• Dicembre 4, 2022

Aumento del 17.500% delle malattie cardiache nei bambini. Evento raro dicono…

Il numero di danni e decessi registrati nel database del governo degli Stati Uniti del Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) a seguito dei vaccini COVID-19 ha ora raggiunto 1,2 milioni di casi a partire dall’ultimo aggiornamento di venerdì 1 aprile.

Al contrario, ci sono 930.952 casi di danni e decessi a seguito di tutti gli altri vaccini negli ultimi 30 anni prima che ai vaccini COVID-19 fossero rilasciate autorizzazioni all’uso di emergenza nel dicembre del 2020. (Fonte.)

Quando si prende la media mensile dei casi presentati in VAERS dopo tutti i vaccini per i precedenti 30 anni (360 mesi – 2.586 casi al mese) e la si confronta con la media mensile dei casi registrati dopo i vaccini COVID-19 negli ultimi 15 mesi (80.384 casi al mese), si riscontra un aumento del 3.008%.

Malattie cardiache che esplodono nei bambini a seguito di vaccini COVID-19

Il CDC ammette che i vaccini COVID-19 stanno causando malattie cardiache nei giovani, ma affermano che questi casi siano “rari” e quindi continuano a raccomandare i vaccini per i bambini, i produttori di vaccini stanno ora presentando una richiesta alla FDA per ottenere l’autorizzazione all’uso di emergenza di vaccini COVID-19 per i bambini di età inferiore ai 5 anni.

Miocardite e pericardite dopo la vaccinazione COVID-19 sono rare. La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco e la pericardite è un’infiammazione del rivestimento esterno del cuore. La maggior parte dei pazienti con miocardite o pericardite dopo la vaccinazione COVID-19 ha risposto bene alla medicina e al riposo e si è rimessa rapidamente. Al 24 marzo 2022, VAERS ha ricevuto 2.323 segnalazioni preliminari di miocardite o pericardite tra le persone di età pari o inferiore a 30 anni che hanno ricevuto vaccini COVID-19.

La maggior parte dei casi sono stati segnalati dopo aver ricevuto Pfizer-BioNTech o Moderna, (vaccini mRNA COVID-19) in particolare negli adolescenti maschi e nei giovani adulti. (Fonte.)

Quindi “controlliamo i fatti” le affermazioni del CDC secondo cui questi casi di malattie cardiache nei giovani siano “rari” utilizzando i loro dati.

Prima di tutto, il CDC riferisce solo su 2 tipi di malattie cardiache: miocardite e pericardite.

Cercheremo TUTTI i casi di “problemi cardiaci” e, dal momento che vogliono iniziare a iniettare bambini con questi vaccini, includeremo solo bambini di età inferiore ai 18 anni nella nostra ricerca di VAERS.

Tale ricerca produce 1.261 casi di malattie cardiache in bambini di età inferiore ai 18 anni negli ultimi 15 mesi, ossia da quando i vaccini COVID-19 hanno ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza. (Fonte.)

Al contrario, quando conduciamo la stessa identica ricerca per tutti i vaccini non COVID per questa stessa fascia di età per i precedenti 30+ anni, otteniamo un risultato di 172 casi. (Fonte.)

Quando si guardano le medie mensili per i casi di problemi cardiaci a seguito di vaccini, vediamo un aumento del 17.495% dei casi segnalati di malattie cardiache nei bambini a seguito dei vaccini COVID-19.

Come può essere considerato un evento “raro”?

Source

eVenti Avversi

Read Previous

Quando arriverà la vera e propria sanzione pecuniaria agli over 50?

Read Next

Geert Vanden Bossche-Le terribili previsioni sull’evoluzione della Pandemia Covid 19