• Novembre 27, 2022

Ultimi studi dei centri specialistici italiani e spagnoli. Negli ultimi mesi forte incremento di tumori al colon e ictus giovanili. Tutti i dati

Ieri, domenica 20 novembre, il quotidiano spagnolo ABC ha segnalato in un articolo un forte incremento di ictus giovanili.

Scrive ABC: “Aveva 37 anni, una figlia di sette anni e conduceva una vita sana. Né aveva, in precedenza, alcuna malattia dichiarata che preannunciasse un grave problema di salute. Un ictus ha cambiato la vita di Angélica Pérez senza che il suo corpo le avesse inviato segnali di allarme. Crede che ci fossero, ma che i medici non li abbiano rilevati perché il sistema è stato travolto dalla pandemia e hanno badato solo alle emergenze. A luglio 2020 è stata operata per vene varicose. Tutto indicava problemi al sistema circolatorio ma, secondo la denuncia, “nessuno è andato oltre perché voleva risolvere il problema in tempi brevi”. Un anno dopo l’ictus, quando il sistema sanitario ha iniziato a riprendersi, gli è stata diagnosticata una predisposizione genetica ai trombi e un problema cardiaco, che sta cura. “Se l’avessero visto prima, come hanno ammesso alcuni medici, probabilmente l’ictus sarebbe stato evitato”, dice.

Il suo caso non è l’unico tra persone sotto i 60 anni che, in concomitanza con la pandemia, hanno subito un evento cerebrovascolare, noto anche come infarto cerebrale, interruzione improvvisa della circolazione del sangue che arriva al cervello a causa di un vaso sanguigno rotto, intasato. Le conseguenze di questa mancanza di sangue nel cervello possono essere gravi e nel 15 per cento dei casi portare alla morte. Gli specialisti consultati da Abc avvertono di un aumento rilevante di questi episodi nelle persone in età lavorativa negli ultimi anni. Lo collegano, in parte, al collasso dei servizi sanitari e alle peggiori abitudini sanitarie.

I responsabili delle stroke unit degli ospedali di riferimento di Madrid e della Catalogna, le due comunità autonome più colpite dalla pandemia, interpellati da Abc confermano che il caso di Angélica non è isolato. Dalla loro esperienza, avvertono di un aumento delle malattie cerebrovascolari non solo tra la popolazione anziana ma anche tra le persone sotto i 60 anni. Non collegano questo aumento dell’incidenza all’effetto dell’infezione sull’organismo e indicano “un follow-up più scarso dei pazienti con patologia cronica da parte degli ambulatori a causa della situazione di emergenza” e cattive abitudini.
Chiariscono però che questo aumento degli eventi cerebrovascolari (non esiste un registro nazionale dei casi ma si è percepito un aumento dei ricoveri ospedalieri e anche della domanda di cure per queste patologie) non ha portato ad un aumento della Mortalità per il miglioramento dell’approccio terapeutico e per il fatto che l’ictus viene trattato ogni volta prima grazie ai protocolli promossi dalle autorità sanitarie. L’ictus è la seconda causa di morte più frequente in Spagna e la prima nel caso delle donne, secondo i dati forniti dal Gruppo di studio sulle malattie cerebrovascolari (Geecv) della Società spagnola di neurologia (SEN). Ogni anno ci sono tra 110.000 e 120.000 morti in Spagna, cioè un decesso per ictus ogni 14 minuti.
Il Dr. Jaime Masjuan, capo dell’Unità per l’ictus dell’Ospedale Ramón y Cajal di Madrid, conferma un aumento dei pazienti colpiti da ictus nella sua unità di lavoro negli ultimi anni. “La domanda di trattamento dell’ictus e l’ammissione di pazienti con queste diagnosi sono aumentate”, afferma lo specialista. In questo senso sottolinea la sua preoccupazione per il maggiore impatto di questa malattia nelle persone sotto i 55 anni. “Dieci anni fa l’incidenza di ictus nei pazienti di queste età era di uno su otto, attualmente è salita a uno su sei”, afferma Masjuan.

Per quanto riguarda l’aumento dei casi in coincidenza con la pandemia, il capo della Stroke Unit dell’ospedale di Madrid sottolinea “maggiori difficoltà per i pazienti di queste età con fattori di rischio (ipertensione, colesterolo,…) ad accedere alle cure primarie dove vengono monitorati e anche più ostacoli per ottenere un appuntamento con gli specialisti». “La pandemia ha concentrato tutto lo sforzo di assistenza, soprattutto durante i primi mesi e questa potrebbe essere una causa”, afferma Masjuan, che separa l’effetto diretto del Covid-19 da questo aumento dei casi. “La relazione tra Covid-19 e ictus, sebbene esista, è molto bassa”, sottolinea.

Dietro l’aumento dell’incidenza dell’ictus c’è anche una maggiore attivazione dei protocolli clinici dell’ictus dovuta alla «maggiore consapevolezza della popolazione». «Adesso le persone, più giovani e più anziane, vanno in ospedale al primo sospetto di un sintomo e questo è molto positivo perché i casi vengono curati prima e la prognosi migliora notevolmente», dice Jaime Masjuan.

Anche in un altro degli ospedali di riferimento del Paese, il Vall d’Hebron di Barcellona, ​​il medico Carlos Molina, responsabile del progetto di dinamizzazione dell’ictus in Catalogna, mostra una foto dettagliata della realtà in questa comunità. «C’è una chiara tendenza all’aumento degli ictus tra i giovani», sottolinea e attribuisce, come Masjuan, a «un controllo più scarso dei fattori di rischio dovuto al crollo delle cure primarie durante la pandemia e ai giovani che mantengono peggiori abitudini di vita passati dieci anni», inoltre, in secondo luogo, «c’è un aumento dei casi di ipertensione e diabete tra la popolazione di queste età».
Il Codice Ictus in Catalogna, un protocollo d’azione urgente pionieristico in Europa, volto a identificare rapidamente i casi di ictus e indirizzarli all’ospedale di riferimento più vicino, ha permesso di offrire una «radiografia più dettagliata dell’incidenza di questa malattia cerebrovascolare in Catalogna e in altre comunità ». «Ci ​​sono molti più codici di ictus in questi ultimi anni, sul campo perché le persone sono più consapevoli, ci sono anche più casi», riconosce Molina.
Ángel Soriano viveva per lo sport. Era professore di Educazione Fisica in un istituto, appassionato di arti marziali, conduceva una vita sana, non beveva né fumava. Niente poteva prevedere che un giorno a partire dall’aprile 2021 un ictus avrebbe cambiato la vita. Aveva 59 anni. Prima si è trattato di un episodio ischemico, che si è risolto con un cateterismo, anche se durante l’intervento il suo cuore forte ha pompato con impeto e ha provocato un’emorragia cerebrale. La sua prognosi è peggiorata con un secondo ictus emorragico, che richiede una complicata operazione cerebrale. Cinque ore dopo la prima diagnosi, è entrato in terapia intensiva con prognosi riservata.
Un ictus ha colpito la sua capacità di linguaggio e lo ha lasciato paralizzato sul lato sinistro del corpo. I medici hanno predetto pochi progressi, ma la loro grande forza di volontà e il sostegno incondizionato della moglie, María Serrano, hanno fatto il miracolo. Oggi Ángel cammina, mangia da solo, anche se ha lasciato postumi fisici e cognitivi, per questo ha bisogno dell’aiuto di sua moglie per superare la giornata. María ancora oggi si chiede perché abbia toccato suo marito. «Nell’istituto dove ho tenuto lezioni c’era molto stress per la pandemia, è l’unica cosa che mi è venuta in mente che potevo influenzare», racconta.
Le sequele subite da Ángel hanno riportato un grado di dipendenza e una disabilità del 76%, per cui sua moglie ha bisogno di cure quotidiane. María si sente soddisfatta delle cure mediche che ha ricevuto suo marito, ma si lamenta della «solitudine» in cui sta vivendo questo duro processo di recupero della sua vita. «Una volta chiuso il protocollo di azione clinica, ti senti impotente e abbandonato, abbiamo trovato supporto solo in alcune associazioni di pazienti», dice María. L’Asociación Superar el Ictus Barcelona (ASIB) è stata il tuo grande supporto in questi mesi difficili. Grazie al sostegno di questa associazione, Ángel va in un centro diurno e moglie riceve sostegno psicologico.
«Mio marito è stato assistito e operato all’Hospital de Sant Pau. I medici ancora non credono nella guarigione. Hanno superato tutti i loro schemi», dice soddisfatta. Suo marito, nonostante le conseguenze fisiche e psichiche, ha recuperato e alla fine del mese viaggerà con lei a Malaga.
Le attivazioni del Codice Ictus della Catalogna sono cresciute del 32 per cento negli ultimi tre anni, passando da 6.324 attivazioni nel 2018 a 8.398 nel 2021, secondo i dati forniti dal Consiglio sanitario. A seguito di queste attivazioni, “ogni anno aumenta il numero di persone trattate con rapidità nella fase acuta di questa malattia”, afferma Natalia Pérez de la Ossa, responsabile del Piano Direttore delle malattie vascolari cerebrali del Consiglio sanitario e responsabile l’Unità di Malattie Vascolari Cerebrali dell’Ospedale Tedesco Trias e Pujol di Badalona (Barcellona)”.

Un altro studio, citato oggi lunedì 21 novembre da Il Fatto Quotidiano, segnala invece un incremento dei casi di tumore al colon.

La giustificazione, anche in questo caso, è il ritardo delle diagnosi a causa della pandemia.

Nel caso del tumore al colon, si è assistito a un aumento fino al 20% delle diagnosi di tumore in fase avanzata e del 32% in forma più aggressiva. È quanto emerso da uno studio condotto in 81 centri italiani e pubblicato su Jama Network Open (Journal of the American Medical Association). “Negli ultimi 2 anni, i sistemi sanitari hanno registrato un rallentamento senza precedenti nelle procedure oncologiche in tutto il mondo, a causa di una riduzione dei percorsi dedicati e dei programmi di screening – scrivono i ricercatori – Inoltre, i pazienti sono stati riluttanti a cercare assistenza medica per gli stessi sintomi che, prima della pandemia, avrebbero portato a un appuntamento con il proprio medico di base o in ospedale”.

Rispetto al periodo pre-Covid, i tumori riscontrati durante la pandemia erano caratterizzati da una fase più avanzata e da caratteristiche più aggressive. In particolare, secondo lo studio, le diagnosi al tempo di Covid avevano un 7% di probabilità in più di essere in stadio avanzato e un 20% di essere in stadio 4 (quello più avanzato); un 10% in più di presentare metastasi, il 32% di riscontrare tumori con caratteristiche biologiche più aggressive, il 15% di presentare stenosi maligne. Inoltre, è stato osservato un 15% di rischio in più di necessitare di un intervento chirurgico urgente e un rischio altrettanto alto di un intervento chirurgico a fini palliativi, cioè non curativi. Tutto ciò “può indicare una potenziale riduzione della sopravvivenza per questi pazienti”, concludono i ricercatori.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Morta la 18enne colta da arresto cardiaco sul campo da tennis

Read Next

Un altro decesso nel calcio. Morte improvvisa del giocatore 28enne. Federazione calcistica in lutto