• Aprile 18, 2024

Rischio di miopericardite a seguito della vaccinazione a mRNA COVID-19 in un grande sistema sanitario integrato: un confronto tra completezza e tempestività di due metodi

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Questo articolo è un preprint e non è stato sottoposto a peer-review

In una nuova prestampa, i ricercatori della Kaiser Permanente Northwest in Oregon mostrano come i tassi di miocardite post-vaccino possono essere sottostimati semplicemente utilizzando i codici diagnostici ICD10 attualmente utilizzati da VSD (la rete di sorveglianza ufficiale).

Per i maschi dopo la 2a dose il tasso è risultato pari a 537,1 per milione o 1 su 1.862.

Scopo: In che modo le diagnosi di dimissione ospedaliera identificano completamente i casi di mio-pericardite dopo un vaccino a mRNA? Metodi: Abbiamo riunito una coorte di pazienti di età compresa tra 12 e 39 anni, assicurati da Kaiser Permanente Northwest, che hanno ricevuto almeno una dose di un vaccino a mRNA (Pfizer BioNTech o Moderna) tra dicembre 2020 e ottobre 2021. Li abbiamo seguiti fino a 30 giorni dopo la loro seconda dose di un vaccino a mRNA per identificare gli eventi di miocardite, pericardite o miopericardite. Abbiamo confrontato due metodi di identificazione: un metodo che ha cercato tutte le diagnosi utilizzando una breve descrizione testuale (ad esempio, il codice ICD-10-CM I40.9 è definito come miocardite acuta, non specificata). Abbiamo cercato la descrizione testuale di tutte le diagnosi di visita ospedaliera o ambulatoriale (in qualsiasi posizione) per miocardite o pericardite.

L’altro metodo è stato sviluppato dai Centers for Disease Control and Preventions Vaccine Safety Datalink (VSD), che hanno cercato visite al pronto soccorso o ricoveri con un set selezionato di codici diagnostici ICD-10-CM di dimissione. Per entrambi i metodi, due medici hanno esaminato in modo indipendente le cartelle cliniche dei pazienti identificati e le hanno classificate come casi confermati, probabili o meno utilizzando la definizione di caso CDC.

Risultati: La metodologia di incontro ha identificato 14 pazienti distinti che hanno soddisfatto la definizione di caso CDC confermata o probabile per miocardite acuta o pericardite con esordio entro 21 giorni dal ricevimento della vaccinazione COVID-19. Tre di questi 14 pazienti avevano un codice ICD-10 di miocardite I51.4, non specificato che è stato trascurato dall’algoritmo VSD. La metodologia VSD ha identificato 11 pazienti che hanno soddisfatto la definizione di caso CDC per miocardite acuta o pericardite. Sette (64%) degli undici pazienti hanno avuto cure iniziali per la mio-pericardite al di fuori di una struttura KPNW e la loro diagnosi non ha potuto essere accertata con la metodologia VSD fino a quando non sono state presentate richieste (ritardo mediano di 33 giorni; intervallo di 12-195 giorni). Tra coloro che hanno ricevuto una seconda dose di vaccino (n = 146.785), abbiamo stimato un rischio di 95,4 casi di mio-pericardite per milione di dosi di secondo somministrate (IC 95%, da 52,1 a 160,0).

Conclusione: abbiamo identificato ulteriori casi validi di mio-pericardite a seguito di una vaccinazione a mRNA che sarebbero mancati dall’algoritmo di ricerca VSDs, che dipende da codici diagnostici di dimissione ospedaliera selezionati. La vera incidenza di mio-pericardite è marcatamente superiore all’incidenza riportata ai comitati consultivi statunitensi. Il VSD dovrebbe convalidare il suo algoritmo di ricerca per migliorare la sua sensibilità per la mio-pericardite.

LINK ALLO STUDIO: Risk of Myopericarditis following COVID-19 mRNA vaccination in a Large Integrated Health System: A Comparison of Completeness and Timeliness of Two Methods | medRxiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Riflessioni su un altro anno di bugie covidiane e su come la verità alla fine prevarrà

Read Next

Donna somministra il vaccino COVID a un adolescente all’interno della sua casa senza permesso

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO