• Gennaio 27, 2023

Doctors for COVID Ethics sui vaccini: prove inconfutabili del loro ruolo causale nei decessi dopo la vaccinazione

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Di Sucharit Bhakdi, MD e Arne Burkhardt, MD

Questo testo è un riassunto scritto delle presentazioni del Dr. Bhakdi e del Dr. Burkhardt al simposio Doctors for COVID Ethics che è stato trasmesso in diretta streaming da UKColumn il 10 dicembre, 2021. Le due presentazioni possono essere visualizzate all’inizio della registrazione video del simposio.

Gli autori

Il Dr. Bhakdi ha trascorso la sua vita praticando, insegnando e ricercando microbiologia medica e malattie infettive. Ha presieduto l’Istituto di microbiologia medica e igiene presso l’Università Johannes Gutenberg di Magonza, in Germania, dal 1990 fino al suo pensionamento nel 2012. Ha pubblicato oltre 300 articoli di ricerca nei campi dell’immunologia, della batteriologia, della virologia e della parassitologia, e ha servito dal 1990 al 2012 come redattore capo di Medical Microbiology and Immunology, una delle prime riviste scientifiche di questo campo fondata da Robert Koch nel 1887.

Il Dr. Arne Burkhardt è un patologo che ha insegnato presso le Università di Amburgo, Berna e Tubinga. È stato invitato per visiting professorship/visite di studio in Giappone (Nihon University), Stati Uniti (Brookhaven National Institute), Corea, Svezia, Malesia e Turchia. Ha diretto l’Istituto di Patologia di Reutlingen per 18 anni. Successivamente, ha lavorato come patologo praticante indipendente con contratti di consulenza con laboratori negli Stati Uniti. Burkhardt ha pubblicato più di 150 articoli scientifici su riviste scientifiche tedesche e internazionali, nonché contributi a manuali in tedesco, inglese e giapponese. Nel corso di molti anni ha verificato e certificato istituti di patologia in Germania.

Le prove

“Presentiamo qui prove scientifiche che richiedono l’arresto immediato dell’uso di vaccini COVID-19 basati su geni. Per prima cosa spieghiamo perché gli agenti non possono proteggere dalle infezioni virali. Mentre non ci si possono aspettare effetti positivi, dimostriamo che i vaccini possono innescare processi autodistruttivi che portano a malattie debilitanti e morte”.

Perché i vaccini non possono proteggere dalle infezioni

“Un errore fondamentale alla base dello sviluppo dei vaccini COVID-19 è stato quello di trascurare la distinzione funzionale tra le due principali categorie di anticorpi che l’organismo produce per proteggersi dai microbi patogeni.

La prima categoria (IgA secretoria) è prodotta da cellule immunitarie (linfociti) che si trovano direttamente sotto le mucose che rivestono il tratto respiratorio e intestinale. Gli anticorpi prodotti da questi linfociti sono secreti attraverso e verso la superficie delle mucose. Questi anticorpi sono quindi sul posto per incontrare i virus trasportati dall’aria e possono essere in grado di prevenire il legame virale e l’infezione delle cellule.

La seconda categoria di anticorpi (IgG e IgA circolanti) si verificano nel flusso sanguigno. Questi anticorpi proteggono gli organi interni del corpo dagli agenti infettivi che cercano di diffondersi attraverso il flusso sanguigno.

I vaccini che vengono iniettati nel muscolo – cioè l’interno del corpo – indurranno solo IgG e IgA circolanti, non IgA secretorie. Tali anticorpi non possono e non proteggeranno efficacemente le mucose dall’infezione da SARS-CoV-2. Pertanto, le “infezioni rivoluzionarie” attualmente osservate tra gli individui vaccinati confermano semplicemente i difetti di progettazione fondamentali dei vaccini. Le misurazioni degli anticorpi nel sangue non possono mai fornire alcuna informazione sul vero stato dell’immunità contro l’infezione delle vie respiratorie.

L’incapacità degli anticorpi indotti dal vaccino di prevenire le infezioni da coronavirus è stata riportata in recenti pubblicazioni scientifiche”.

I vaccini possono innescare l’autodistruzione

Un’infezione naturale da SARS-CoV-2 (coronavirus) nella maggior parte degli individui rimarrà localizzata alle vie respiratorie. Al contrario, i vaccini fanno sì che le cellule in profondità all’interno del nostro corpo esprimano la proteina spike virale, cose che non sono mai state pensate per natura. Qualsiasi cellula che esprima questo antigene estraneo sarà attaccata dal sistema immunitario, che coinvolgerà sia gli anticorpi IgG che i linfociti T citotossici. Ciò può verificarsi in qualsiasi organo. Stiamo vedendo ora che il cuore è colpito in molti giovani, portando a miocardite o addirittura arresto cardiaco improvviso e morte. Come e perché tali tragedie potevano essere causalmente collegate alla vaccinazione è rimasta una questione di congetture perché mancavano prove scientifiche. Questa situazione è stata ora rettificata”.

Studi istopatologici: i pazienti

Analisi istopatologiche sono state eseguite sugli organi di 15 persone decedute dopo la vaccinazione. L’età, il sesso, il libretto di vaccinazione e l’ora della morte dopo l’iniezione di ciascun paziente sono elencati nella tabella a seguire. I seguenti punti sono della massima importanza:

  • Prima della morte, solo 4 dei 15 pazienti erano stati trattati in terapia intensiva per più di 2 giorni. La maggior parte non è mai stata ricoverata in ospedale ed è morta a casa (5), per strada (1), al lavoro (1), in auto (1) o in strutture di assistenza domiciliare (1). Pertanto, nella maggior parte dei casi, è improbabile che l’intervento terapeutico abbia influenzato in modo significativo i risultati post-mortem.
  • Non un solo decesso è stato portato in una possibile associazione con la vaccinazione dal medico legale o dal pubblico ministero; questa associazione è stata stabilita solo dai risultati dell’autopsia.
  • I post-mortem convenzionali inizialmente eseguiti non hanno anche scoperto indizi evidenti di un possibile ruolo della vaccinazione, poiché l’aspetto macroscopico degli organi era complessivamente insignificante. Nella maggior parte dei casi, “insufficienza cardiaca ritmica” è stata postulata come causa di morte.

Ma le nostre successive analisi istopatologiche hanno poi portato a una completa inversione di tendenza. Segue una sintesi dei risultati fondamentali”.

Caso #GenereEtà (anni)Vaccino (iniezioni)Ora della morte dopo l’ultima iniezione
1femmina82Moderna (1. e 2.)37 giorni
2maschio72Pfizer (1.)31 giorni
3femmina95Moderna (1. e 2.)68 giorni
4femmina73Pfizer (1.)sconosciuto
5maschio54Janssen (1.)65 giorni
6femmina55Pfizer (1. e 2.)11 giorni
7maschio56Pfizer (1. e 2.)8 giorni
8maschio80Pfizer (1. e 2.)37 giorni
9femmina89Sconosciuto (1. e 2.)6 mesi
10femmina81Sconosciuto (1. e 2.)sconosciuto
11maschio64AstraZeneca (1. e 2.)7 giorni
12femmina71Pfizer (1. e 2.)20 giorni
13maschio28AstraZeneca (1.), Pfizer (2.)4 settimane
14maschio78Pfizer (1. e 2.)65 giorni
15femmina60Pfizer (1.)23 giorni

Studi istopatologici: risultati

Reperti istopatologici di natura simile sono stati rilevati in organi di 14 dei 15 deceduti. Più frequentemente afflitti sono stati il cuore (14 casi su 15) e il polmone (13 casi su 15). Alterazioni patologiche sono state inoltre osservate nel fegato (2 casi), nella tiroide (tiroidite di Hashimoto, 2 casi), nelle ghiandole salivari (sindrome di Sjögren; 2 casi) e nel cervello (2 casi).

Una serie di aspetti salienti dominati in tutti i tessuti colpiti di tutti i casi:

  1. eventi infiammatori nei piccoli vasi sanguigni (endotelite), caratterizzati da un’abbondanza di linfociti T e cellule endoteliali morte sequestrate all’interno del lume del vaso;
  2. l’ampio accumulo perivascolare di linfociti T;
  3. una massiccia infiltrazione linfocitica di organi o tessuti non linfatici circostanti con linfociti T.

L’infiltrazione linfocitica si è verificata occasionalmente in combinazione con un’intensa attivazione linfocitica e la formazione di follicoli. Dove questi erano presenti, di solito erano accompagnati da distruzione dei tessuti.

Questa combinazione di patologia multifocale dominata dai linfociti T che riflette chiaramente il processo di auto-attacco immunologico è senza precedenti. Poiché la vaccinazione era l’unico denominatore comune tra tutti i casi, non ci può essere dubbio che sia stato il fattore scatenante dell’autodistruzione in questi individui deceduti“.

Conclusione

L’analisi istopatologica mostra una chiara evidenza di patologia autoimmune simile indotta dal vaccino in più organi. Che una miriade di eventi avversi derivanti da tali processi di attacco automatico si verifichino molto frequentemente in tutti gli individui, in particolare dopo le iniezioni di richiamo, è evidente.

Al di là di ogni dubbio, l’iniezione di vaccini COVID-19 basati su geni pone la vita sotto minaccia di malattia e morte. Notiamo che sia l’mRNA che i vaccini basati su vettori sono rappresentati tra questi casi, così come tutti e quattro i principali produttori”.

Source

SCARICA IL PDF

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Gravità delle reinfezioni da SARS-CoV-2 rispetto alle infezioni primarie – STUDIO

Read Next

La National Football League cura i suoi atleti con l’Ivermectina, le dichiarazioni della superstar Aaron Rodgers

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock