• Dicembre 9, 2022

I vaccini mRNA possono alterare l’intelligenza?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Di The Conservative Woman

È davvero scioccante vedere come i professionisti della salute (apparentemente sani di mente) ignorino i risultati delle ricerche e come i politici si rifiutino di incontrare e discutere le preoccupazioni con gli elettori.

Mi chiedo…c’è qualche ragione valida per supporre che ricevere un vaccino a mRNA degradi la capacità decisionale, etica o empatica? Mi rendo perfettamente conto che sarò pesantemente criticata, ma credo che questa sia una domanda scientifica valida da porre.

Molti di voi saranno a conoscenza di una ricerca recentemente pubblicata dalla Svezia che ha scoperto che le sequenze genetiche dei vaccini a mRNA possono integrarsi nelle cellule del fegato in vitro.

Questo studio si basa su ricerche precedenti e indica i percorsi per l’interferenza genetica causata dai vaccini Covid. Ad esempio, presenta un possibile meccanismo per spiegare i casi di malattia epatica autoimmune osservati dopo la vaccinazione Covid-19.

Lo spiega bene questo video di YouTube.

Da questo video avrete un’idea di quanto poco sappiamo sui possibili effetti collaterali dei vaccini a mRNA e su come i rischi vengano casualmente respinti.

È importante sottolineare che nessuno conosce perfettamente la relazione tra le funzioni umane superiori e la genetica. Il noto ruolo integrativo che la coscienza svolge in fisica, biologia e in tutte le fasi della vita è stato ignorato per oltre un secolo a favore di una visione generalmente meccanicistica o riduzionista della vita e dell’universo. Non è più plausibile o realistico trascurare il ruolo chiave della coscienza. È tempo di reinterpretare i risultati sperimentali e i modelli teorici.

È inconcepibile che la molecola di DNA non sia connessa con la coscienza. Il DNA si trova al centro della cellula. Senza perdere la sua struttura o integrità riesce a produrre e dirigere l’attività frenetica di milioni di proteine e altri componenti cellulari che si precipitano all’interno della membrana cellulare. Il sistema che il DNA ha istituito e controlla è in grado di garantire che il danno a se stesso sia più o meno istantaneamente riparato dopo le innumerevoli collisioni e danni ossidativi che subisce. Dirige anche la specializzazione delle singole cellule per intraprendere miliardi di compiti individuali all’interno del corpo umano. Cellule del fegato, cellule nervose, cellule cerebrali, cellule renali, cellule riproduttive, cellule polmonari, cellule cardiache e così via. È indubbio che il DNA deve farlo in costante comunicazione con trilioni di altre molecole di DNA in altre cellule. Il DNA è al centro di una rete o di un campo di intelligenza che ha il segno distintivo della coscienza: un funzionamento intelligente e autoreferenziale.

È ormai risaputo che le cellule abbiano memoria. I trapiantati, in particolare i riceventi di cuore, possono acquisire i ricordi e i comportamenti dei loro donatori. (Joshi, S. Trasferimento di memoria nei riceventi di trapianto di organi, Namah Journal 19(1) 2011). Questi cambiamenti possono estendersi in alcuni casi a cambiamenti di personalità più profondi. È anche noto che le cellule prendano decisioni intelligenti indipendentemente dai comandi del cervello. Decisioni che non sono solo programmate automaticamente, ma sono apparentemente nuove risposte a minacce insolite. Queste risposte indicano una rete di coscienza al lavoro con le singole cellule come nodi di comunicazione della rete.

Nuovi nodi inseriti nella rete cellulare si integrano con il funzionamento totale dell’organismo e cambiano il comportamento della rete.

Eppure questa è più di una rete di singoli elementi nella comunicazione. L’individuo umano – fisiologia, biologia, neurologia, psicologia – è un’entità integrata nel suo stesso funzionamento nel suo stesso insieme. Il tutto è più della somma delle sue parti. Il segno distintivo di questa entità olistica è il funzionamento della coscienza intelligente. Esiste una relazione di interazione reciproca tra la coscienza della cellula e la coscienza dell’individuo. Ogni cellula influenza il valore olistico dell’individuo ed è a sua volta influenzata dal valore olistico della coscienza. Ogni cellula risponde istantaneamente alla coscienza dell’individuo e alimenta informazioni e risposte alla coscienza olistica dell’individuo. Registriamo istantaneamente anche la più piccola puntura di spillo.

Non è al di là del pensiero razionale proporre che se le sequenze genetiche si integrano in molte componenti cellulari della fisiologia, possano influenzare gli stati mentali. Un’interruzione su larga scala del DNA potrebbe essere il risultato della vaccinazione con mRNA ed è già stata proposta da alcuni come possibilità. Nessuno sa davvero come emergano funzioni umane superiori come le valutazioni di equità, né come possano essere alterate.

Comprendiamo che gli animali non hanno lo stesso raffinato giudizio riflessivo, sfumato e morale che abbiamo noi, sono in gran parte istintivi. Gli animali condividono una grande quantità di DNA con noi stessi, ma in qualche modo gli esseri umani hanno il libero arbitrio e nessuno sa come questo miracolo sia raggiunto dalla nostra genetica. Sappiamo già che gli esperimenti di terapia genica sugli animali spesso vanno terribilmente male.

La capacità altamente sviluppata e apprezzata degli esseri umani per la creatività, la moralità e l’empatia è qualcosa che può essere messo a rischio dalla manipolazione genetica?

Nessuno si pone questa domanda, perché la complessità della funzione genetica è al di là della scienza attuale. Eppure alcuni scienziati si sentono sicuri nell’interferire con milioni di anni di evoluzione. Questa strana spavalderia è completamente in contrasto con la sperimentazione passata che ha avuto risultati disastrosi. Ora viene imposto a tutta la popolazione senza uno scrupolo morale.

Alcuni propongono che questa sia una forma di ipnosi di massa o altri che la nostra paura della malattia venga abilmente sfruttata.

Molti hanno amici intimi o parenti che sono diventati improvvisamente pieni di rabbia e livore, pronti a tagliare tutti i legami affettivi.

I ricercatori dell’Università di Aarhus in Danimarca hanno esaminato gli atteggiamenti in 21 paesi e hanno scoperto che le persone vaccinate disprezzano coloro che si rifiutano di ricevere il vaccino, ma non è vero il contrario. I ricercatori hanno scoperto che le persone vaccinate hanno “inferenze stereotipate sul fatto che gli individui non vaccinati siano inaffidabili e non intelligenti, rendendo l’antipatia simile al pregiudizio nei confronti di altri gruppi devianti”.

Questi atteggiamenti estremi sono stati causati dalla propaganda dei governi e dei media mainstream, o sono guidati da una perdita di prospettiva cognitiva? Il presidente Macron dice di voler “far incazzare i non vaccinati“, Justin Trudeau si riferisce ai manifestanti come “occupanti spazio” e aggiunge “tolleriamo queste persone?”, e Jacinda Ardern sostiene che “i non vaccinati non meritano di svolgere attività quotidiane”.

Stanno esprimendo sentimenti politici attentamente ponderati o il loro giudizio è stato compromesso e le loro emozioni infiammate? Il loro rifiuto di discutere apertamente questioni scientifiche, è un segno di pensiero immaturo? Sono tornati a una visione più primitiva e timorosa di quella che professavano due anni fa, e perché dovrebbero farlo?

È certamente vero che i biologi evoluzionisti sostengono che l’aumento della sofisticazione genetica ha portato a capacità umane più elevate. Quindi possiamo anche perderle attraverso la sperimentazione genetica?

Stiamo assistendo a un mondo che rischia una guerra le cui peggiori conseguenze sono quasi impensabili: l’annientamento nucleare e il mondo intero è andato dritto verso un conflitto impetuoso. Forse il giudizio di alcuni politici è stato degradato al punto che la frustrazione, la rabbia e i deliri irrazionali di potere sono sufficienti per ignorare qualsiasi considerazione di estinzione umana.

Potremmo non scoprirlo mai fino a quando non avremo superato il punto di non ritorno, ma la domanda è: se la nostra intelligenza è intimamente legata al nostro DNA, può essere degradata da vaccini basati sui geni?

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Verso l’abolizione delle sospensioni per i non vaccinati. Anche il Presidente del Tar Veneto rileva l’illegittimità e ripristina lo stipendio a tre poliziotti non vaccinati sospesi. IL TESTO DEI TRE DECRETI DEL 4 MARZO

Read Next

I vaccinati disprezzano i non vaccinati – ma non è vero il contrario. Primo STUDIO

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock