• Giugno 16, 2024

Svezia. Il dramma della 19enne Jennifer Melin. Finita su una sedia a rotelle, il calvario inizia due giorni dopo il vaccino Pfizer

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Nel giro di poche settimane, Jennifer Melin, 19 anni, di Sundsvall (Svezia) è passata dall’essere una ragazza attiva e sana all’essere costretta su una sedia a rotelle. 

Jennifer è stata vaccinata con il vaccino covid di Pfizer appena due giorni prima che iniziassero a comparire i primi sintomi.

Jennifer ha ricevuto la prima dose del vaccino covid di Pfizer a luglio. Due giorni dopo, ha perso la sensibilità alle mani, ha avuto problemi di equilibrio e persino intorpidimento ai piedi. Pochi giorni dopo, i sintomi si sono diffusi a una gamba e Jennifer aveva bisogno di aiuto per muoversi. Poco dopo, nessuna delle sue gambe la reggeva più e non poteva più muoversi.

ll rapporto con la sanità è stato molto deludente. Il neurologo che Jennifer ha incontrato, dopo molte visite, ha respinto la tesi della ragazza, secondo cui i problemi avrebbero avuto a che fare con il vaccino. Tra l’altro il medico ha anche cercato di costringerla ad alzarsi e camminare, anche se per lei era del tutto impossibile.

Il Comune di Sudsvall ha aiutato Jennifer, provvedendo ad adattare l’appartamento e ha costruito anche un “ascensore” che le permette di salire e scendere le scale tra l’appartamento e la strada.

Jennifer ha scritto un post su Instagram sulla sua situazione ed è stata subito contattata dal quotidiano locale “Sundsvall Tidning” che le ha chiesto di fare un reportage. 

Ma la bozza che Jennifer ha ricevuto dal quotidiano differiva dall’articolo definitivo che è stato pubblicato online. 

Tutto ciò che riguardava il vaccino è stato rimosso. 

Nella versione che la ragazza ha ricevuto dal quotidiano prima della pubblicazione era scritto: “Jennifer è convinta che il suo problema sia un effetto collaterale del vaccino covid” e “Tutto è iniziato pochi giorni dopo che era stata vaccinata”.

Queste frasi non sono state pubblicate dal “Sundsvall Tidning”.

Il quotidiano locale si è giustificato affermando che a livello editoriale è stata presa la decisione di omettere tutto ciò che riguardava il vaccino.

Tuttavia, Jennifer ha notato che anche nel post sulla pagina Facebook del giornale sull’articolo sono stati rimossi i commenti che esprimevano critiche al vaccino covid e ora sono stati definitivamente disattivati tutti i commenti.

Jennifer sente di non essere stata presa sul serio e che i media non vogliono in nessun caso menzionare nulla sul vaccino. “Il risultato”, dice Jennifer, “è che ci si aspetta che i giovani mostrino solidarietà e si facciano vaccinare per il bene degli altri, ma quando subiscono danni dal vaccino, la solidarietà brilla con la tua assenza. Invece, si incontrano sfiducia e oscurità”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Pfizer chiede l’autorizzazione della FDA per i richiami in tutti gli adulti sopra i 18 anni

Read Next

Giornale tedesco evidenzia un numero “insolitamente alto” di calciatori che sono crollati di recente

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock