• Ottobre 2, 2022

Berliner Zeitung scrive : “Problemi cardiaci e ictus: il numero di operazioni di soccorso aumenta bruscamente”

di Berliner Zeitung

L’allarme viene dai dati nazionali dei Vigili del Fuoco, Il deputato spd Robert Schaddach si interroga sulla natura degli interventi dei vigili del fuoco di Berlino, esplodono i soccorsi relativi a problemi cardiaci e ictus.

Il numero di operazioni di soccorso dei vigili del fuoco di Berlino che corrispondono a problemi cardiaci e ictus è aumentato drasticamente nel 2021. Ciò emerge dalla risposta del Senato a una richiesta del deputato spd Robert Schaddach. “L’obiettivo della richiesta è determinare lo sviluppo delle cifre di dispiegamento dei vigili del fuoco di Berlino per quanto riguarda i disturbi cardiaci e gli ictus negli ultimi quattro anni”.

Sotto le parole chiave “problemi cardiaci / defibrillatore impiantato” e “dolore toracico / altri disturbi al petto”, il numero di missioni registrate nel 2021 è aumentato del 31% per un totale di 43.806 interventi rispetto ai valori medi del 2018/2019. Il numero di missioni registrate sotto le parole chiave “stroke / transient ischemic (TIA) attack” è aumentato del 27% rispetto ai valori medi del 2018/2019 per un totale di 13.096 interventi.

Nell’inchiesta del 10 marzo 2022, Schaddach vuole sapere: “Come viene valutato un aumento nel numero di operazioni per quanto riguarda i problemi cardiaci dal punto di vista dei vigili del fuoco di Berlino?” La risposta del Dipartimento del Senato per l’Interno, la Digitalizzazione e lo Sport del 7 aprile 2022 (è evasiva) : “I cambiamenti nella frequenza di utilizzo dei principali protocolli di reclamo ‘Reclami cardiaci / Defibrillatore impiantato’ e ‘Dolore toracico / Altri reclami al petto’ nel contesto della chiamata di emergenza standardizzata possono essere combinati con un uso più intensivo del protocollo, la classificazione dei sintomi, l’ulteriore sviluppo della gestione della qualità, ma anche il cambiamento nel numero di applicazioni in di soccorso di emergenza, ad esempio attraverso la crescita della popolazione o il cambiamento demografico”.

Senato: la ragione dell’allarme non è una diagnosi conclusiva

In un’altra domanda, il politico SPD ha chiesto all’amministrazione interna del Senato: “Come viene valutato un possibile cambiamento nel numero di operazioni per quanto riguarda gli ictus (sintomi di ictus inferiori a 12 ore) dal punto di vista dei vigili del fuoco di Berlino?” La risposta (anche qui elude il nocciolo della domanda) : “Per quanto riguarda i possibili cambiamenti nella frequenza di utilizzo del protocollo di reclamo principale ‘Stroke / Transient Ischemic (TIA) Attack’ nella chiamata di emergenza standardizzata, si fa riferimento alla risposta alla domanda 2, che si applica anche mutatis mutandis a questi gruppi di casi.”

Come commentato da lla testata indipendente Reitschuster.de, il governo tedesco sembrerebbe accampare una serie di scuse piuttosto che dare umna risposta esaustiva alle scottanti domande.

“Il 31,2 e il 27,4 per cento in più di segnalazioni di infarti e ictus a causa di uno “sviluppo della gestione della qualità”? Sarebbe fenomenale”, commentano.

“Esattamente come utilizzare i cambiamenti demografici come cause. Se fossero pochi punti percentuali sarebbe comprensibile , ma numeri così alti”?

Poiché i “disturbi cardiaci” come causa di chiamata di emergenza sono dovuti a vari sintomi, “la selezione dell’occasione di allarme sulla base di MPDS non rappresenta una diagnosi conclusiva”, taglia corto il governo della città: “In questo contesto, non si può concludere che i reclami descritti fossero in definitiva in realtà ‘disturbi cardiaci’ o un’altro problema esistente”.

“La Berlin Fire Brigade Community, un’associazione di centinaia di vigili del fuoco tra cui molti critici sulla questione vaccinale, ha preso atto della richiesta del deputato SPD Robert Schaddach “con vivo interesse”, come riporta il Berliner Zeitung. Un portavoce della comunità dei vigili del fuoco ha dichiarato al giornale: “Tali tassi di aumento devono essere spiegati“. Il portavoce ha notato che “il numero totale di problemi cardiaci e ictus nel 2018 e nel 2019 è relativamente simile”. Nel 2020, c’è stato un primo aumento rispetto alla media dei due anni precedenti del 12,4% per i disturbi cardiaci e del 12,9% per gli ictus. L’aumento nel 2021 è stato poi di nuovo significativamente più alto, come spiegato sopra.

Per l’anno 2020, secondo il portavoce, potrebbe “sembrare ancora in qualche modo plausibile che l’emergere di un nuovo tipo di virus e l’introduzione di misure senza precedenti con tutti i danni collaterali abbia portato a un tragico aumento dei numeri”. Ma l’uomo della comunità dei vigili del fuoco agginge a Berliner Zeitung: “Per l’anno 2021, tuttavia, a quanto pare sembra essere stata aggiunta un’altra incognita, che intensifica significativamente il primo aumento”. Inoltre, continua il portavoce, quando si confrontano le fasce d’età, colpisce che “i più alti tassi di aumento si verifichino soprattutto nelle fasce di età che generalmente non sono intese come gruppi vulnerabili nei confronti della malattia Covid-19”.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Auto nel fossato dopo un malore, muore a 46 anni; autista del bus ha un malore alla guida e sbanda, è grave. Malore affacciato alla finestra, muore precipitando dal secondo piano

Read Next

Scoop La Verità. Fondi Covid in bond alle Cayman. Borrelli (Protezione Civile): “Su indicazione del commissario Arcuri abbiamo addebitato conti con i soldi dei cittadini”