• Dicembre 6, 2022

Le persone con allergie alimentari hanno probabilità molto più basse di infezione da SARS-CoV-2, rileva uno studio

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Dall’inizio della pandemia, i ricercatori si sono dati da fare per capire chi sia più a rischio di COVID-19 e perché.

Ora, un nuovo studio basato sulla popolazione del National Institutes of Health (NIH) pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology martedì (31 maggio) ha trovato le prove di un curioso vantaggio nei confronti del Covid-19 per chi soffre di allergie.

In un’analisi di oltre 4.000 persone che vivevano tutte in famiglie che includevano minori, i ricercatori hanno notato diverse tendenze interessanti in termini di infezione da SARS-CoV-2, incluso che le persone con un’allergia alimentare avevano solo la metà delle probabilità di essere infettate.

I risultati corrispondono ad altre ricerche recenti, che hanno scoperto che condizioni allergiche, come l’asma, potrebbero offrire una certa protezione contro i casi gravi di COVID-19.

In modo un po’ simile, il nuovo studio del NIH ha scoperto che l’asma non è collegata a un aumento del rischio di infezione da SARS-CoV-2, nonostante l’asma sia una condizione che colpisce il sistema respiratorio.

I ricercatori non sono sicuri del motivo per cui le allergie alimentari sembrano rendere le persone meno vulnerabili al SARS-CoV-2, ma ci sono alcune possibili spiegazioni.

La metà di tutti i partecipanti allo studio ha affermato di avere un’allergia alimentare, asma, eczema o rinite allergica. Queste auto-segnalazioni sono state poi supportate da un sottoinsieme di esami del sangue, che hanno rivelato anticorpi legati alla malattia allergica.

I ricercatori hanno quindi monitorato la diffusione di SARS-CoV-2 nelle famiglie partecipanti da maggio 2020 a febbraio 2021.

Le persone con eczema e asma non hanno mostrato una maggiore vulnerabilità al virus, ma non sembravano essere più protette.

Quelli con allergie alimentari, nel frattempo, avevano un rischio inferiore del 50% di infezione da SARS-CoV-2.

Non tutte le forme di asma sono atopiche (aka altamente allergiche), e studi precedenti hanno dimostrato che solo quelli con asma atopica esprimono livelli più bassi delle vie aeree del recettore ACE2, che è ciò a cui si attacca SARS-CoV-2.

Ciò suggerisce che il virus non ha tanti modi per invadere le cellule nei polmoni di quelli con allergie respiratorie.

Qualcosa di simile potrebbe verificarsi tra le persone con allergie alimentari, anche se gli autori hanno esaminato solo l’infezione da SARS-CoV-2 e non la gravità dell’infezione.

Non è noto se questo sia anche il caso negli individui allergici al cibo, ma si è tentati di ipotizzare che l’infiammazione di tipo 2, una caratteristica dell’allergia alimentare, possa ridurre i livelli di ACE2 delle vie aeree e quindi il rischio di infezione“, scrivono i ricercatori.

A sostegno di questa possibilità, abbiamo trovato livelli significativamente maggiori di atopia generale tra quelli con allergia alimentare auto-segnalata, rispetto sia a quelli senza allergia alimentare, sia a quelli con asma“.

È interessante notare che, mentre alcuni studi suggeriscono che l’asma allergica protegge dai casi gravi di COVID-19, l’attuale studio ha rilevato che la condizione non protegge dalla contrazione iniziale del virus.

Inoltre, quando un partecipante con asma o allergie alimentari ha contratto il nuovo coronavirus, non aveva più probabilità di essere asintomatico.

Sono necessarie ulteriori ricerche per separare i meccanismi alla base delle nuove scoperte, ma gli autori sperano che la loro ricerca possa offrire nuove strade per la prevenzione del COVID-19.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Dottoressa Naomi Wolf sulla valutazione dei documenti segreti Pfizer: “Annuncio di un genocidio”

Read Next

Immunità COVID-19 creata dall’infezione “più ampia e più complessa” della vaccinazione

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock