• Agosto 16, 2022

Treviso, un’altra giovane vita spezzata. Malore fatale per operatrice sanitaria 30enne

Michela Conte lavorava nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Conegliano e prima all’Israa.  Il cordoglio della famiglia, del sindaco Gazzabin e dei colleghi: «Era solare e sempre disponibile».

Arcade – Si stava preparando per andare a lavorare, ma nel primo pomeriggio di domenica, appena dopo pranzo, la madre l’ha trovata senza vita. Michela Conte, operatrice socio sanitaria in servizio nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Conegliano, è stata colta da un malore improvviso che le è stato fatale: aveva 30 anni.

La giovane era nata e cresciuta ad Arcade, dove viveva.


Gli operatori sanitari sono soggetti ad obbligo vaccinale Covid.

eVenti Avversi

Read Previous

Ormai si muore così: al bar, mentre si mangia una pizza e di notte nel sonno. Ancora 3 tragiche morti di giovani italiani per malore improvviso

Read Next

Assurdo: la Corte Costituzionale federale tedesca ammette che i vaccini Covid sono dannosi, persino “fatali” – Eppure mantiene l’obbligo (Video)