• Agosto 16, 2022

Vaiolo delle scimmie emergenza inaspettata? Lo sapevate che esiste già un vaccino approvato…nel 2019? Indovinate chi c’è dietro…

Mentre i casi di vaiolo delle scimmie stanno gradualmente aumentando in tutto il mondo, la corsa ai vaccini è appena iniziata…ma in quanti sanno che esiste già un vaccino contro questa malattia rarissima approvato dall’FDA nel 2019?

Suona davvero strano, perché mai produrre e far velocemente approvare un vaccino contro una malattia ( il vaiolo) sostanzialmente eradicata e contro il vaiolo delle scimmie, malattia rarissima con piccoli focolai finora circoscritti e gestibilissimi?

La risposta è in un nome ed è sempre lo stesso: BILL GATES.

Nel novembre 2021, mentre tutto il mondo era in panne a causa della pandemia di coronavirus, Bill Gates partecipava ad un importante meeting di Policy Exchange, che è il principale think tank del Regno Unito. Il presidente della Bill and Melinda Gates Foundation, e Rt Hon Jeremy Hunt MP, presidente del comitato ristretto per la salute, in quel contesto hanno discusso il potenziale di future pandemie.

In una discussione ad ampio raggio il 4 novembre 2021, Gates ha chiesto una nuova task force internazionale sulla pandemia, con un budget di circa 1 miliardo di dollari all’anno.

Secondo il fondatore di Microsoft, i governi dovevano affrettarsi a investire miliardi in ricerca e sviluppo per prepararsi a future pandemie e attacchi terroristici contro il VAIOLO.

Sì, ha detto vaiolo.

Questo nuovo impegno include le simulazioni denominate “germ game” di potenziali pandemie e attacchi bioterroristici come ad esempio attacchi di vaiolo agli aeroporti. Science Times ha riferito che i germ game consistono nell’impegno delle “agenzie governative a simulare scenari di un’altra catastrofe pandemica”.

Il caso vuole che i ministri della salute del G7 proprio oggi si stiano esercitando per la prossima crisi. A Berlino, stanno simulando una pandemia di vaiolo nel 2023.

LEGGI DI PIU’

Voi dite, OK, e se un bioterrorista portasse il vaiolo in 10 aeroporti? Sapete, come risponderebbe il mondo a questo? Ci sono epidemie causate naturalmente e epidemie causate dal bioterrorismo che potrebbero anche essere molto peggiori di quelle che abbiamo vissuto oggi. E i cittadini si aspettano che i loro governi non lascino che ciò accada di nuovo“, commentava Gates durante il think tank.

Gates ha già esordito in passato con premonizioni simili…e sappiamo tutti com’è andata a finire.

In una presentazione TED dell’aprile 2015, affermò “Il prossimo focolaio? Non siamo pronti”, Gates avvertiva dei pericoli di un virus altamente contagioso e di una grande pandemia, sottolineando l’importanza di essere preparati.

Sulla base delle recenti riunioni del comitato consultivo sui vaccini dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), gli Stati Uniti sono assolutamente concentrati sulla minaccia del vaiolo.

La produzione di vaccinazione contro il vaiolo sembra essere prioritaria per il governo degli Stati Uniti. E il produttore Bavarian Nordic è l’ultima azienda a beneficiarne.

Il 3 novembre 2021, a seguito di un’introduzione di Pablo Sanchez, M.D. Chair del gruppo di lavoro Orthopoxvirus, il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione ha esaminato le due presentazioni incentrate sul vaccino contro il vaiolo JYNNEOS.

Prodotto da Bavarian Nordic, JYNNEOS è stato inizialmente approvato nel 2019 dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ed è indicato per prevenire il vaiolo e la malattia del VAIOLO DELLE SCIMMIE negli adulti di età pari o superiore a 18 anni determinati ad alto rischio di infezione da vaiolo o vaiolo delle scimmie.

MA CHE INCREDIBILE COINCIDENZA!

JYNNEOS è l’unico vaccino contro il vaiolo non replicante approvato dalla FDA e l’unico vaccino contro il vaiolo delle scimmie approvato dalla FDA per uso non militare.

Brett Petersen, MD, MPH, ha presentato la nuova proposta di “guida clinica per l’uso di JYNNEOS in quanto si confronta con un vecchio vaccino contro il vaiolo, ACAM2000, che l’ACIP attualmente raccomanda.

Molte persone con controindicazioni alla vaccinazione con ACAM2000 (ad esempio, dermatite atopica, condizioni immunocompromprose, allattamento al seno o gravidanza) possono ricevere la vaccinazione con JYNNEOS.

Un individuo può essere considerato completamente immunizzato due settimane dopo la somministrazione della seconda dose di JYNNEOS quando gli studi clinici hanno dimostrato titoli anticorpali massimi.

Come vaccino carente di replicazione, JYNNEOS non produce una lesione del sito del vaccino che possa essere utilizzata come marcatore di una vaccinazione di successo.

E i test di routine del titolo non sono raccomandati dopo la vaccinazione con JYNNEOS per confermare la corretta somministrazione del vaccino, dato che negli studi clinici sono stati dimostrati alti tassi di sieroconversione.

Tuttavia, il test del titolo potrebbe essere preso in considerazione caso per caso dopo aver consultato le autorità sanitarie pubbliche per persone selezionate con condizioni immunocomprompenti o coloro che lavorano con ortopoxvirus più virulenti (variola e vaiolo delle scimmie) per confermare che è stata raggiunta una risposta immunitaria.

Attualmente, il vaccino contro il vaiolo non è raccomandato per il pubblico negli Stati Uniti poiché il vaiolo è stato eradicato. La vaccinazione di routine contro il vaiolo tra gli americani si è fermata nel 1972.

Tuttavia, i funzionari sanitari statunitensi sono pronti a utilizzare un vaccino se ci fosse un focolaio di vaiolo, afferma il CDC.

La Bavarian Nordic non è la sola azienda coinvolta nella produzione del vaccino contro il vaiolo,

Solo pochi giorni dopo che Emergent, una società che ha fatto dei contratti governativi la sua linfa vitale, ha acquisito i diritti esclusivi di Tembexa da Chimerix, con un pagamento in contanti di $ 225 milioni e un contratto BARDA previsto, l’agenzia ha offerto un contratto per la produzione di vaccino contro il vaiolo.

BARDA( Biomedical Advanced Research and Development Authority all’interno dell’Ufficio dell’Assistente Segretario per la Preparazione e la Risposta nel Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti) ha firmato un accordo con il produttore danese di vaccini e immunoterapia per fornire una versione liofilizzata del vaccino contro il vaiolo Jynneos, consentendo la produzione e la fatturazione delle prime dosi di questa versione nel 2023 e nel 2024. Le opzioni hanno un prezzo di $ 119 milioni e rappresentano le prime opzioni esercitate per convertire i vaccini sfusi in dosi liofilizzate di vaccino contro il vaiolo.

Quindi ricapitolando, abbiamo un vaccino ( Jynneos) contro il vaiolo approvato dal 2019 il cui processo di liofilizzazione è stato avviato lo scorso anno e, a seguito di un’ispezione della FDA nel 2022, porterà alla produzione commerciale nel 2023.

La liofilizzazione di un vaccino, che viene fatta con alcuni vaccini Covid-19, è quella di preservare il vaccino più a lungo e di trasportarlo su distanze più lunghe.

E’ evidente che lo vogliano al più presto utilizzare.

Insomma, sembra che il vaiolo sia davvero una priorità per BARDA, c’è un altro accordo con l’azienda Emergent per un farmaco contro il vaiolo, Tembexa.

Tembexa è un antivirale orale formulato in compresse da 100 mg, è indicato per il trattamento del vaiolo negli adulti, nei bambini e nei neonati. Quando la FDA ha annunciato l’approvazione, ha notato che sebbene il virus che causa il vaiolo sia stato sradicato nel 1980, si ritiene che potrebbe essere utilizzato come arma biologica in futuro.

Questo accordo si verifica anche quando i casi di vaiolo delle scimmie, che Jynneos e altri vaccini contro il vaiolo possono anche trattare, stanno comparendo in Spagna, Portogallo, Regno Unito, Canada e a macchia d’olio un po’ ovunque.

Ma voi non pensate male.

Source

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Mentre i casi di vaiolo delle scimmie crescono in tutto il mondo, i ministri del G7 si esercitano già per la prossima pandemia di “Vaiolo da Leopardo”

Read Next

La Corte Suprema tedesca stabilisce che la vaccinazione obbligatoria contro il COVID nel settore sanitario è costituzionalmente giustificata