• Dicembre 4, 2022

Uno studio genetico rivela il nesso causale tra gruppo sanguigno e gravità del COVID

Molto presto durante la pandemia i medici hanno iniziato a monitorare l’associazione tra la gravità della malattia COVID-19 e il gruppo sanguigno di un paziente. Ora i ricercatori hanno convalidato quelle prime osservazioni, scoprendo che diverse proteine del sangue sono causalmente legate a un aumentato rischio di ospedalizzazione e morte per COVID-19.

Alcuni dei primi studi osservazionali usciti da Wuhan nel 2020 hanno indicato una correlazione tra il gruppo sanguigno di una persona e il rischio di gravi malattie da un’infezione da SARS-CoV-2. L’osservazione generale era che quelli con sangue di tipo A sembravano avere un rischio molto più elevato di ospedalizzazione e morte rispetto a quelli con sangue di tipo 0.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLOS Genetics ha offerto la visione più chiara fino ad oggi sulla relazione causale tra gruppo sanguigno e gravità covid-19. La ricerca ha utilizzato un metodo analitico chiamato randomizzazione mendeliana per valutare la relazione tra le varianti geniche che governano i livelli di proteine del sangue e gli esiti della malattia COVID-19.

“La causalità tra esposizione e malattia può essere stabilita perché le varianti genetiche tramandate dal genitore alla prole sono assegnate in modo casuale al momento del concepimento in modo simile a come uno studio controllato randomizzato assegna le persone ai gruppi”, ha spiegato il co-primo autore del nuovo studio Vincent Millischer. “Nel nostro studio i gruppi sono definiti dalla loro propensione genetica a diversi livelli di proteine nel sangue, consentendo una valutazione della direzione causale da alti livelli di proteine nel sangue alla gravità di COVID-19, evitando al contempo l’influenza degli effetti ambientali”.

I ricercatori hanno esaminato oltre 3.000 proteine del sangue e la gravità del COVID-19 è stata determinata dal ricovero in ospedale o dalla morte.

Uno dei risultati chiave è stata un’associazione causale tra la gravità del COVID-19 e un enzima noto come ABO, che determina il gruppo sanguigno di una persona.

Christopher Hübel del King’s College di Londra ha affermato che la nuova ricerca non ha interrogato la relazione tra specifici gruppi sanguigni e gravità covid-19. Tuttavia, sottolinea che i risultati dell’ABO convalidano gli studi osservazionali precedenti che collegano il sangue di tipo A con un aumentato rischio COVID-19.

“L’enzima aiuta a determinare il gruppo sanguigno di un individuo e il nostro studio lo ha collegato sia al rischio di ospedalizzazione che alla necessità di supporto respiratorio o morte”, ha detto Hübel, co-ultimo autore dello studio. “Il nostro studio non collega un gruppo sanguigno preciso con il rischio di COVID-19 grave, ma poiché ricerche precedenti hanno rilevato che la percentuale di persone del gruppo A è più alta negli individui positivi al COVID-19, questo suggerisce che il gruppo sanguigno A è più probabile candidato per studi di follow-up”.

Naturalmente, ci sono una serie di fattori di rischio oltre al gruppo sanguigno noto per svolgere un ruolo nella gravità di COVID-19, dall’età alla malattia preesistente. Quindi questi risultati non dovrebbero essere motivo di preoccupazione per gli individui con sangue di tipo A.

Invece, come spiega il co-ultimo autore dello studio Gerome Breen, questi risultati aiutano i ricercatori a studiare nuovi percorsi terapeutici per aiutare a trattare COVID-19. Ad esempio, diverse proteine del sangue sono state identificate nello studio come causalmente legate a un ridotto rischio di malattia grave.

Queste proteine, note come molecole di adesione, svolgono un ruolo nelle interazioni tra cellule immunitarie e vasi sanguigni. I ricercatori ipotizzano che queste molecole di adesione possano aiutare a moderare la gravità del COVID-19 in fase avanzata e potrebbe essere possibile trasformare questa scoperta in una terapia per prevenire il deterioramento dei pazienti malati in ospedale.

“Quello che abbiamo fatto nel nostro studio è fornire una lista ristretta per la prossima fase della ricerca”, ha detto Breen. “Su 1.000 proteine del sangue le abbiamo ridotte a circa 14 che hanno una qualche forma di connessione causale con il rischio di COVID-19 grave e rappresentano una strada potenzialmente importante per ulteriori ricerche per comprendere meglio i meccanismi alla base di COVID-19 con l’obiettivo finale di sviluppare nuovi trattamenti ma potenzialmente anche terapie preventive”.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS Genetics.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

“Ho creduto a ciò che ci è stato detto dal governo e dai media” – Un uomo sano sviluppa gravi danni a seguito del vaccino Moderna. “Il più grande rimpianto della mia vita”

Read Next

“Lupus eritematoso sistemico e sindrome da anticorpi antifosfolipidi dopo la vaccinazione COVID-19”. Un caso clinico