• Agosto 16, 2022

La strage dell’estate 2022 continua senza sosta. Sono più di 15 le vittime di MORTE IMPROVVISA nelle ultime ore. L’età media cala: ventenni e trentenni, il più giovane un ragazzino di 16 anni


Tragedia a Messina, uomo trovato morto in casa a Villaggio Aldisio

Decesso in casa, in via Stefano Magri a Villaggio Aldisio a Messina dove è stato trovato morto un uomo di 63 anni.

Messina, Cronaca

I parenti non riuscivano ad entrare nell’abitazione e hanno chiamato i vigili del fuoco che hanno aperto la porta. Una volta entrati in casa gli uomini del 115 e successivamente il 118 non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’uomo.


Trovato morto nell’auto

Il 50enne De Chiara è stato trovato privo di vita: indagini in corso

Ritrovato un uomo senza vita nella propria auto a Cesa, al confine con Sant’Arpino. Nicola De Chiara, 50enne residente a Cesa, è stato trovato privo di vita nella propria ‘Golf’ alle prime ore del mattino di ieri (3 agosto). L’uomo è stato trovato con il volto appoggiato sul volante, e la prima a chiedere aiuto è stata una donna che lo ha visto inerme, e senza alcuna reazione alle sollecitazioni.

Una residente ha chiamato i carabinieri e l’ambulanza ma al momento dell’arrivo dei soccorsi già non c’era più nulla da fare. La salma è stata trasportata già ieri presso l’ospedale di Giugliano in Campania dove verrà effettuato l’esame autoptico su disposizione della Procura della Repubblica del Tribunale di Napoli Nord. Lascia 4 sorelle.


Padova, trentaquattrenne trovato morto in un bagno chimico: ecco chi era

Nel parcheggio ai Colli di Padova sono intervenuti polizia Scientifica e vigili del fuoco. Sul corpo di Elia Pizzardo è stata disposta l’autopsia

Leggi di più


Dramma a Lucca: muore nel sonno a soli 33 anni la pittrice emergente Arianna Mora

Molto nota in città aveva lavorato al bar Catelli di San Vito e lanciato di recente un brand di abbigliamento: lascia il compagno, i genitori, un fratello e una sorella

Arianna Mora morta 33 anni Lucca

È morta nel sonno, vittima di un malessere improvviso, Arianna Mora. La giovane donna, molto conosciuta per i suoi trascorsi come dipendente del bar tabaccheria Catelli, era una emergente pittrice, con il nome d’arte Blond.

I suoi lavori, infatti, avevano fatto di recente parte di una mostra a Ferrara dove l’artista aveva anche ricevuto i complimenti di Vittorio Sgarbi. Aveva di recente anche lanciato un brand di t-shirt, Blond, presentato durante la special night di Villa Bottini dello scorso 2 luglio.

Lascia nel dolore il compagno Simone, il papà Emilio, la mamma Celeste, il fratello Manuel e la sorella Giulia.


Muore a 40 anni al porto di Ancona: malore fatale per un membro dell’equipaggio di una nave ravennate

Tragedia al porto di Ancona. Come riporta il sito cronacheancona.it, un membro dell’equipaggio del rimorchiatore “Blue boy – Ravenna” ormeggiato alla banchina numero 2 dello scalo, è morto a causa di un malore.

Una tragedia che ha toccato ieri l’azienda Bambini di Ravenna: il quarantenne è morto mentre stava lavorando su un mezzo in servizio al porto di Ancona. L’uomo, di origine campana, era a brdo della nave d’appoggio – che fa la spola tra la città marchigiana e le piattaforme nel tratto antistante quel tratto di Adriatico – si è sentito male. Secondo la prima ricostruzione il quarantenne si trovava nel suo alloggio, nell’imbarcazione “Blue boy”, ancorata al molo 1, vicino all’arco di Traiano, quando attorno alle 6:30 ha accusato il malore. Subito i colleghi si sono prodigati per soccorrerlo e hanno avvisato il 118 ma per il lavoratore non c’è stato nulla da fare. La salma, su autorizzazione del magistrato di turno della Procura di Ancona, è stata portata all’obitorio dell’ospedale di Torrette. Sul posto, per gli accertamenti di rito, è intervenuta anche la Capitaneria di Porto di Ancona che ha ascoltato la ricostruzione dell’accaduto da parte dei colleghi del lavoratore.


Finisce il pranzo al pub e viene colpita da infarto: muore una donna a Venaria

Inutili i tentativi di soccorso da parte del personale 118

Dramma a Venaria, nel primo pomeriggio di mercoledì 3 agosto 2022, dove una donna di 64 anni è morta a seguito di un malore subito dopo aver pranzato.

È successo in via Don Sapino, nel pub «Vecchia Camelot», alla periferia della città. La vittima è una donna di 64 anni, residente a Caselle.

Stante una prima ricostruzione dei fatti, da parte dei carabinieri della stazione cittadina, la 64enne aveva appena terminato il pasto quando si è improvvisamente accasciata a terra. 

Altri avventori, presenti in quel momento fuori e dentro il noto pub venariese, hanno visto la scena in presa diretta e richiesto immediatamente l’intervento dei mezzi di soccorso.

Il personale sanitario 118, intervenuto in pochi minuti, non ha potuto fare altro che constatare il decesso della donna.


Vercelli, donna di 45 anni muore dopo aver aspettato nove ore al Pronto soccorso, poi si scopre un coagulo di sangue nei polmoni

Una donna di 45 anni è morta all’ospedale di Vercelli dopo aver atteso nove ore al Pronto soccorso. Ora bisognerà attendere l’autopsia per capire le cause del decesso di Tiziana Scarcella, originaria di Salassa, nel Canavese, che lavorava come barista a Rivarolo. I parenti della vittima, e il compagno, vogliono sapere se la donna poteva essere salvata e se ci sono colpe per il decesso di Tiziana.

È lo stesso compagno di Tiziana Scarcella, intervistato dal quotidiano La Stampa, a ricostruire le ore trascorse in ospedale dalla donna. Quest’ultimo era andata in ospedale per la prima volta lo scorso maggio dopo una caduta dalle scale.

Era poi andata in una clinica privata per un intervento di stimolo biologico per la calcificazione della frattura. Poi, giovedì 28 luglio, Tiziana si era sentita male: respirava a fatica, aveva brividi e dolori addominali e per questo è stata portata in ospedale.

Tiziana arriva al Pronto soccorso dove risulta negativa al test Covid e viene sottoposta a una serie di altri esami. Alle 21 viene sottoposta a una serie di esami che rilevano un coagulo di sangue vicino all’apparato respiratorio.

L’ultimo messaggio ricevuto dal compagno di Tiziana risale alle 21,40. La donna, come spiegano i medici, è stata colta da un “infarto polmonare” e, dopo essere stata trasferita prima in cardiologia e poi in terapia intensiva, muore poco dopo la mezzanotte.

I familiari di Tiziana Scarcella, ora, vogliono capire se dietro la morte della 45enne si nasconda qualche negligenza.


Recuperato cadavere nel lago a Lecco: si ipotizza un malore

Sono state avviate indagini per risalire alla causa della morte: tra le ipotesi vagliate dagli inquirenti vi è quella di un malore

Recuperato cadavere nel lago a Lecco: si ipotizza un malore

Il corpo senza vita di un uomo di 57 anni è stato ritrovato questo pomeriggio a Lecco nelle acque del fiume Adda, tra i laghi di Como e Garlate. A notare il corpo galleggiante vero le 17 sono stati alcuni passanti nella zona del ponte Azzone Visconti a Lecco. E’ stato dato l’allarme e sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco, che hanno provveduto al recupero, e gli agenti della Polizia. Sono state avviate indagini per risalire alla causa della morte.


Matrimonio sfocia in tragedia, 37enne stroncato da un malore

A nulla sono serviti i soccorsi. Sul posto pure l’eliambulanza

Ambulanza ambulanze

Sfocia in tragedia il ricevimento di un matrimonio in un ristorante di Isola Capo Rizzuto. Un uomo di 37 anni di Crotone, si è improvvisamente accasciato ed è morto. A nulla è servito l’intervento immediato dei soccorsi, con l’arrivo di due ambulanze e dell’elisoccorso. Da individuare le ragioni del decesso.


Francesco Forleini stroncato da un malore sul lavoro

Commozione al funerale. Canzoni e palloncini per l’addio al giovane. Una Vespa accanto alla bara. Una colomba lasciata volare in cielo e tanti applausi

“E dentro ci si sente piccoli per sempre”. Uno striscione con un cuore rosso e la scritta “Ciao Katà”. Lo hanno tenuto tra le mani gli amici che insieme a familiari e colleghi di lavoro hanno tributato l’ultimo saluto a Francesco Forleini, il trentacinquenne originario di Frosinone morto martedì per un malore mentre lavorava in un ingrosso di materiali edili ad Alatri. Un giovane molto conosciuto e stimato. I funerali si sono svolti nella chiesa di Madonna della Neve nel capoluogo.

Fiori e palloncini bianchi, canzoni e colombe per l’addio al trentacinquenne. Una colomba lasciata volare in cielo anche dalla mamma di Francesco all’uscita della bara dalla chiesa. Tanti gli applausi mentre le note di canzoni in ricordo del frusinate hanno emozionato ancor di più i presenti tuttora increduli per la morte di Francesco. Come pure colleghi di lavoro che non sono riusciti a fare nulla per salvargli la vita. Inutili i soccorsi martedì scorso nell’attività in zona Chiappitto. Francesco si è accasciato davanti ai suoi colleghi. Sono stati contattati subito i soccorsi, ma per lui non c’è stato nulla fare.

Il trentacinquenne viveva a Tecchiena da qualche tempo, originario di Frosinone. Proprio nel capoluogo ieri si sono svolti i funerali curati dall’impresa funebre “San Francesco”. Fuori, accanto alla bara, anche una Vespa bianca, la sua passione. Tanti i messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia. Tutti ricordano Francesco come un grande lavoratore, un amico su cui poter contare, sempre gentile e cordiale.


Ucciso da un malore in campeggio, addio al commerciante Alessio Gallus

Tragedia della notte in una spiaggia del Sinis

Gli operatori del mercato civico di via Cimarosa sono in lutto: hanno perso Alessio Gallus, commerciante molto noto a Oristano, morto nella notte a causa di un malore nel campeggio Nardi a Mari Ermi, lungo la costa di Cabras.

Alessio, 51 anni compiuti di recente, si trovava nel Sinis insieme al padre Giovanni: anche ieri dopo il lavoro aveva raggiunto la magnifica spiaggia che amava da sempre.

Verso le 2 del mattino il commerciante ha accusato un malore e il padre ha chiesto l’intervento del 118. L’equipe medica ha tentato di tutto per rianimarlo, ma senza successo. All’alba nel campeggio sono arrivati anche i carabinieri di Cabras per gli accertamenti di legge. La salma del commerciante è stata trasferita ad Oristano.


Malore improvviso, muore a 44 anni Valter, il titolare della Moretto Pneumatici di Montebelluna

Era papà di un bimbo di 4 anni ed ex vicepresidente del Moto Club Gaerne. Forte il cordoglio nel trevigiano

CORNUDA – Tragico malore per il titolare della Moretto Pneumatici: Valter Moretto non c’è più. E’ morto il 2 agosto, nella sua casa di Cornuda dove si è sentito male e si è accasciato a terra. Un malore che gli è stato fatale. Sul posto sono immediatamente arrivati i soccorsi ma non c’è stato niente da fare, Moretto ha perso la vita durante il trasporto in ambulanza, prima di raggiungere l’ospedale San Valentino di Montebelluna. Per comprendere le cause del decesso, sul suo corpo verrà effettuata l’autopsia. Tra le ipotesi: un aneurisma o un infarto. 


Malore fatale in piazza, addio al noto agente immobiliare

E’ morto a 57 anni Sergio Graziani, volto molto noto in città per la sua attività professionale.

Malore fatale in piazza, addio al noto agente immobiliare


Un malore fatale, in pieno centro, proprio nella piazza dove lo si vedeva passare più volte al giorno dispensando sorrisi e saluti a tutti.

Una tragica perdita per Vimercate che saluta per sempre Sergio Graziani, morto ieri, giovedì 4 agosto, a 57 anni. Secondo quanto ricostruito Graziani ha accusato un malore attorno alle 19.30 mentre si trovava in piazza Roma, proprio all’angolo tra via Vittorio Emanuele e via Cavour, a poche decine di metri da casa. Una situazione che in un primo momento era apparsa seria, ma non gravissima. Tanto che i soccorritori intervenuti sul posto con un’ambulanza in codice giallo. Poi però il quadro clinico è precipitato ed è stato quindi trasferito all’ospedale cittadino in codice rosso. I medici si sono adoperati a lungo per rianimarlo, ma per il 57enne non c’è stato più nulla da fare.


Colto da un malore in piscina a Orbassano: ragazzo di 16 anni morto in ospedale

Inutili i soccorsi e il trasporto in elisoccorso

Non ce l’ha fatta Shiqiang Way, il ragazzino cinese di 16 anni colto da un malore e quindi annegato nel pomeriggio di ieri, mercoledì 3 agosto 2022 nella piscina Blu Paradise di via Gozzano a Orbassano: è morto nella serata di oggi, giovedì 4, all’ospedale Molinette di Torino dove era stato trasportato in elisoccorso. Il giovane abitava a Torino con la famiglia. Del caso si sta occupando la polizia locale, anche se tutto appare come una tragedia senza particolari responsabilità.


Improvviso malore mentre guarda i lavori allo stadio: muore a 51 anni

Malore fatale allo stadio di Pescara

 Ieri, nel primo pomeriggio, un uomo di 51 anni, originario di Loreto Apruino e residente a Pescara, è morto al campo sportivo Adriatico a causa di un improvviso malore: ha accusato un forte dolore al braccio mentre osservava i lavori in corso nel cantiere. Per lui sono stati inutili i soccorsi giunti immediatamente sul porto. È intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri per gli accertamenti. 


Il bagno al mare e il malore, muore ragazza di 29 anni a Castelvetrano

Una ragazza, Giada Scarlata, residente in Svizzera e in villeggiatura a Triscina, 29 anni, è morta nel mare della frazione di Triscina, a Castelvetrano.

La tragedia all’altezza della strada 57.
Il corpo della giovane è stato avvistato a galla a poche decine di metri dalla battigia. Trasportata a riva da alcuni bagnanti della zona le sono state praticate alcune manovre rianimatorie, anche da parte di un equipaggio del 118 intervenuto sul posto. Ma per la giovane non c’è stato nulla da fare.

La donna era in vacanza a Triscina con i genitori originari di Castelvetrano e sembra che intorno alle 11 si fosse diretta al mare lasciando in casa il marito e il figlio piccolo. Sul posto anche i Carabinieri e la Polizia Municipale di Castelvetrano e il medico legale Angela Vento.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il ministro della salute tedesco Karl Lauterbach (4 dosi), positivo al Covid

Read Next

Il Sudafrica riporta il primo decesso collegato in modo causale al vaccino COVID