• Dicembre 2, 2022

Rischio di miopericardite a seguito della vaccinazione a mRNA COVID-19 in un grande sistema sanitario integrato: un confronto tra completezza e tempestività di due metodi

Questo articolo è un preprint e non è stato sottoposto a peer-review

In una nuova prestampa, i ricercatori della Kaiser Permanente Northwest in Oregon mostrano come i tassi di miocardite post-vaccino possono essere sottostimati semplicemente utilizzando i codici diagnostici ICD10 attualmente utilizzati da VSD (la rete di sorveglianza ufficiale).

Per i maschi dopo la 2a dose il tasso è risultato pari a 537,1 per milione o 1 su 1.862.

Scopo: In che modo le diagnosi di dimissione ospedaliera identificano completamente i casi di mio-pericardite dopo un vaccino a mRNA? Metodi: Abbiamo riunito una coorte di pazienti di età compresa tra 12 e 39 anni, assicurati da Kaiser Permanente Northwest, che hanno ricevuto almeno una dose di un vaccino a mRNA (Pfizer BioNTech o Moderna) tra dicembre 2020 e ottobre 2021. Li abbiamo seguiti fino a 30 giorni dopo la loro seconda dose di un vaccino a mRNA per identificare gli eventi di miocardite, pericardite o miopericardite. Abbiamo confrontato due metodi di identificazione: un metodo che ha cercato tutte le diagnosi utilizzando una breve descrizione testuale (ad esempio, il codice ICD-10-CM I40.9 è definito come miocardite acuta, non specificata). Abbiamo cercato la descrizione testuale di tutte le diagnosi di visita ospedaliera o ambulatoriale (in qualsiasi posizione) per miocardite o pericardite.

L’altro metodo è stato sviluppato dai Centers for Disease Control and Preventions Vaccine Safety Datalink (VSD), che hanno cercato visite al pronto soccorso o ricoveri con un set selezionato di codici diagnostici ICD-10-CM di dimissione. Per entrambi i metodi, due medici hanno esaminato in modo indipendente le cartelle cliniche dei pazienti identificati e le hanno classificate come casi confermati, probabili o meno utilizzando la definizione di caso CDC.

Risultati: La metodologia di incontro ha identificato 14 pazienti distinti che hanno soddisfatto la definizione di caso CDC confermata o probabile per miocardite acuta o pericardite con esordio entro 21 giorni dal ricevimento della vaccinazione COVID-19. Tre di questi 14 pazienti avevano un codice ICD-10 di miocardite I51.4, non specificato che è stato trascurato dall’algoritmo VSD. La metodologia VSD ha identificato 11 pazienti che hanno soddisfatto la definizione di caso CDC per miocardite acuta o pericardite. Sette (64%) degli undici pazienti hanno avuto cure iniziali per la mio-pericardite al di fuori di una struttura KPNW e la loro diagnosi non ha potuto essere accertata con la metodologia VSD fino a quando non sono state presentate richieste (ritardo mediano di 33 giorni; intervallo di 12-195 giorni). Tra coloro che hanno ricevuto una seconda dose di vaccino (n = 146.785), abbiamo stimato un rischio di 95,4 casi di mio-pericardite per milione di dosi di secondo somministrate (IC 95%, da 52,1 a 160,0).

Conclusione: abbiamo identificato ulteriori casi validi di mio-pericardite a seguito di una vaccinazione a mRNA che sarebbero mancati dall’algoritmo di ricerca VSDs, che dipende da codici diagnostici di dimissione ospedaliera selezionati. La vera incidenza di mio-pericardite è marcatamente superiore all’incidenza riportata ai comitati consultivi statunitensi. Il VSD dovrebbe convalidare il suo algoritmo di ricerca per migliorare la sua sensibilità per la mio-pericardite.

LINK ALLO STUDIO: Risk of Myopericarditis following COVID-19 mRNA vaccination in a Large Integrated Health System: A Comparison of Completeness and Timeliness of Two Methods | medRxiv

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Riflessioni su un altro anno di bugie covidiane e su come la verità alla fine prevarrà

Read Next

Donna somministra il vaccino COVID a un adolescente all’interno della sua casa senza permesso