• Gennaio 27, 2023

Una cultura che glorifica la morte: lo spot dell’azienda di moda canadese che celebra la “bellezza” del suicidio assistito a scopo di marketing-VIDEO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


L’importante rivenditore canadese di moda e arredamento Simons è sotto accusa per aver glorificato il suicidio come manovra di marketing.

L’azienda ha recentemente prodotto e diffuso un filmato di tre minuti che celebra il suicidio assistito pianificato di Jennyfer Hatch. Più recentemente, dopo il completamento del progetto, la Canadian Broadcasting Corporation ha confermato che “la 37enne è morta il 23 ottobre e ha scelto l’assistenza medica per morire (MAID) dopo aver affrontato le complicazioni e il dolore cronico associati alla sua diagnosi di sindrome di Ehlers Danlos, un gruppo di disturbi ereditari che colpiscono il tessuto connettivo che sostiene molte parti del corpo“. Un frammento dell’annuncio completo può essere visualizzato qui:

E ora Jennyfer Hatch è la protagonista del cortometraggio e della campagna pubblicitaria “All is Beauty“, che l’azienda sostiene essere finalizzata a creare un “legame umano” e a riflettere i suoi “valori” (quindi… morte/suicidio). “Anche ora che cerco aiuto per porre fine alla mia vita, c’è così tanta bellezza“, racconta Hatch nel video per il rivenditore canadese di abbigliamento.

L’amministratore delegato Peter Simons ha chiaramente fatto riferimento alle lezioni apprese e alle difficoltà della pandemia Covid-19 come fonte di ispirazione per lo spot/cortometraggio:

“Abbiamo pensato che, dopo tutto quello che abbiamo passato negli ultimi due anni e che tutti hanno passato, forse avrebbe avuto più risonanza un progetto meno orientato al commercio e più incentrato sull’ispirazione e sui valori che ci sono cari”, ha detto Simons.

Tuttavia, dato l’argomento e le scene inquietanti, sembra più un episodio di Black Mirror

Si consideri anche quanto sia vaga la legge del governo canadese sull'”assistenza medica in caso di morte” (MAID) e quanto attivamente venga promossa. Una semplice ricerca su Google di “Canada euthanasia law” restituisce informazioni che incoraggiano gli utenti a conoscere i loro “diritti” – che includono il seguente aspetto distopico e inquietante della legge:

“… La legge non richiede più che la morte naturale di una persona sia ragionevolmente prevedibile per accedere all’assistenza medica nel morire”.

Ma ancora una volta, teniamo presente che il filmato pubblicitario “All is Beauty” è in ultima analisi una manovra commerciale. Come sottolinea giustamente Rod Dreher di The American Conservative:

“È una cosa malvagia. Stanno trasformando la decisione di una donna malata di porre fine alla propria vita in un’occasione di bellezza, e hanno creato un cortometraggio che glorifica il suicidio… per vendere moda e arredamento! E questa è la parte veramente inquietante: usare un suicidio glamourificato per incoraggiare le persone a pensare con simpatia al loro marchio, in modo che comprino vestiti e arredi”.

Dreher conclude inoltre come segue: “Prima Balenciaga, che ha fatto della sessualizzazione infantile uno stile chic, e ora Simons, che promuove abiti e pantaloni vendendo suicidi. Questa è roba da tardo impero romano. Una cultura che glorifica la morte in questo modo ha perso la sua volontà collettiva di vivere.

Un commento di un utente sul canale YouTube di Simons denuncia: Questa donna è stata uccisa e tradita da ogni singola persona che conosceva e che non ha cercato di fermarla. E ora la sua morte è stata mercificata e commercializzata”.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Malore improvviso in Consiglio comunale. Ricoverato in terapia intensiva il Sindaco e Presidente ANCI

Read Next

E’ morto ieri per malore improvviso a 18 anni durante una partita di calcio. La drammatica lista dei calciatori morti sul campo nel raggio di pochi chilometri. L’ultimo era deceduto venerdì scorso

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock