• Febbraio 9, 2023

Il richiamo può RIDURRE la protezione contro la reinfezione da omicron, secondo i risultati del nuovo studio. La ragione? IMPRINTING IMMUNITARIO: leggi perché

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Un richiamo di COVID-19, in particolare una terza dose di vaccino, può abbassare la protezione contro una nuova infezione con la variante omicron per alcune persone – e c’è un motivo, secondo i nuovi risultati.

Al contrario, due dosi di vaccino, seguite da un’infezione iniziale da omicron, possono proteggere maggiormente da una seconda infezione da omicron rispetto a un ulteriore vaccino, secondo uno studio preprint pubblicato il 1° novembre su medRxiv, un server gestito da Yale, BMJ e Cold Spring Harbor Laboratory. I ricercatori hanno concluso che ciò è dovuto a una reazione specifica del sistema immunitario.

Ecco cosa significano le scoperte.

Se si è stati infettati da Omicron in qualsiasi momento, una terza dose di vaccino raddoppia il rischio di reinfezione rispetto a 2 sole dosi, ha scritto su Twitter il dottor Daniele Focosi, specializzato in ematologia e operante presso l’Ospedale Universitario di Pisa, in risposta ai risultati.

“Incredibile imprinting immunitario all’opera”. Lo studio indica l’imprinting immunitario come il motivo per cui la vaccinazione a tre dosi è stata associata a una protezione ridotta rispetto a quella della vaccinazione a due dosi”.

“Se sei stato infettato da Omicron in qualsiasi momento, una terza dose di vaccino raddoppia effettivamente il rischio di reinfezione rispetto alle sole 2 dosi. Incredibile imprinting immunitario al lavoro”.

Ma cos’è esattamente l’imprinting immunitario?

Ne avevamo parlato QUI:

IMPRINTING IMMUNITARIO: ecco perché le inoculazioni non proteggono – eVenti Avversi (eventiavversinews.it)

Fortune lo spiega come “un fenomeno in cui un’esposizione iniziale a un virus – ad esempio il ceppo originale di COVID, tramite infezione o vaccinazione – limita la futura risposta immunitaria di una persona contro le nuove varianti”

Gli autori di uno studio del Qatar scrivono che hanno cercato di indagare il “fenomeno” analizzando i dati COVID-19 registrati nei database nazionali del Paese durante l’inizio dell’ondata omicron, dal 19 dicembre al 15 settembre. Lo studio ha rilevato che i partecipanti che avevano ricevuto tre dosi di vaccino e che erano stati precedentemente infettati da una sottovariante omicron, hanno registrato un maggior numero di reinfezioni rispetto ai partecipanti che avevano ricevuto solo due dosi.

Questo risultato suggerisce che la risposta immunitaria contro l’infezione primaria da omicron è stata compromessa da un IMPRINTING IMMUNITARIO differenziale in coloro che hanno ricevuto una terza dose di richiamo, in linea con i dati emergenti della scienza di laboratorio“, hanno scritto gli autori.

I ricercatori notano che nessuna delle reinfezioni dei partecipanti era grave, il che “non è inaspettato data la minore gravità delle infezioni da omicron”.

Uno studio precedente che ha esaminato l’imprinting immunitario e l’aggiornamento dei vaccini COVID-19 ha ipotizzato che “aggiornare ripetutamente” le iniezioni “potrebbe non essere pienamente efficace” a causa delle limitazioni che l’imprinting immunitario può presentare. Il lavoro è stato pubblicato nel novembre 2021 sulla rivista Trends in Immunology e appare nella National Library of Medicine online.

Lo studio nazionale del Qatar ha sottolineato che i risultati “non minano” i benefici che le dosi di richiamo forniscono al pubblico, ma i ricercatori hanno concluso che questi benefici potrebbero essere a breve termine.

Non c’è dubbio che la dose di richiamo abbia ridotto l’incidenza delle infezioni subito dopo la sua somministrazione… Tuttavia, i risultati indicano che gli effetti a breve termine dei richiami possono differire da quelli a lungo termine“, hanno scritto gli autori.

Lo studio riconosce alcune limitazioni, tra cui il modo in cui sono state considerate le reinfezioni registrate e il fatto che alcune infezioni potrebbero essersi verificate senza essere registrate.

Lo studio preprint arriva due mesi dopo che la Food and Drug Administration ha autorizzato nuove dosi di richiamo, chiamate booster bivalenti, prodotte da Pfizer e Moderna che hanno come target le sottovarianti di omicron BA.4 e BA.5.

MAGGIORI INFORMAZIONI SULL’IMPRINTING IMMUNITARIO

Per quanto riguarda l’imprinting immunitario, Medical News Today riferisce che “i modi in cui il nostro sistema immunitario può essere stato esposto ai marcatori della SARS-CoV-2 sono una miriade“, notando come le persone abbiano ricevuto diverse formulazioni di vaccino e siano state infettate da diverse sottovarianti del COVID-19.

Tutte queste cose spingono e tirano il tuo repertorio immunitario, i tuoi anticorpi e le altre cose in direzioni diverse, e ti fanno rispondere in modo diverso al prossimo vaccino che arriva […] Quindi questo è ciò che viene chiamato imprinting immunitario”, ha detto all’Imperial College di Londra il professor Danny Altmann, specializzato in immunologia.

Per questo motivo, il modo in cui una persona può rispondere a un’esposizione al virus può “variare notevolmente” rispetto a un’altra, secondo Medical News Today.

Fortune indica due studi pubblicati di recente che citano “l’imprinting immunitario” come una potenziale ragione per cui i nuovi booster COVID-19 mirati alle varianti omicron potrebbero non essere in grado di “superare il vaccino originale“. Uno ha coinvolto la Columbia University e l’Università del Michigan, l’altro l’Università di Harvard.

Lo studio di preprint affiliato ad Harvard, pubblicato il 25 ottobre su bioRxiv, ha concluso che “l’imprinting immunitario… potrebbe rappresentare una sfida maggiore di quella attualmente apprezzata per indurre una robusta immunità alle varianti del SARS-CoV-2″.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Un malore fatale la stronca a 30 anni. Si era sposata da tre giorni

Read Next

Sondaggio esclusivo. Quanti cittadini lamentano reazioni avverse al v.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock