• Gennaio 31, 2023

Una dose tossica di idrossiclorochina durante gli studi clinici?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


“I dati disponibili al pubblico suggeriscono che è stato commesso un crimine di negligenza, ed è possibile che abbia contribuito alla morte di pazienti in uno studio clinico nel Regno Unito”.

Il merito di questa storia va a Xavier Azalbert di France Soir che ha svolto un lavoro enorme. Questa storia non ha avuto il risalto che merita.

Quando i pazienti di tutto il Regno Unito si sono ammalati gravemente e sono stati ricoverati in ospedale con il Covid-19, ad alcuni è stata offerta la possibilità di partecipare alla sperimentazione medica “RECOVERY“.

I suoi principali ricercatori, il professor Martin Landray e il professor Peter Horby, avevano ottenuto un grosso finanziamento per RECOVERY, al fine di trovare una cura per l’imperversante pandemia.

Con poche opzioni disponibili, i familiari dei pazienti Covid-19 gravemente malati avrebbero firmato il consenso alla sperimentazione, ma il primo giorno di trattamento sarebbe stata somministrata a questi pazienti una dose insolitamente elevata di idrossiclorochina (HCQ).

Il background

Quando il Recovery Trial è stato annunciato nel marzo 2020, avrebbe dovuto studiare l’idrossiclorochina come potenziale trattamento per la Covid-19. Come l’Ivermectina, l’idrossiclorochina è diventata un farmaco ampiamente utilizzato ma controverso durante la pandemia. Proprio come l’ivermectina, è un “farmaco essenziale” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in uso da decenni, il che significa che la sua dose e la sua tossicità sono state ben stabilite. Come riferito in precedenza, la clorochina era stata identificata come trattamento per il virus originale della SARS già nel 2006.

Che l’idrossiclorochina potesse essere efficace contro il SARS-CoV-2 non era certo un’idea astratta. Solo quattro settimane dopo l’identificazione del SARS-CoV-2 e molto prima che i più fossero consapevoli di una pandemia in arrivo, un gruppo di ricercatori cinesi aveva già presentato a Nature uno studio che dimostrava che “l’idrossiclorochina può inibire efficacemente l’infezione da SARS-CoV-2 in vitro”.

Quattro settimane dopo, uno studio in Francia era pronto e registrato e il 18 marzo 2020 aveva ottenuto risultati molto promettenti. Guidati dal professor Didier Raoult, hanno dimostrato che, con il passare del tempo, i pazienti affetti da Covid-19 che assumevano una terapia a base di idrossiclorochina recuperavano la malattia molto più velocemente, come indicato dalla linea verde sottostante.

Fig 1. I risultati mostrano un miglioramento significativo nei pazienti con idrossiclorochina.

Gli attacchi non hanno fermato altri ricercatori. In tutto il mondo si susseguirono decine di studi che dimostravano l’efficacia dell’idrossiclorochina.

Con il mondo sempre più in ansia per l’aumento dei casi, si sarebbe tentati di pensare che questi risultati sarebbero stati ben accolti, ma gli investigatori che hanno condotto la sperimentazione sono stati pubblicamente derisi e sbeffeggiati in una serie di incontri con i media.

Molti degli accademici che hanno attaccato Didier Raoult ricevevano denaro dall’industria farmaceutica. Alcuni sono stati persino così candidi da promuovere i loro stessi studi mentre sminuivano i risultati positivi.

Cosa stava succedendo?

Gli attacchi hanno colto di sorpresa gli investigatori e hanno segnato l’inizio di una serie di sviluppi incongrui nella risposta alla pandemia.

Dimenticate lo studio di Didier Raoult, i ricercatori indipendenti e il fatto che intere nazioni avevano già adottato il farmaco per l’uso, perché lo studio RECOVERY avrebbe risposto alla domanda in modo definitivo.

Vale la pena sottolineare che lo studio è stato finanziato dal Wellcome Trust e dalla Bill and Melinda Gates Foundation.

Seduti nella loro lussuosa hall finanziata dall’industria, ci avrebbero detto se l’idrossiclorochina funzionava o meno. I ricercatori principali erano il professor Peter Horby e il professor Martin Landray.

Il professor Peter Horby annuncia il processo RECOVERY all’inizio del 2020

Nonostante la patina di ipercompetenza, al centro della sperimentazione RECOVERY c’era una decisione inspiegabile, che avrebbe dovuto essere contestata dai giornalisti se non vivessimo in un mondo asservito a una “Scienza” che appare sempre più simile a una setta.

da The Digger

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

E’ successo poco fa! La dottoressa Coccaro si sente male in diretta TV – il VIDEO del malore improvviso

Read Next

Scambio elettorale politica-mafia: 19 arresti all’alba. Arrestati esponenti del centrosinistra

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock