,56 milioni mentre quella italiana è di 59,55 milioni di persone.

132 decessi giornalieri in Belgio, con un tasso di vaccinazione più elevato di quello italiano, corrispondono ad una stima di 680 decessi giornalieri in proporzione alla popolazione italiana.

Una situazione drammatica che evidenzia il crollo del dogma, tanto propagandando, dei vaccini che limitano i decessi.

D’altronde, già nei giorni scorsi c’erano stati segnali in questo senso.

In Germania, per esempio, con un tasso di vaccinazione primaria di poco inferiore a quello italiano, ma con un tasso di vaccinazione booster superiore a quello italiano di oltre 5 punti percentuali, nell’ultima settimana sono stati registrati oltre 400 decessi giornalieri con la drammatica cifra di 522 decessi segnalati solamente nella giornata di mercoledì 15 dicembre.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il governo del Regno Unito mente! 23,5 milioni di persone in Inghilterra NON hanno ancora ricevuto una singola dose di vaccino Covid-19

Read Next

Perché così tante persone hanno perso la vista dopo il vaccino Covid-19?