• Dicembre 6, 2022

Giovane calciatore con pericardite dopo la prima dose di Pfizer

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il giovane calciatore australiano, il 27 enne Lochlan Reus, in un lungo post su instagram, trova il coraggio di denunciare il calvario che vive ormai da più di due mesi, successivo alla somministrazione della prima dose di vaccino Pfizer.

“Non sono un anti vax e non lo sono mai stato”, esordisce, “Ho aspettato di condividere la mia storia e con il giusto sostegno di amici e familiari ho finalmente deciso di farlo”.

“Nella foto a destra sono io che gioco a calcio un paio di settimane prima di ottenere la mia prima dose di Pfizer e la foto a sinistra sempre io la sera, dopo averla ricevuta.

Mi sento solo, sto soffrendo e mi sento abbastanza sconfitto.

Condivido la mia storia, sperando di aiutare gli altri a non sentirsi così soli. Per portare consapevolezza che tutto questo può accadere ed è reale.

Succede e di certo non è più un evento raro.

Lo condivido così forse ci penserete due volte prima di litigare con quell’amico o quel familiare a causa delle loro scelte personali, dovreste approfondire prima di giudicare…

Questa è la mia storia:

10 ore dopo la prima dose, ho iniziato ad accusare un po’ di dolore al petto, sul lato sinistro. Ho pensato che non fosse nulla di preoccupante. Pochi minuti dopo è sparito, ma poi è ritornato. Questo per circa 15 minuti e poi il dolore che sembrava essere passato completamente, si è ripresentato sotto l’ascella ed è sceso alle costole, sempre sul lato sinistro.

Dopo aver consultato l’infermiere di turno, mi è stato consigliato di recarmi subito in ospedale.

Durante il tragitto ho iniziato ad avere una sensazione palpitante nel petto e ho iniziato a sentire il battito del mio cuore molto leggero, quasi come se potessi a malapena sentirlo.

Siamo arrivati al pronto soccorso e abbiamo fatto il check in ospedale, dove 2 infermiere mi hanno subito assicurato che non era una reazione al vaccino e sono state molto insistenti su questo.

(Vi risparmio le incresciose vicende che ho affrontato in ospedale), alla fine un medico mi ha riferito, dopo aver eseguito molti esami, che sto avendo un forte infarto o una reazione al vaccino.

Dopo molte ore mi è stata diagnosticata la pericardite ( direttamente correlata al vaccino).

Ho trascorso il mese successivo senza energia, forza e dolori al petto, oltre a non poter fare nessuno sforzo fisico.

Sono passati 2,5 mesi e ho ancora dolori al petto”.

Lochlan Reus su Instagram: “NOTE – I’m not an anti vax and never have been. – I’ve waited to share my story and with a fair amount of support of friends and family…”

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il CEO di Pfizer avverte che il nuovo vaccino contro la nuova variante B.1.1.529 potrebbe richiedere 100 giorni

Read Next

Perizia accerta che Michelle Barlow è morta a causa del vaccino. L’ospedale aveva erroneamente diagnosticato una gastroenterite

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock