• Novembre 27, 2022

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che il vaiolo delle scimmie non è un’emergenza sanitaria globale… Per il momento

Sabato l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che la rapida diffusione del vaiolo delle scimmie in dozzine di nazioni non rappresenta un’emergenza sanitaria globale in questo momento.

Tuttavia, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha descritto il vaiolo delle scimmie come una minaccia per la salute in evoluzione e ha esortato i governi di tutto il mondo a rafforzare la sorveglianza, il tracciamento dei contatti, i test e ad assicurarsi che le persone ad alto rischio abbiano accesso a vaccini e trattamenti antivirali.

L’OMS ha convocato il comitato di emergenza per determinare quale livello di minaccia il vaiolo delle scimmie rappresenti attualmente per la comunità internazionale. Almeno 3.000 casi di vaiolo delle scimmie in più di 50 paesi sono stati identificati dall’inizio di maggio, secondo i dati dell’OMS.Il comitato ha valutato se attivare o meno il livello di allerta più alto dell’OMS in risposta all’epidemia, definita un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Covid-19 e poliomielite sono gli unici altri focolai di virus considerati dall’OMS emergenze internazionali di salute pubblica.

Sebbene l’OMS non abbia attivato il suo livello di allerta più alto, Tedros ha affermato che l’epidemia desta seria preoccupazione perché si sta diffondendo rapidamente nei paesi in cui normalmente il virus non si trova.

Storicamente, il vaiolo delle scimmie si è diffuso a bassi livelli nelle parti remote dell’Africa occidentale e centrale. Nell’attuale focolaio, l’84% dei casi segnalati nel mondo si trova in Europa, il che è molto insolito.”Ciò che rende particolarmente preoccupante l’attuale epidemia è la rapida e continua diffusione in nuovi paesi e regioni e il rischio di un’ulteriore e prolungata trasmissione a popolazioni vulnerabili, comprese le persone immunocompromesse, le donne in gravidanza e i bambini”, ha affermato Tedros in un comunicato stampa sabato.

Il direttore dell’OMS ha affermato che la ricerca sulla circolazione del vaiolo delle scimmie in Africa è stata trascurata, il che ha messo a rischio la salute delle persone lì e in tutto il mondo.

Monkeypox si diffonde principalmente attraverso uno stretto contatto fisico con una persona infetta o materiale contaminato come indumenti condivisi o lenzuola. Il virus può diffondersi attraverso le goccioline respiratorie se una persona infetta ha lesioni alla gola o alla bocca.

Tuttavia, ciò richiede un contatto faccia a faccia prolungato e non si ritiene che il vaiolo delle scimmie si diffonda attraverso le particelle di aerosol.Le goccioline respiratorie cadono rapidamente a terra, mentre le particelle di aerosol rimangono nell’aria per un periodo di tempo più lungo. Il Covid-19 si diffonde attraverso le particelle di aerosol, che è uno dei motivi per cui è così contagioso.

Il vaiolo delle scimmie appartiene alla stessa famiglia di virus del vaiolo, ma ha sintomi più lievi. La maggior parte delle persone guarisce in due o quattro settimane senza cure mediche specifiche.

L’epidemia di vaiolo delle scimmie colpisce principalmente uomini gay e bisessuali che hanno affermato di aver fatto sesso con partner nuovi o multipli, secondo l’OMS. Dei 468 pazienti con vaiolo delle scimmie che hanno rivelato informazioni demografiche, il 99% sono uomini. La maggior parte di loro si identificava come uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e avevano un’età media di 37 anni, secondo l’OMS.

Gli Stati Uniti hanno segnalato 142 casi confermati o sospetti di monkexpox in 23 stati e Washington DC, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. I funzionari sanitari negli Stati Uniti hanno cercato di aumentare la consapevolezza prima del mese del Pride su come si diffonda il virus e quali siano i sintomi in modo che le persone possano proteggersi dalle infezioni. Sebbene gli uomini che fanno sesso con uomini siano attualmente a rischio più elevato, chiunque può contrarre il vaiolo delle scimmie attraverso uno stretto contatto fisico indipendentemente dal proprio orientamento sessuale.

Il vaiolo delle scimmie spesso inizia con sintomi simili all’influenza, come febbre, mal di testa, dolori muscolari, brividi, esaurimento e ingrossamento dei linfonodi. Un’eruzione cutanea che sembra brufoli o vesciche appare quindi sul corpo. Le persone sono più contagiose quando hanno l’eruzione cutanea.Alcuni pazienti nell’attuale focolaio hanno sviluppato un’eruzione cutanea solo sui genitali o sull’ano prima di mostrare sintomi simil-influenzali, tuttavia, secondo il CDC, indicando che in quei casi si sta diffondendo attraverso il contatto sessuale. In altri casi, i pazienti hanno sviluppato l’eruzione cutanea senza alcun sintomo simil-influenzale.

Gli Stati Uniti hanno immagazzinato due diversi vaccini e un trattamento antivirale per combattere il vaiolo e il vaiolo delle scimmie. Jynneos è un vaccino a due dosi approvato per le persone di età pari o superiore a 18 anni. Il CDC generalmente raccomanda Jynneos rispetto all’altra opzione, ACAM2000, un vaccino contro il vaiolo di vecchia generazione. Jynneos è considerato più sicuro di ACAM2000, che può avere gravi effetti collaterali.

L’OMS ha affermato che la vaccinazione di massa non è raccomandata in questo momento per fermare il vaiolo delle scimmie. Gli Stati Uniti stanno offrendo vaccini alle persone ad alto rischio di esposizione al virus.

L’agenzia sanitaria internazionale ha applicato la designazione di emergenza solo sei volte da quando le regole sono state attuate a metà degli anni 2000. L’ultima volta che l’OMS ha dichiarato un’emergenza sanitaria globale, prima del Covid, è stato nel 2019 per l’epidemia di Ebola nel Congo orientale che ha ucciso più di 2.000 persone. L’agenzia ha anche dichiarato emergenze globali per il virus Zika del 2016, l’influenza suina H1N1 del 2009 e le epidemie di poliomielite ed Ebola del 2014.

SOURCE

eVenti Avversi

Read Previous

Ancora morti improvvise e inspiegabili e sempre premature. Sono 12 le vittime in queste ultime ore, il più giovane uno studente di medicina di 27 anni

Read Next

Nature: ” PROVE EVIDENTI di un AUMENTO del rischio di MIOCARDITE e PERICARDITE nella settimana successiva alla vaccinazione con vaccini mRNA sia nei maschi che nelle femmine”. NUOVO STUDIO