• Novembre 26, 2022

Justin Bieber gravemente malato, costretto a interrompere il tour. Ai fans chiedeva vaccinazioni complete per partecipare ai suoi concerti

Justin Bieber malato, costretto a fermare il tour. L’annuncio è arrivato alla vigilia del concerto di Toronto: l’artista ha annullato la data lasciando i fan in sospeso anche per gli appuntamenti successivi. Ventotto anni, un successo planetario, due anni fa Bieber aveva rivelato di essere affetto dalla malattia di Lyme “e anche da una mononucleosi cronica che ha colpito la mia pelle, le funzioni del cervello e la mia salute in generale”.

Come ha scritto lo stesso Bieber in una story su Instagram, “non ci posso credere, ho fatto in modo che tutto andasse per il meglio ma la mia malattia sta peggiorando e devo spostare le date perché così mi dicono i medici”. Un portavoce della Scotiabank Arena, che avrebbe ospitato il concerto, ha precisato che non si tratta di covid ma di una malattia non correlata alla pandemia. Tre, al momento, le date rimandate del Justice World Tour, che dovrebbero essere riprogrammate nel corso dell’estate.

Bieber ha concluso il messaggio con un messaggio d’affetto per tutti i fan: “Vi amo, mi prenderò un periodo di riposo e poi starò meglio”. 

Solo nel marzo scorso sua moglie, la top model Hailey Bieber, 25 anni “ha sofferto di un coagulo di sangue al cervello” ed è stata ricoverata in ospedale.

La top model Hailey Bieber, 25 anni, aveva condiviso sulla sua storia di Instagram la notizia del suo ricovero in ospedale.

Justin Bieber ha sempre rispettato rigorosamente i protocolli Covid, ai fans infatti, richiedeva la prova di vaccinazione completa come requisito fondamentale per poter partecipare ai suoi concerti.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Morte improvvisa per Simiso Buthelezi a 24 anni per danni cerebrali: il pugile era impazzito sul ring, tirava pugni nel vuoto 

Read Next

Cos’è SADS? “Sindrome della morte improvvisa dell’adulto”, nasce il primo registro nazionale. Cosa non farebbero pur di negare l’evidenza