• Giugno 14, 2024

Vaccinazione a mRNA COVID-19 che porta all’infiammazione del SNC ( Sistema Nervoso Centrale): una serie di casi. STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


“…La sicurezza e l’efficacia del vaccino non sono state stabilite in individui con malattie autoimmuni croniche come la sclerosi multipla (SM). Rapporti aneddotici suggeriscono che i vaccini possono essere associati al cervello, al midollo spinale, al sistema nervoso periferico e all’infiammazione cardiaca. 

Sulla base dell’elevata morbilità e del decorso imprevedibile del COVID-19 e della necessità di raggiungere l’immunità di gregge, la vaccinazione è stata raccomandata per i pazienti con SM.

Riportiamo le caratteristiche cliniche e mri di sette individui che hanno ricevuto i vaccini moderna (n = 3) o Pfizer (n = 4) SARS-CoV-2 mRNA.

Entro uno o 21 giorni dalla prima (n = 2) o dalla seconda (n = 5) dose di vaccino, questi pazienti hanno tutti sviluppato sintomi neurologici e risultati della risonanza magnetica coerenti con la demielinizzazione attiva del SNC del nervo ottico, del cervello e / o del midollo spinale. I sintomi includevano perdita della vista, dismetria, instabilità dell’andatura, parestesie, disturbi dello sfintere e debolezza degli arti.

L’età variava da 24 a 64 (media 39,1) anni; cinque erano donne (71,4%). La diagnosi finale è stata esacerbazione della SM stabile nota (n = 4, due stavano ricevendo una terapia modificante la malattia al momento della vaccinazione), SM di nuova insorgenza (n = 2) o neuromielite ottica di nuova insorgenza (n = 1). Tutti hanno risposto alla terapia con corticosteroidi (n = 7) o di scambio plasmatico (n = 1), con cinque che sono tornati al basale e due che si avvicinano al basale. Sono necessari ampi studi prospettici per indagare ulteriormente su qualsiasi possibile relazione tra i vaccini COVID-19 e la demielinizzazione acuta del SNC“[…]

[…]

Le nostre osservazioni suggeriscono che, in alcuni individui, la vaccinazione COVID-19 può comportare un rischio a breve termine di demielinizzazione del SNC…Nel nostro studio, così come negli unici casi disponibili di attività della SM dopo la vaccinazione COVID-19, la risonanza magnetica è stata uno strumento integrale per definire la presenza di demielinizzazione infiammatoria nuova/attiva, con gadolinio somministrato a tutti i pazienti tranne uno“.

LEGGI LO STUDIO COMPLETO: COVID-19 mRNA vaccination leading to CNS inflammation: a case series | SpringerLink

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Non solo sappiamo che l’mRNA Pfizer / BioNTech si incorpora nel DNA umano, adesso abbiamo anche i tempi: SEI ORE

Read Next

Il Consiglio di Stato legittima l’obbligo vaccinale ma undici suoi giudici fanno parte del governo

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO