• Settembre 26, 2022

Bill Gates orgoglioso dei primi “vaccini mRNA”, ora presenta il piano per lo sviluppo, la produzione e la somministrazione di vaccini super fast …per la prossima volta

Primo obiettivo? Eliminare la riluttanza.

Bill Gates nel suo blog si autoincensa: ” La più grande svolta medica di questa pandemia – e sicuramente una delle più importanti degli ultimi decenni – è la creazione di vaccini COVID-19. Uno studio ha rilevato che nel loro primo anno, hanno salvato più di 1 milione di vite e impedito 10 milioni di ricoveri solo negli Stati Uniti. Il numero di morti evitate in tutto il mondo è ovviamente molto più alto. È orribile pensare a cosa farebbe COVID-19 all’umanità se non fosse per i vaccini scrive nell’aticolo che ha intitolato ” VACCINARE IL MONDO IN SEI MESI”.

Orgoglioso del risultato ottenuto, ha già stilato un piano molto dettagliato per la prossima pandemia che si sviluppa essenzialmente in 4 fasi a partire dall’accelerazione dell’invenzione di nuovi vaccini, vediamo nel dettaglio:

“Durante la pandemia, il processo di creazione di un nuovo vaccino ha avuto un enorme impulso (nessun gioco di parole). In genere, il processo comporta molti tentativi ed errori: gli scienziati trascorrono anni a identificare i punti deboli del virus e a cercare di identificare i candidati vaccini che insegnerebbero al sistema immunitario ad attaccarli.

La creazione dei primi vaccini a mRNA durante la pandemia di COVID-19 è stato un grande passo avanti. Funzionano fornendo codice genetico al tuo corpo che lo istruisce a creare forme che assomigliano alla parte debole del virus. Il tuo sistema immunitario nota che quelle forme sono estranee e si propone di attaccarle. Una volta che lo fa, ricorda come apparivano le forme e le attaccherà la prossima volta che si presenteranno. Questo è ciò che ti rende immune.

Uno dei motivi per cui i vaccini a mRNA erano così rivoluzionari è che sono facilmente adattabili a diversi agenti patogeni. Una volta identificato il punto debole di un virus – un processo reso molto più facile dai recenti progressi nella mappatura dei genomi virali – si tratta semplicemente di cambiare il codice genetico nel vaccino in modo che dica al tuo corpo di creare una nuova forma. Questo può essere fatto in pochi giorni.

Di conseguenza, lo sviluppo di nuovi vaccini sarà esponenzialmente più veloce, a condizione che i ricercatori abbiano la stessa profonda comprensione dei futuri agenti patogeni come hanno fatto con i coronavirus. Quindi è imperativo investire nella ricerca di base su una gamma più ampia di virus noti e altri agenti patogeni, in modo da capire il più possibile prima della prossima epidemia.

Una volta che un vaccino è stato inventato, il secondo passo è testarlo e farlo approvare per l’uso negli esseri umani. In genere, ci vogliono anni per eseguire tutti gli studi necessari per dimostrare che un vaccino è sicuro ed efficace, incluso il tempo trascorso a reclutare decine di migliaia di volontari. Supponendo che il vaccino si dimostri, può essere necessario un altro anno per ottenerlo autorizzato dall’OMS e dalle agenzie governative competenti.

Ma quando un’epidemia minaccia di diventare globale, non avremo anni. Quindi abbiamo bisogno di modi per accelerare il processo senza sacrificare la sicurezza e l’efficacia che le persone si aspettano dai vaccini.

Il mondo dovrebbe basarsi su modelli come il processo RECOVERY nel Regno Unito. Ha istituito protocolli per l’esecuzione di sperimentazioni farmacologiche in anticipo e ha costruito un’infrastruttura che ha reso molto più facile iniziare una volta che COVID ha colpito. Inoltre, le agenzie che regolano i vaccini devono concordare in anticipo su come i volontari saranno arruolati nelle sperimentazioni e sugli strumenti software che consentiranno alle persone di tutto il mondo di iscriversi non appena la malattia colpisce. E collegando i test diagnostici al sistema di sperimentazione, possiamo suggerire automaticamente ai medici che i loro pazienti dovrebbero partecipare a uno studio se sono idonei.

Il terzo passo, una volta che un vaccino è stato approvato per l’uso negli esseri umani, è quello di produrne abbastanza velocemente da fermare l’epidemia. Porre fine a un’epidemia relativamente piccola potrebbe richiedere centinaia di migliaia di dosi di un nuovo vaccino, che non è difficile da fare. (Il mondo produce già più di 5 miliardi di dosi di vaccini ogni anno.) Ma i paesi devono essere preparati al peggio – un’altra grande epidemia in cui tutti devono essere vaccinati – quindi dobbiamo essere pronti a produrre fino a 8 miliardi o addirittura 16 miliardi, circa il triplo della quantità prodotta in un anno tipico.

Durante COVID-19, la cosa più vicina a una svolta nella produzione di vaccini è stata la proliferazione di accordi di seconda fonte. Si tratta di accordi in cui un’azienda che ha inventato un vaccino accetta di lasciare che altre aziende utilizzino le loro fabbriche per realizzarlo. (Immagina Honda Accords che esce dalla linea di una struttura Ford.)

È difficile sopravvalutare l’impatto delle offerte di seconda fonte durante COVID-19. In meno di due anni, un singolo produttore, AstraZeneca, ha firmato accordi di seconda fonte che coinvolgono 25 fabbriche in 15 paesi. (L’AZ ha anche accettato di rinunciare ai suoi profitti sul vaccino COVID.) Novavax ne ha anche firmato uno con il Serum Institute of India, portando a un vaccino COVID-19 ora in uso in molti paesi, e Johnson & Johnson ne ha firmato uno con la società indiana Biological E. Limited e la società sudafricana Aspen Pharmacare. Tutto sommato, gli accordi di seconda fonte hanno portato alla produzione di miliardi di dosi aggiuntive di vaccino COVID.

In futuro, tali accordi potrebbero essere fatti ancora più velocemente se le aziende che li hanno ora possono mantenere le loro relazioni tra loro in modo che possano iniziare a correre durante la prossima epidemia.

I vaccini a mRNA possono aiutare ad accelerare la produzione. Molti dei modi convenzionali per produrre vaccini sono piuttosto complessi, quindi può essere necessario molto tempo per trasferire la tecnologia e il know-how da un’azienda all’altra. Ma poiché l’approccio di base all’mRNA è praticamente lo stesso: basta sostituire il vecchio mRNA con quello nuovo e assicurarsi che il lipide sia fatto nel modo giusto, dovrebbe essere più facile da trasferire tra le aziende. Ci sono anche alcune nuove tecnologie modulari in cantiere che, se si dimostreranno, renderanno più economico e più facile costruire e gestire fabbriche che possono essere adattate per produrre diversi vaccini.

Infine, il quarto passo nel piano mondiale dovrebbe essere quello di assicurarsi che i nuovi vaccini raggiungano tutti coloro che ne hanno bisogno, comprese le persone che vivono in paesi a basso reddito. Nel 2021, solo l’8% delle persone in quei paesi ha ricevuto almeno una dose di un vaccino COVID-19, mentre più della metà della popolazione mondiale lo ha fatto.

Quindi, come può il mondo assicurarsi che ciò non accada in future epidemie?

Una chiave è affrontare il problema dell’esitazione vaccinale.

Guarda questo video su come, affrontando voci e miti, una comunità in India ha aumentato il suo tasso di vaccinazione COVID-19 di un fattore cinque e ha creato un modello che altre comunità stanno ora adottando:

Un’altra chiave è assicurarsi che sia possibile produrre abbastanza vaccini che la fornitura non sia un fattore limitante, come è stato durante gran parte del 2021. Un altro è assicurarsi che i vaccini siano accessibili per ogni paese. Organizzazioni come COVAX hanno aiutato con questo durante COVID-19. Aiuta anche a lavorare con i produttori nei paesi in via di sviluppo per progettare nuovi vaccini che sono molto più economici da produrre rispetto a quelli esistenti. È così che il prezzo del vaccino pentavalente, che protegge da cinque malattie debilitanti e mortali, è sceso da $ 3,50 per dose a meno di $ 1 a dose, che a sua volta ha permesso al numero di bambini che lo ottengono ogni anno di aumentare di oltre 16 volte dal 2005.

Ci sono anche molte innovazioni che rendono più facile la somministrazione di vaccini. Ad esempio, le siringhe con disabilitazione automatica hanno un meccanismo di sicurezza integrato in modo che gli operatori sanitari non possano accidentalmente colpirsi o usarle più di una volta. I nuovi refrigeratori possono mantenere i vaccini alla giusta temperatura più a lungo. Anche i metodi avanzati per la somministrazione di vaccini, come la sostituzione dell’ago e della siringa con un piccolo cerotto contenente micro-aghi – immagina qualcosa che assomiglia superficialmente ai cerotti alla nicotina che le persone usano per smettere di fumare – aiuteranno.

Con questi progressi, sarà possibile ottenere qualcosa di sorprendente oltre la prevenzione delle pandemie: sradicare intere famiglie di agenti patogeni. Il mondo potrebbe liberarsi di tutti i coronavirus, ad esempio, o anche di tutti i virus influenzali. Vale la pena investire in un futuro senza pandemie e senza influenza.

Guarda il video:

“Vale la pena di investire” dice, e su questo non abbiamo dubbi.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Sono 8 le morti improvvise nelle ultime ore. Il più giovane era un infermiere di 35 anni, il più anziano un medico di 59 anni

Read Next

Dottoressa Naomi Wolf sulla valutazione dei documenti segreti Pfizer: “Annuncio di un genocidio”