• Febbraio 9, 2023

L’intervista alla giovane sulla sedia a rotelle dopo il v. che ha denunciato l’autorità di farmacovigilanza. Cosa hanno rilevato i test a un anno dal v.!

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


La scorsa settimana, è stata pubblicata la notizia di una denuncia penale depositata dall’avvocato zurighese Philippe Kruise a nome di sei danneggiati dal vaccino covid nei confronti dell’autorità regolatori e di farmacovigilanza “Swiss Medic” (leggi il nostro articolo: “Svizzera: vittime di danni da vaccino sporgono denuncia penale contro Swissmedic e i medici vaccinatori”).

Il quotidiano di Berna “Jungfrau Zeitung” ha intervistato una delle sei danneggiate che hanno denunciato “Swiss Medic”, una giovane finita sulla sedia a rotelle dopo il vaccino.

Scrive “Jungfrau Zeitung”: “la giovane svizzera 45enne Thi Mai-Trang Jost dipende da un aiuto esterno da un anno e può svolgere il suo lavoro a tempo pieno solo a casa e per periodi limitati. Dopo tre vaccinazioni con un vaccino a mRNA, per la 45enne si è aperta la porta dell’inferno. Quando Mai, come la chiamano i suoi amici, deve uscire di casa, deve usare una sedia a rotelle. A differenza del Long-Covid, che le persone possono sviluppare dopo aver avuto la malattia da Covid-19, gli esperti parlano di Sindrome Post-Vac, cioè di danno da vaccinazione. Al momento, i danneggiati non sanno a che rivolgersi per una possibile cura, perché molto non è del tutto chiaro dopo il breve tempo trascorso dall’introduzione dei vaccini.
La porta di casa sua e quella dell’appartamento sono aperte. Thi Mai-Trang Jost ha chiesto alla vicina di lasciarla aperta perché non può uscire lei stessa nel corridoio se qualcuno suona il campanello. Poi la sua voce arriva dal soggiorno: “Sono qui alla finestra, la cucina è a sinistra, lì puoi prendere un caffè”. Mai è sdraiata su una sedia regolabile elettronicamente, come quelle che conosciamo nelle case di riposo. È scalza e la prima cosa che noti è che i suoi piedi e le gambe sono molto gonfi. Anche le sue mani sono state colpite dalla reazione avversa, Mai non riesce a stringere i pugni da un anno.
Il calvario è iniziato nel dicembre 2021 dopo l’ultima delle tre vaccinazioni con il siero mRNA di Moderna. Poco dopo, è iniziato un insieme tossico di sintomi che ha reso impossibile una vita normale e ha portato alla disabilità fino ad oggi. Da allora, la donna danneggiata dal vaccino ha vissuto un’odissea attraverso le cure mediche e un ospedale. Per fortuna oggi ha trovato un dottore che la capisce e la tratta al meglio delle sue conoscenze. “Ho la speranza che tutto si fermi di nuovo”, dice Mai-Trang Jost con un timido sorriso, “il mio medico mi ha parlato di casi in cui questo orrore è semplicemente scomparso di nuovo dopo diversi mesi”. Sa anche che il medico che la sta curando non può fare previsioni, perché le nuove vaccinazioni sono sul mercato da quasi due anni e gli effetti collaterali che si stanno verificando ora sono una novità anche per i medici.
Thi Mai-Trang Jost è arrivata in Svizzera con la sua famiglia dal Vietnam quando aveva un anno e oggi vive a Ittigen vicino a Berna. Attualmente lavora come addetta ai servizi associativi per un’associazione e non deludono i loro dipendenti. Jost è grata: “Sono contento di poter continuare a lavorare al 50% da casa, anche se mi manca molto il mio ufficio» Una ex compagna di classe è la suo vicina. L’ha trovata sulle scale con un cesto di biancheria la settimana in cui Mai ha ricevuto il suo booster. “Non riuscivo più a salire le scale e sono scoppiata a piangere”, ricorda la donna. La collega è rimasta un’amica e aiuta Mai dove può: lavarsi, vestirsi, fare la spesa. La famiglia di Jost si prende anche molta cura dei loro parenti, la sorella di Mai li porta a casa anche nei fine settimana per prendersi cura di loro.
“Volevo mostrare solidarietà e fare qualcosa di buono”, dice Thi Mai-Trang Jost, spiegando il motivo delle vaccinazioni. “I nostri politici hanno sempre detto che i vaccini erano sicuri e che stavamo aiutando a non infettare gli altri. Praticamente non mi sono mai ammalata prima, non ho mai avuto la febbre e mi è stato risparmiato anche il Covid-19. Oggi voglio dimenticare tutto e andare in montagna dove amavo fare escursioni”. I segnali di allarme sono apparsi rapidamente a maggio. I malesseri sono iniziati dopo la prima iniezione e si sono ripetuti dopo la seconda “Il mio vaccinatore ha detto che era normale e sarebbero andati via da soli”, dice Jost. Non diede ulteriore importanza al dolore al braccio, ma ben presto peggiorò molto. Le estremità di Mai si gonfiarono e c’era un forte dolore che rendeva impossibile camminare. Durante una prima visita dal medico sono stati riscontrati anche valori di infiammazione nel sangue. La soluzione: antidolorifici come Novalgina e tanto cortisone.

La terapia non ha funzionato. Jost guarda indietro brevemente: “Il mio dolore non è andato via e i sintomi sono peggiorati. C’erano anche grave insonnia e costipazione”. Mai ha interrotto il trattamento e ha provato la medicina alternativa. Si sentiva un po’ meglio, ma nemmeno i rimedi della natura potevano alleviare il suo dolore. Seguì una degenza ospedaliera dal 28 marzo al 1 aprile 2022, ancora forti antidolorifici, ancora cortisone. Quando Mai Jost all’epoca si difese e mise in dubbio la grande quantità di cortisone, venne emarginata. Un medico le disse testualmente: “Se non vuoi guarire, lo segnalerò alla tua compagnia assicurativa. Dobbiamo essere uniti, non opporre rifiuti”. Di conseguenza, è stata praticamente ignorata dal personale, gli altri degenti dovevano persino aiutarla ad andare in bagno di notte. Mai è rimasta sotto shock ed è rimasta in ospedale su consiglio del suo avvocato, ha anche ripreso il cortisone. Ma le sue condizioni sono peggiorate. Poco dopo le è stata diagnosticata un’ulcera allo stomaco e un medico ha attestato che era a causa delle medicine alternative che stava ancora assumendo.
Mai Jost ora riceveva protettori per lo stomaco e il farmaco sulfasalazina, si diceva che soffrisse di poliartrite. E’ stata dimessa dall’ospedale il 1 aprile 2022 e l’assistenza a domicilio Spitex l’ha presa in carico cura una volta alla settimana. Un ulteriore esame in ospedale non rivelò più un’ulcera, solo un’irritazione allo stomaco. Avrebbe dovuto continuare a prendere il farmaco, ma gli effetti collaterali, tra cui mancanza di sonno e nausea ricorrente, andavano di pari passo con l’aumento degli altri sintomi. Il 19 maggio 2022, Jost trova un medico che la prende sul serio. Dai test risulta che il sangue della sua paziente contiene troppi D-dimeri, un sottoprodotto di un processo di coagulazione che si basa, tra l’altro, sulla trombosi (coaguli di sangue). Jost dice: “Il mio sangue è coagulato, tutto il gonfiore è il risultato di una cattiva circolazione”. Oltre alla diagnosi di poliartrite c’è un’altra scoperta spaventosa: un anno dopo la terza vaccinazione, Mai ha ancora proteine ​​spike nel suo corpo. È da qui che nasce l’infiammazione, perché il corpo attiva ripetutamente il meccanismo dell’RNA messaggero: formazione dell’antigene, allarme per il sistema immunitario, dispiegamento degli anticorpi. Un circolo vizioso.
Il sangue addensato viene ora trattato con aspirina cardio, insieme ad un trattamento con ossigeno-ozono. Ma anche qui ci sono problemi, perché il sangue è ancora troppo denso. Jost: “Il medico consiglia un lavaggio del sangue, ma non posso permettermelo, costa 11.000 franchi”. Altrimenti l’anima martoriata deve sborsare praticamente tutto da sé, per il Betax, il taxi disabile, riceve appena 500 franchi all’anno. Ma Mai Jost è una donna che non si lascia sconfiggere: insieme al suo avvocato, ora sta facendo causa al governo federale, poi toccherà all’ospedale. “Se non avessi la mia famiglia e la mia cara vicina non saprei cosa fare”, dice Mai, guardando in basso. Un messaggio di SOS a un giornale che chiedeva un contatto è rimasto senza risposta. Nelle prossime settimane la ragazza danneggiata della vaccinazione potrà incontrare e scambiare idee in una conferenza stampa a Zurigo con persone che hanno avuto un destino simile. Mai sorride un po’ e ci saluta: “La speranza è l’ultima a morire
“.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Boom di reazioni avverse in Svizzera. I dati ufficiali pubblicati ieri dalla farmacovigilanza. L’impietoso confronto con i dati italiani

Read Next

Malore improvviso. Auto si schianta contro un muro. Due morti

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock