• Agosto 16, 2022

Il Sudafrica riporta il primo decesso collegato in modo causale al vaccino COVID

Giovedì, l’autorità sanitaria sudafricana ha segnalato un nesso causale tra la morte di un individuo e il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson (J&J). È la prima volta che un collegamento così diretto è stato stabilito nel paese.

La persona ha presentato una rara sindrome neurologica di Guillain-Barre subito dopo aver ricevuto il vaccino di J&J, dopo di che il decesso, hanno riferito scienziati senior in una conferenza stampa.

“Al momento della malattia non è stato possibile identificare altre cause della sindrome di Guillain-Barre (GBS)”, ha affermato la professoressa Hannelie Meyer.

L’età della persona e altri dati personali non sono stati divulgati per motivi di riservatezza.

Lo scorso luglio, le autorità statunitensi hanno aggiunto un avviso alla scheda informativa del vaccino J&J proprio sull’aumento del rischio di GBS nelle sei settimane successive alla vaccinazione. All’epoca erano stati rilevate 100 segnalazioni preliminari di GBS in pazienti vaccinati, inclusi 95 casi gravi e un decesso segnalato.

J&J non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento inviata via e-mail. La società ha affermato che in quel momento negli Stati Uniti era in discussione con le autorità di regolamentazione e che il tasso di casi segnalati di GBS nei destinatari del vaccino J&J avesse superato solo leggermente il tasso di fondo.

“Il beneficio della vaccinazione supera ancora di gran lunga il rischio”, ha detto ai giornalisti Boitumelo Semete-Makokotlela, amministratore delegato della South African Health Products Regulatory Authority (SAHPRA).”Nel nostro contesto abbiamo somministrato circa 9 milioni (dosi) del vaccino Janssen (J&J), e questo è il primo caso di GBS collegato in modo causale”.

L’autorità di regolamentazione dei medicinali in Europa lo scorso anno ha aggiunto la sindrome di Guillain Barrè come possibile effetto collaterale del vaccino COVID di AstraZeneca che, come quello di J&J, utilizza la tecnologia dei vettori virali.

Il ministro della Salute sudafricano Joe Phaahla ha dichiarato durante la conferenza stampa di giovedì, che a metà luglio c’erano stati poco più di 6.200 “eventi avversi” segnalati al SAHPRA sulle oltre 37 milioni di dosi di vaccino COVID somministrate nel paese, pari allo 0,017%.

Semete-Makokotlela ha affermato che l’autorità di regolamentazione ha valutato circa 160 decessi da quando è iniziata l’introduzione della vaccinazione COVID, ma fino ad ora non aveva visto un nesso causale con la vaccinazione.

Il Sudafrica ha utilizzato i vaccini di J&J e Pfizer nella sua campagna di vaccinazione contro il COVID.

Il lancio è iniziato lentamente a causa delle difficoltà nell’assicurare le forniture e delle lunghe trattative con le aziende farmaceutiche, ma più recentemente è stato rallentato dall’esitazione.

Circa il 46% della popolazione adulta di 40 milioni è ora completamente vaccinata.

Source

eVenti Avversi

Read Previous

La strage dell’estate 2022 continua senza sosta. Sono più di 15 le vittime di MORTE IMPROVVISA nelle ultime ore. L’età media cala: ventenni e trentenni, il più giovane un ragazzino di 16 anni

Read Next

Twitter censura il direttore generale dell’Istituto Israeliano per la Ricerca Biologica e massimo esperto in ambito vaccinale nonché… DANNEGGIATO DAL VACCINO PFIZER