• Ottobre 2, 2022

Logopedista: aumento del 364% degli interventi su neonati e bambini a causa dell’uso della mascherina

Un logopedista afferma che indossare la mascherina durante la pandemia ha causato un aumento del 364% degli interventi nei pazienti neonati e bambini piccoli.

Jaclyn Theek ha dichiarato a WPBF News che prima della pandemia, solo il 5% dei pazienti era rappresentato da neonati e bambini piccoli, ma adesso è salito al 20%.

I genitori descrivono i problemi di linguaggio dei loro figli come “ritardo da COVID “, le coperture per il viso sono la causa principale delle loro capacità di parlare gravemente compromesse.

A partire dagli 8 mesi, i bambini iniziano a imparare a parlare leggendo le labbra, un compito ingrato se genitori e tutori si coprono il volto con la mascherina per rispettare gli obblighi.

“È molto importante che i bambini vedano la tua faccia per imparare, quindi ti guardano la bocca”, ha affermatoTheek.

Secondo Theek, dall’esordio della pandemia, anche i sintomi dell’autismo sono alle stelle.

“I bambini autistici stanno soffrendo moltissimo di questa situazione, hanno serissime difficoltà nella comunicazione con la loro stessa famiglia”, ha affermato.

Forbes ha rimosso un articolo scritto da un esperto di educazione che affermava che costringere gli scolari a indossare mascherine per il viso, stava causando gravi traumi psicologici.

Uno studio condotto da ricercatori della Brown University ha rilevato che i punteggi medi del QI dei bambini piccoli nati durante la pandemia sono crollati di ben 22 punti, mentre le prestazioni verbali, motorie e cognitive sono calate a causa dei blocchi.

Michael Curzon ha osservato che due delle cause principali sono le mascherine facciali e i bambini che vengono costretti a stare lontani dai coetanei.

“I bambini nati nell’ultimo anno di lockdown – in un momento in cui il governo ha impedito ai bambini di vedere parenti anziani e altri membri della famiglia, di socializzare nei parchi o con i figli degli amici dei loro genitori e di studiare le espressioni sui volti dietro le maschere nei locali e negli spazi pubblici al chiuso – hanno significativamente ridotto il linguaggio verbale, prestazioni motorie e cognitive complessive rispetto ai bambini nati prima, secondo un nuovo studio statunitense. I test sull’apprendimento precoce, lo sviluppo verbale e lo sviluppo non verbale hanno tutti prodotto risultati molto inferiori rispetto a quelli degli anni precedenti i lockdown “, ha scritto.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Poggiardo (Lecce). Disabile gravissima a causa del vaccino antipolio e antidiftotetanico muore dopo un calvario di 23 anni. Il 2 febbraio sentenza con risarcimento per i genitori. IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA

Read Next

DOVE SONO I BAMBINI E GLI ADOLESCENTI DOPO DUE ANNI PANDEMICI?