• Aprile 20, 2024

Altri dieci giovani e sportivi tra i 16 e 21 anni sono venuti a mancare per problemi cardiaci in pochi giorni

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Problemi cardiaci che colpiscono giovani nel pieno delle forze, atleti anche già affermati. Negli ultimi giorni almeno dieci tra i 17 e i 21 anni riportati dalla cronaca.

Logan Holgate, 18 anni, che ha giocato per la Hensingham ARLC, è morto mercoledì 11 gennaio in Inghilterra. Il popolare giovane giocatore di rugby faceva anche parte della squadra England Community Lions che l’anno scorso ha sconfitto la Francia vincendo i Campionati Europei Under 19 in Italia. Una dichiarazione rilasciata dal club afferma: “È con grande tristezza che dobbiamo annunciare la scomparsa di uno dei nostri ragazzi, Logan Holgate oggi. Logan è nel club da quando era giovane e quest’anno ha giocato per la nostra prima squadra e per i minori di 18 anni. Vorremmo porgere le nostre condoglianze alla famiglia e agli amici. Siamo tutti devastati dalla notizia e continueremo a sostenere la famiglia il più possibile. Rip Logan“.
L’England Community Lions afferma: “Tutti coloro che hanno aderito all’England Community Lions Program sono stati rattristati nell’apprendere dell’improvvisa scomparsa di Logan Holgate mercoledì 11 gennaio. Il giovane talento, che ha giocato per Hensingham, anche nel melting pot della National Conference la scorsa stagione, ha seguito la tradizione di famiglia nel rappresentare i Lions, come il fratello maggiore Ellison e il fratello minore Fletcher. Logan ha attirato l’attenzione per la prima volta nel 2021 e ha fatto il suo debutto con i Lions per gli Under 16 in una vittoria sul Galles a Colwyn Bay. La sua passione per il club era tale che non passò molto tempo prima che entrasse saldamente nei piani dei selezionatori dell’Under 19, impressionando nelle prove, prima di entrare nell’ultima squadra itinerante che ha fatto la storia in Italia lo scorso settembre. Mentre era in Italia, è stato praticamente sempre presente durante l’estenuante giornata di qualificazione a sei partite, impressionando sia i compagni di squadra che lo staff con la sua etica del lavoro, l’atteggiamento e il suo umorismo pronto. Ha poi giocato in modo superbo in semifinale e di nuovo in finale quando i Lions hanno spazzato via il Galles prima di sconfiggere la Francia e vincere per la prima volta i Campionati Europei Under 19 in momenti molto emozionanti. Lascia un’eredità duratura nel programma e nello staff: un giovane brillante e compagno di squadra. Tutti i nostri pensieri e le nostre condoglianze sono con la sua famiglia e i suoi amici in questo momento devastante”.

Una ragazza di 17 anni di nome Alexandra N., studentessa della Scuola nazionale n. 2 “Erasmo Castellanos Quinto” dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM) a Città del Messico, è morta all’interno delle strutture dell’istituto ieri giovedì 12 gennaio. La studentessa si trovava in un laboratorio a fare il tirocinio quando è svenuta e ha iniziato ad avere le convulsioni, così i suoi compagni di classe hanno subito segnalato quanto stava accadendo al medico del campus, che si è recato al pronto soccorso, ma all’arrivo si è accorto che la studentessa non mostrava più segni vitali.

Jordan Brister, uno studente diciottenne dell’Amplus Academy di Las Vegas, è morto “improvvisamente e inaspettatamente a causa di un arresto cardiaco mentre era a scuola senza alcuna spiegazione sul perché”. “Nonostante gli sforzi dei primi soccorritori e del team medico dell’ospedale, Jordan è morto domenica scorsa”, ha dichiarato la Direzione di Amplus. Secondo la scuola, il personale “ha fornito a Jordan cure mediche di emergenza fino all’arrivo dei paramedici e lo ha trasportato al Southern Ospedale di Hills.»

Sempre a Las Vegas  Ahsari Hughes, una ragazza di 16 anni, è morta mentre giocava a flag football nella sua scuola, la Desert Oasis High School. La ragazza era intenta a giocare a un mix tra ruba bandiera e football americano, quando si è improvvisamente accasciata a terra senza più svegliarsi. Ashari Hughes ha avvertito un forte dolore al petto e, per questo, ha deciso di uscire un attimo dal campo per riprendersi. Ma pochi istanti dopo è crollata improvvisamente a terra tra lo stupore e la paura dei compagni di classe e dei professori. L’arresto cardiaco non le ha lasciato scampo. Inutile l’intervento dell’infermiera della scuola, Aphelia Phifer-Hill. La donna ha cercato in tutti i modi di rianimarla eseguendo le manovre del massaggio cardiaco, mentre erano in arrivo i soccorsi dell’ambulanza, ma il cuore della giovane non è più ripartito. Secondo quanto riferito dal Las Vegas Review-Journal, la donna ha poi raccontato quei drammatici momenti in un post su Facebook, attualmente non più visibile. «Oggi è stata la prima volta in assoluto per me. Nei miei 26 anni di infermiera non avevo mai eseguito la rianimazione su un minorenne», ha spiegato al web la donna. Per cercare di rianimare la 16enne è stato utilizzato un defibrillatore, ma la studentessa del secondo anno non si è mai ripresa ed è stata dichiarata deceduta, poco dopo, all’ospedale St. Rose Dominican di Henderson. 

In Irlanda, la notizia della morte di Liam Vesey domenica 8 gennaio ha sconvolto la comunità locale di Belturbet e dintorni. Liam aveva 18 anni e in precedenza frequentava il St Patrick’s College di Cavan. Ha giocato a calcio con il club GAA di Rory O’Moore di Belturbet, che gli ha reso omaggio. “Siamo tutti profondamente rattristati dalla tragica notizia che abbiamo appreso questa mattina sulla scomparsa del nostro caro amico e compagno di squadra, Liam, e in effetti una nuvola oscura incombe oggi sull’intera città e su tutta la comunità “, ha dichiarato il club in una nota. “Come club e come comunità, è importante ora più che mai che ci uniamo tutti insieme a sostegno della famiglia Vesey e l’uno dell’altro… Siamo qui per aiutare, in qualunque modo possibile”. Liam Vesey proveniva da una famiglia numerosa ben nota nella località.

Lunedì 9 gennaio è morto il 21enne Hunter Brown. In un comunicato stampa, l’Air Force Academy ha annunciato che il giovane è morto lunedì mattina mentre lasciava il suo dormitorio per andare a lezione. I soccorritori sono arrivati sul posto ma non sono riusciti a rianimare il cadetto. “Hunter era uno straordinario guardalinee offensivo nella squadra di football del Falcon ed era molto rispettato nel suo team”, ha dichiarato il tenente generale Richard M. Clark, sovrintendente dell’Accademia dell’aeronautica americana.” I nostri cuori e le nostre condoglianze sono con la sua famiglia, la sua squadra e tutti coloro che sono stati toccati da questo incredibile giovane”.
L’Accademia ha detto che Brown, un cadetto di terza classe, stava studiando management. Ha anche aiutato la loro squadra di football a vincere diverse stagioni consecutive. “I nostri giocatori, lo staff e l’intera Accademia sono stati così benedetti e fortunati ad avere Hunter come parte della nostra vita. È stata una gioia pura allenare e averlo come compagno di squadra”, ha dichiarato Troy Calhoun, capo allenatore di football dell’Accademia. “Era un duro, un grande lavoratore, e nessuno si è impegnato disinteressatamente per gli altri come Hunter. Sua madre e suo padre, Candyce e Dustin, hanno cresciuto un figlio meraviglioso che ha reso ognuno di noi una persona migliore. Amiamo il nostro grande fratello , e i nostri pensieri e le nostre preghiere sono con l’incredibile anima di Hunter e la sua famiglia”.

Nei giorni scorsi è stato reso noto il decesso di Briana Kromer, 21 anni, giovane del servizio militare degli Stati Uniti di West Penn, in Pennsylvania. E’ morta improvvisamente nella residenza del suo fidanzato a Palmerton, in Pennsylvania, mentre era in congedo. Prestava servizio a Fort Still, in Oklahoma. Secondo la famiglia, il fidanzato l’ha trovata priva di sensi in bagno sotto la doccia. I soccorsi hanno cercato di rianimarla per più di un’ora ma non sono riusciti a salvarla.

Un distretto scolastico dell’Ohio meridionale è in lutto per la morte, lunedì 9 gennaio, del diciassettenne Blaze Jacobs, deceduto dopo aver subito un arresto cardiaco durante le lezioni. “Blaze era una parte molto importante della nostra comunità scolastica”, ha scritto il preside della Western Brown High School Heather Cooper in una lettera lunedì alle famiglie del distretto. Gli screenshot della nota sono stati condivisi da diversi membri della comunità sui social media.

Il Colorado College ha annunciato, pochi giorni fa, che il tennista Jack Madison è morto nel sonno il 2 gennaio. Aveva 20 anni. Secondo il comunicato stampa della scuola, Madison era a casa al momento della sua morte.
“Siamo devastati dalla tragica scomparsa di Jack Madison”, ha dichiarato nel comunicato il vicepresidente e direttore dell’atletica leggera del Colorado College Lesley Irvine. “Jack era un membro prezioso del nostro programma di tennis maschile e la sua perdita sarà profondamente sentita in tutto il dipartimento di atletica e nella comunità del campus”.
Madison era di Bexley, Ohio, e ha frequentato la Columbus Academy dove ha vinto una borsa di studio di quattro anni. È stato nominato due volte nella prima squadra e tre volte ha ricevuto riconoscimenti della Lega. Al Colorado College, Madison non ha giocato una partita durante questa stagione a causa di un infortunio, secondo il comunicato. Tuttavia, ha giocato durante la stagione 2022 lo scorso autunno. “Il settore tennistico è profondamente rattristato dalla notizia della morte di Jack Madison”, ha dichiarato l’allenatore della squadra Anthony Weber in una nota. “Jack è stato uno degli studenti-atleti più amichevoli e rispettosi che abbiamo avuto nel nostro programma. Ci mancherà il suo altruismo e la sua influenza positiva. I nostri pensieri vanno ai suoi amici e alla sua famiglia mentre affrontano questa tragica notizia”. Uno dei suoi allenatori di Columbus, Marc Wurtzman, ha mostrato tutto il suo dolore. “Ci ha sempre fatto sorridere”, ha detto Wurtzman a The Columbus Dispatch. “Tutti adoravano Jack. I giocatori di altre squadre adoravano Jack. Jack non sarà mai dimenticato. Sarà ricordato da tutti i suoi amici, familiari e allenatori e da tutti nella comunità dell’Academy”. Jack Madison si stava preparando per la laurea in storia e giornalismo, per diventare un insegnante di storia.

Lunedì è stato comunicato il decesso dell’atleta Victoria Lee, 18 anni. La giovane statunitense, considerata uno degli astri nascenti delle arti marziali miste (MMA), è deceduta improvvisamente lo scorso 26 dicembre. Nata alle Hawaii nel 2004, Victoria era la sorella di altri due campioni di MMA, Christian e Angela Lee. Quest’ultima ha annunciato la morte della 18enne con uno straziante post su Instagram: «Il 26 dicembre 2022, la nostra famiglia ha vissuto qualcosa che nessuna famiglia dovrebbe mai affrontare… È incredibilmente difficile dirlo… La nostra Victoria è morta». Continua Angela Lee: «Se ne è andata troppo presto e da allora la nostra famiglia è stata completamente devastata. Ci manca. Più di ogni altra cosa in questo mondo. La nostra famiglia non sarà più la stessa. La vita non sarà più la stessa». Victoria Lee combatteva nella One Championship, una società di promozione MMA. A gennaio avrebbe dovuto disputare il suo quarto incontro, dopo aver vinto i primi tre. La giovane aveva seguito le orme dei fartelli Angela e Christian, due dei migliori combattenti di One Championship. Angela è una campionessa femminile dei pesi atomici e Christian è un doppio campione, avendo vinto titoli leggeri e welter nel 2022. La causa del decesso di Victoria non è stata resa nota.

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Infarto del miocardio stamattina a scuola. Insegnante trasferita al Policlinico

Read Next

URGENTE: il 17 percento degli adolescenti ha avuto sintomi cardiaci dopo la seconda. Nuovo documento peer-reviewed

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock